Corporate Responsability

UNGUESS raggiunge la Carbon Neutrality

L’azienda ha ridotto del 42% le proprie emissioni rispetto all’anno precedente. Le restanti sono compensate con il sostegno a quattro progetti a livello globale

30 Ago 2022

Sempre più imprese puntano al raggiungimento della Carbon neutrality, riducendo e compensando la CO₂ emessa. In questo senso va l’impegno di UNGUESS, piattaforma di crowdsourcing che, per il secondo anno consecutivo, ha rinnovato il proprio impegno in materia, compensando tutte le emissioni di CO₂ prodotte nello svolgimento delle attività aziendali. Più nel dettaglio, le iniziative di UNGUESS è sono state supportate da Up2You, startup innovativa certificata B Corp. La collaborazione ha calcolato 67.432 i kg di CO₂ prodotti dalle attività lavorative di UNGUESS, il 42% in meno rispetto ai 160.000 kg prodotti l’anno precedente. Il merito è di una serie di azioni finalizzate a ridurre il proprio impatto ambientale attraverso una diminuzione delle emissioni di CO₂ equivalente. Tra fattori che hanno influito positivamente sulla riduzione della CO₂ sono la classe energetica A della sede principale e la policy di remote working. Attraverso una politica di lavoro flessibile, che prevede la maggior parte dei dipendenti che lavora spesso da casa, UNGUESS ha ridotto gli spostamenti casa-lavoro, con un beneficio anche in termini di impatto ambientale.

Per compensare la CO₂ comunque prodotta, UNGUESS sostiene dal 2021 quattro progetti in tutto il mondo che coinvolgono ben 1159 persone (per il 67% si tratta di progetti volti alla preservazione boschiva; per il 33% relativi alle energie rinnovabili). In Cina viene sostenuto Heqing Solar Cooker Project, un progetto permette ai residenti rurali di abbandonare il combustibile fossile (carbone) usato nella cottura quotidiana e nella bollitura dell’acqua, utilizzando al suo posto energia solare ed evitando così emissioni di CO₂. Un secondo progetto (Kariba REDD+ Project) è nello Zimbawe, in cui si aiuta la popolazione locale a promuovere attività di conservazione dell’area forestale ovvero boschi di mopane e miombo, ma anche una variegata fauna selvatica come elefanti africani, leoni e leopardi. La terza iniziativa è Maísa REDD+ (Brasile), geolocalizzata in una regione di grande importanza per la biodiversità amazzonica, con lo scopo di promuovere la preservazione forestale. Infine, nello Zambia è sostenuto il Lower Zambezi REDD+ Project, che contribuisce a proteggere più di 40.000 ettari di bosco di miombo, assicurando al contempo la produzione agricola su diverse centinaia di ettari.

“Grazie ai progetti di compensazione delle emissioni di CO₂ che abbiamo sostenuto, facciamo parte dell‘1% delle aziende italiane ad essere Carbon Neutral – ha affermato Laura Villa, Marketing Manager di UNGUESS – . L’azienda è quindi parte dell’1% delle aziende più virtuose in Italia dal punto di vista di lotta al cambiamento climatico che hanno già raggiunto un obiettivo di Carbon Neutrality”

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5