Sostenibilità

Quote di CO2, come funziona il meccanismo che regola le emissioni

In Europa il meccanismo ETS disciplina le emissioni inquinanti di utilities e grandi aziende, in funzione degli obiettivi di decarbonizzazione assunti

07 Giu 2022
Il meccanismo delle quote di CO2 punta a stabilire un costo per le emissioni inquinanti

Il termine quote di CO2 è sempre più spesso accostato ai temi della sostenibilità ambientale, tanto da essere indicata spesso come una delle chiavi per la transizione green delle nostre economie. Cosa ci sia dietro a queste parole, però, è poco conosciuto dalla grande maggioranza dei non addetti ai lavori, dunque è opportuno fare alcuni passi indietro.

Il punto di partenza inequivocabile è che la crescente concentrazione di CO2 in atmosfera, come noto, è la principale responsabile del cambiamento climatico globale ed è direttamente causata dalle attività antropiche (produzione e utilizzo di fonti di energia fossili, produzione di acciaio e cemento, fertililizzanti, allevamenti ecc). Dunque, da diversi anni a questa parte, si sta cercando di scoraggiare l’ulteriore immissione in atmosfera di anidride carbonica e degli altri gas climalteranti come il metano (il cui impatto è comunque di norma misurato in tonnellate di CO2 equivalenti).

Il meccanismo ETS

L’Europa, come spesso è capitato in materia ambientale, ha fatto da apripista, elaborando il meccanismo delle quote di CO2 che, sostanzialmente, prevede il pagamento di un costo per la CO2 immessa nell’ambiente, così da spingere gli operatori “inquinanti” a fare il possibile per limitarne la produzione.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

In particolare, questo concetto si è affermato con la Direttiva 2003/87/CE (modificata da ultimo dalla direttiva UE 2018/410), secondo cui dal primo gennaio 2005 gli impianti grandi emettitori dell’Unione Europa non possano funzionare senza un’autorizzazione alle emissioni di gas serra. La direttiva ha dato vita al Sistema per lo scambio di quote emissione di gas a effetto serra dell’UE (European Union Emissions Trading Scheme – EU ETS), secondo cui ogni impianto autorizzato deve compensare annualmente le proprie emissioni con quote (European Union Allowances – EUA, equivalenti a 1 tonnellata di CO2eq) che possono essere comprate e vendute dai singoli operatori interessati. Più precisamente, una volta l’anno, tutte le imprese che partecipano all’UE ETS devono restituire una quota di emissione per ogni tonnellata di CO2eq emessa.

C’è da rilevare che, comunque, un numero limitato di quote di emissione viene assegnato a titolo gratuito ad alcune imprese sulla base di regole armonizzate di assegnazione applicate in tutta Europa. Gli impianti manifatturieri, in particolare quelli esposti a rischio di delocalizzazione a causa dei costi del carbonio (rischio di carbon leakage diretto), ricevono una parte di quote a titolo gratuito in base a parametri di riferimento (benchmark). In ogni caso, le imprese che non ricevono quote di emissione a titolo gratuito o in cui le quote ricevute non sono sufficienti a coprire le emissioni prodotte devono acquistare le quote di emissione all’asta o da altre imprese. Al contrario, chi possiede quote di emissioni in eccesso può rivenderle. In un certo senso, le quote rappresentano la valuta centrale del sistema ETS; una quota dà al suo titolare il diritto di emettere una tonnellata di CO2 o l’ammontare equivalente di un altro GHG. Gli impianti soggetti allo scambio devono comunque tenere traccia delle loro emissioni, con l’obiettivo di sapere in ogni momento quale quantità di quote devono restituire.

Attenzione, però: anche acquistando quote di CO2 dall’esterno, le imprese soggette all’ETS non possono fare ciò che vogliono, emettendo quantità spropositate di CO2. Vige il principio del “Cap and Trade”: questo sistema prevede che debba essere fissato un tetto o limite che stabilisce la quantità massima che può essere emessa dagli impianti che rientrano nel sistema. Entro questo limite, le imprese possono acquistare o vendere quote in base alle loro esigenze.

Chi è interessato

Altro punto cruciale di tutto il meccanismo delle quote di CO2 è che quando una società non adempie agli obblighi di conformità (Compliance) riceve delle sanzioni piuttosto pesanti. I soggetti coinvolti nell’ETS sono relativamente numerosi: secondo le stime, si tratta di un meccanismo che coinvolge oltre 11.000 operatori a livello europeo, tra cui operatori aerei, impianti termoelettrici industriali, manifatture e impianti di produzione, stoccaggio e trasporto di diverso tipo. Da notare che nel meccanismo, oltre agli stati membri dell’UE sono coinvolte Norvegia, Liechtenstein e Islanda.

