Food Sustainability

Ridurre del 30% l’impatto sul global warming della carne bovina: il piano della Global Roundtable for Sustainable Beef

La GRSB è una rete mondiale di persone e organizzazioni che, facilitando lo scambio di conoscenze e promuovendo un approccio collaborativo, si propone di rendere l’industria della carne bovina più responsabile dal punto di vista ambientale, più resiliente dal punto di vista economico e socialmente vantaggiosa, inserendosi così in un ecosistema agroalimentare sostenibile che può concorrere agli SDGs dell’ONU

23 Ago 2021

Una delle più pressanti sfide che il mondo deve affrontare oggi, ruota attorno al sofferto tema del Climate Change e l’industria globale della carne bovina ha un ruolo chiave da svolgere nel mitigare il riscaldamento globale. E così, attraverso la sua rete mondiale di persone e organizzazioni (tra cui Cargill, JBS, ComGroup, McDonalds e WWF a livello globale, e in Europa Belvedere Agriculture, HCC Meat Promotion Wales, Rabobank e Bord Bia), la Global Roundtable for Sustainable Beef (GRSB) intende promuovere il progresso sostenibile del settore fissando obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni di gas serra, miglioramento dell’uso del suolo e attuazione delle migliori pratiche per il benessere degli animali. Tutti accuratamente identificati per riflettere le aree prioritarie di miglioramento al fine di garantire che la carne bovina mantenga una catena di approvvigionamento globale sostenibile e consolidi il suo ruolo come parte di un sistema alimentare sostenibile.

“Il mondo si basa sulla carne bovina e l’industria si affida a un mondo sano per produrla – commenta Ruaraidh Petre, direttore esecutivo della Global Roundtable for Sustainable Beef che continua – Ecco perché c’è un crescente slancio nel settore per proteggere e coltivare le risorse naturali della terra. Ora più che mai riconosciamo la necessità che la carne sia più ecologica, più socialmente responsabile e più redditizia dal punto di vista economico. I nostri obiettivi sono ambiziosi e potremmo non avere ancora tutte le soluzioni per raggiungerli. Concentrando i nostri sforzi, miriamo a ispirare la ricerca e gli investimenti nella scienza e nell’innovazione che sbloccheranno il loro potenziale impatto”.

Clima, uso del suolo, salute e benessere degli animali per la sostenibilità dell’industria bovina

Al fine di sostenere l’urgente ambizione globale di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi entro il 2030, la GRSB mira a ridurre globalmente del 30% l’impatto netto sul riscaldamento globale di ciascuna unità di carne bovina, in un percorso verso la neutralità climatica. Ciò sarà ottenuto attraverso la riduzione delle emissioni di gas serra e il sequestro del carbonio della copertura foraggera e delle praterie. I membri della tavola rotonda si stanno anche impegnando a capire come gestire il sequestro del carbonio e concentrarsi su misurazioni efficaci su base continuativa.

WHITEPAPER
Cosa serve per risparmiare davvero sull’energia? L’IoT da solo non basta!

Per l’uso del suolo, GRSB e i suoi membri garantiranno che la catena del valore della carne bovina dia un contributo positivo netto alla natura entro il 2030. Ciò significa che GRSB lavorerà con tavole rotonde nazionali e regionali per stabilire metriche per misurare, monitorare, riportare e verificare efficacemente i progressi. I membri finanzieranno, reperiranno, svilupperanno, sosterranno e condivideranno pratiche lungo l’intera catena del valore per sostenere e ripristinare i pascoli, migliorare la resilienza, conservare foreste, praterie e vegetazione autoctona, aumentare la biodiversità e aiutare a invertire il declino ecologico. Ciò include anche l’eliminazione della deforestazione illegale e la conversione illegale della terra e include l’impegno a sostenere finanziariamente i produttori di carne bovina per raggiungere questo obiettivo.

Nell’area della salute e del benessere degli animali, i membri della GRSB concentreranno i loro sforzi nel continuare a migliorare la qualità della vita dei bovini, ottenuta attraverso una maggiore adozione delle migliori pratiche nella prevenzione delle malattie, nelle misure di trattamento, nella gestione del bestiame e nella genetica appropriata. Inoltre, aumenteranno le opportunità di formazione per allevatori e produttori di carne bovina per pratiche che garantiscono il comfort, consentono agli animali di esprimere modelli di comportamento normali e garantiscono la mitigazione del dolore ove richiesto. Su questa kubea, adotteranno un monitoraggio pratico dell’efficacia della formazione, concentrando i loro sforzi sulla riduzione al minimo della morbilità e della mortalità.

Immagine fornita da Shutterstock

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5