Analisi

Risk Management e Sviluppo Sostenibile: il ruolo del digitale

Il concetto di sviluppo sostenibile è sempre più centrale nelle strategie aziendali e nelle politiche pubbliche mentre il risk management ha assunto un ruolo chiave nel garantire la continuità operativa e la resilienza delle organizzazioni

Aggiornato il 02 Lug 2024

Amministratore di sistema: ruolo, responsabilità e rischi alla luce del GDPR

In uno scenario caratterizzato da rapidi cambiamenti climatici, crisi economiche e sociali, e da una crescente consapevolezza delle limitate risorse naturali, il concetto di sviluppo sostenibile è diventato centrale nelle strategie aziendali e nelle politiche pubbliche. Parallelamente, il risk management, ovvero la gestione dei rischi, ha assunto un ruolo cruciale nel garantire la continuità operativa e la resilienza delle organizzazioni. Due ambiti che sono chiamati a collaborare proprio per dare vita a un futuro più sostenibile e resiliente.

Cosa unisce Sviluppo Sostenibile e Risk Management

Lo sviluppo sostenibile, secondo la definizione della Commissione Brundtland del 1987, è “lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri bisogni“. Questo implica un equilibrio tra crescita economica, inclusione sociale e protezione ambientale. Il risk management, a sua volta, rappresenta il processo di identificazione, valutazione e prioritizzazione dei rischi seguiti dall’applicazione coordinata e conveniente di risorse per minimizzare, monitorare e controllare la probabilità e/o l’impatto degli eventi sfortunati.

L’Interconnessione tra Risk Management e Sviluppo Sostenibile implica una serie di fattori a partire dalla identificazione dei rischi e delle opportunità sostenibili. Si tratta in questo caso di un approccio integrato al risk management che consente alle organizzazioni di identificare non solo i rischi tradizionali (finanziari, operativi, legali), ma anche quelli legati alla sostenibilità, come i rischi climatici, la scarsità delle risorse, e le pressioni normative. Questi rischi, se non gestiti, possono compromettere la capacità di un’azienda di operare nel lungo termine. Al contempo, l’identificazione di opportunità sostenibili può aprire nuovi mercati e migliorare la reputazione aziendale.

La valutazione e mitigazione dei rischi

La valutazione e mitigazione dei rischi ambientali e sociali prevede che le aziende si impegnino nel valutare l’impatto delle loro operazioni sull’ambiente e sulla società. Questo include la gestione delle emissioni di gas serra, l’uso sostenibile delle risorse idriche, e il rispetto dei diritti umani. Il risk management fornisce gli strumenti per valutare questi rischi e sviluppare strategie di mitigazione, come l’adozione di tecnologie pulite, l’implementazione di pratiche di economia circolare, e l’engagement con le comunità locali.

La resilienza organizzativa e l’adattamento climatico rappresentano un altro fattore chiave. Il cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori minacce per la sostenibilità globale. Le aziende devono adattarsi a un clima in evoluzione, che può comportare eventi meteorologici estremi, cambiamenti nei modelli di precipitazione, e innalzamento del livello del mare. Il risk management aiuta le organizzazioni a sviluppare piani di resilienza, come la diversificazione delle supply chain, l’adozione di infrastrutture resilienti, e l’assicurazione contro i rischi climatici.

Gli aspetti legati a governance e trasparenza svolgono un ruolo cruciale nel garantire che le pratiche di sostenibilità siano integrate nelle strategie aziendali. Il risk management promuove la trasparenza e la rendicontazione, aiutando le aziende a comunicare in modo chiaro e accurato i loro rischi e le loro performance in materia di sostenibilità. Questo è particolarmente importante in un’epoca in cui gli investitori e gli stakeholder richiedono sempre più informazioni dettagliate sulle pratiche ESG (Environmental, Social, and Governance).

C’è poi un punto chiave che è determinato dai temi dell’innovazione e della competitività. In questo caso la gestione dei rischi legati alla sostenibilità può stimolare l’innovazione. Le aziende che adottano pratiche sostenibili spesso scoprono nuove opportunità di business e migliorano la loro competitività. Ad esempio, l’investimento in energie rinnovabili non solo riduce i rischi legati ai combustibili fossili, ma può anche portare a significativi risparmi sui costi energetici e a nuove fonti di reddito.

Articolo originariamente pubblicato il 02 Lug 2024

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5