Ad oggi, sono circa 1.200 gli impianti italiani interessati, di cui il 71% nel settore manifatturiero. In particolare, coinvolti nella normativa ci sono le centrali di generazione di produzione di energia elettrica e di calore, i settori industriali ad alta intensità energetica, comprese raffinerie di petrolio, acciaierie e produzione di ferro, metalli, alluminio, cemento, calce, vetro, ceramica, pasta di legno, carta, cartone, acidi e prodotti chimici organici su larga scala, ma anche l’aviazione civile.

Le piccole imprese sono sostanzialmente escluse dal sistema delle quote di CO2: la direttiva ETS (art. 27) prevede infatti che gli Stati membri possono escludere dal Sistema per lo scambio di quote emissione di gas a effetto serra dell’UE ( EU ETS) gli impianti di dimensioni ridotte (“piccoli emettitori”) con emissioni inferiori a 25 mila tonnellate CO2 equivalenti l’anno, se comunicano alla Commissione europea le “Misure equivalenti” che intendono applicare ai piccoli emettitori nazionali (e se la Commissione accetta tali misure)

L’acquisto delle quote di CO2

Ricapitolando, per non dover incorrere nei meccanismi sanzionatori previsti dall’ETS, le imprese hanno di fronte a sé un carnet di opzioni abbastanza limitato:

  1. Adottare misure per ridurre le proprie emissioni, investendo in tecnologie più efficienti e a basso rilascio di CO2;
  2. Acquistare le quote necessarie dalle aste o dal mercato EU ETS;
  3. Usare una combinazione delle due opzioni precedenti.

Concentriamoci sul secondo punto, ovvero sul mercato delle quote di CO2. La prima cosa da dire è che l’ETS dell’UE funziona come un programma di “limitazione e scambio”. La normativa fissa il numero massimo annuo di quote disponibili (il “limite massimo”) e si crea un mercato nel quale le quote vengono comprate e vendute. La spinta al mercato, lo ricordiamo, è data dal fatto che gli operatori necessitano di una quota per ogni tonnellata di biossido di carbonio equivalente emessa. Le quote sono ottenute o tramite aste pubbliche – nelle quali i responsabili degli impianti devono presentare offerte – oppure gratuitamente. Gli operatori che hanno bisogno di quote per coprire le proprie emissioni possono anche acquistare quote su mercati specializzati e da altri operatori.

Facciamo un esempio concreto: la fabbrica A riceve più quote di quelle che le servono per coprire le proprie emissioni. Può decidere di tenere il surplus o di venderlo. La fabbrica B non riceve abbastanza quote gratuite per coprire le proprie emissioni e deve acquistare le quote mancanti all’asta oppure da altri operatori (a meno che abbia uno stock di quote da precedenti anni). Per tenere sotto controllo il commercio di quote di CO2, esiste un Registro unico dell’Unione europea, una banca dati in formato elettronico che tiene traccia di tutti i passaggi di proprietà delle quote e consente agli operatori di compensare, annualmente, le proprie emissioni restituendo le quote agli Stati membri.

I prezzi delle quote di CO2

Ma come si determina il prezzo delle quote di CO2? Innanzitutto, occorre precisare che il numero di quote che ciascuno Stato mette all’asta è determinato prevalentemente sulla base delle emissioni storiche degli impianti fissi coperti dall’EU ETS presenti sul territorio nazionale. Almeno la metà dei proventi delle aste di quote per gli impianti fissi – e tutti i ricavi delle aste di quote per gli operatori aerei – deve essere utilizzata dagli Stati membri in azioni volte a combattere il cambiamento climatico. Per tanti anni il problema è che le quote hanno avuto un valore estremamente basso, senza rappresentare un reale incentivo per le imprese a mettere in campo ambiziosi obiettivi di efficientamento o di sostenibilità.

Fondamentalmente, il problema scaturiva dal numero eccessivo di quote gratuite assegnate dalla Ue, che tendeva quindi a livellare verso il basso il valore delle quote di CO2. In particolare dal 2005 al 2012 (le prime due fasi dell’ETS dell’UE) quasi tutte le quote sono state assegnate a titolo gratuito. Ogni anno, il numero di quote assegnate era maggiore dell’ammontare necessario a coprire le emissioni effettive, specie quando è iniziata la recessione economica successiva al 2008, comportando un crescente saldo positivo di quote detenuto dai singoli operatori, con effetti estremamente negativi per le quote di CO2. La situazione sembra ora radicalmente cambiata: le quote gratuite per le imprese si vanno riducendo di anno in anno, per favorire il raggiungimento degli ambiziosi target di decabonizzazione europei al 2030.

In effetti i prezzi nell’EU ETS hanno chiuso il 2021 a oltre 80 euro per tonnellata di CO2, più del doppio del prezzo alla fine del 2020, proprio sulla base delle aspettative di un ulteriore innalzamento dei target Ue (come previsto dal pacchetto Fit for 55). In aggiunta a ciò, l’impennata dei prezzi del gas naturale rispetto al quarto trimestre ha portato a una maggiore produzione di energia da carbone, stimolando così la domanda di permessi e rendendoli così più costosi.

Da rilevare che in Italia, il decreto legislativo n. 199/21 di implementazione della direttiva europea, cd.RED II, sulle fonti rinnovabili, all’articolo 15.1, prevede che, dal 2022, una quota dei proventi delle aste per i permessi di emissione della CO2 sarà destinata alla copertura dei costi d’incentivazione delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica mediante misure finanziate dalle tariffe dell’energia. In effetti l’aumento delle quota della CO2, sta producendo un innalzamento dei proventi derivanti dalla messa all’asta delle quote nella disponibilità dello Stato italiano.

Carbon leakage diretto e indiretto

Ovviamente l’implementazione di un sistema di quote sulla Co2 prodotto, in un’economia che si basa ancora fortemente sulle fonti fossili ad alto contenuto di carbonio, comporta dei rischi. Il primo, che abbiamo parzialmente introdotto, è il cosiddetto “Carbon leakage diretto” che fa riferimento rischio di delocalizzazione delle imprese europee a causa degli alti prezzi della CO2.

Esiste però un’altra problematica, definita come “Carbon leakage indiretto”, ovvero l’aumento dei prezzi dell’elettricità, causata dagli alti prezzi del carbonio, che le imprese energetiche europee utilizzano ancora oggi come materia prima. Da un punto di vista normativo l’articolo 10 bis, paragrafo 6, della direttiva ETS prevede che gli Stati membri possano adottare “misure finanziarie a favore di settori o sottosettori considerati esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio a causa dei costi connessi alle emissioni di gas a effetto serra trasferiti sui prezzi dell’energia elettrica, al fine di compensare tali costi e ove tali misure finanziarie siano conformi alle norme sugli aiuti di Stato applicabili e da adottare in tale ambito”.

La Governance dell’ETS

– La Commissione sorveglia le misure adottate dagli Stati membri a norma della direttiva sull’ETS dell’UE, predispone regole per le aste e l’assegnazione a titolo gratuito delle quote, fornisce linee-guida sull’applicazione della direttiva agli Stati membri, agli operatori e ai verificatori esterni e presenta proposte legislative sull’ETS dell’UE al Parlamento europeo e al Consiglio;
– le autorità competenti degli Stati membri dell’UE controllano e approvano i piani di monitoraggio delle emissioni degli operatori, ispezionano gli operatori e accettano le comunicazioni delle emissioni verificate trasmesse da questi ultimi, sulla base della normativa UE e degli orientamenti della Commissione;
– Gli operatori soggetti al limite di emissione di GES fissato dall’UE ottengono e restituiscono, ogni anno, un ammontare di quote corrispondente alle rispettive emissioni. La mancata restituzione di un ammontare sufficiente di quote viene sanzionata con una ammenda di 100 euro per biossido di carbonio equivalente (CO2e) non coperto, oltre ad ammende aggiuntive fissate a livello di Stato membro (secondo disposizioni armonizzate contenute nella direttiva sull’ETS dell’UE);
4) i verificatori esterni (approvati da enti di accreditamento negli Stati membri) controllano e certificano i dati sulle emissioni comunicati dagli operatori.

Il mercato volontario dei crediti di carbonio

Da non confondere con il meccanismo ETS delle quote di CO2 è il mercato volontario dei crediti di carbonio, che pure è in grande crescita. Si tratta di un certificato negoziabile, ovvero un titolo equivalente ad una tonnellata di CO2 non emessa o assorbita grazie a un progetto di tutela ambientale realizzato da un ente terzo con lo scopo di ridurre o riassorbire le emissioni globali di CO2 e altri gas ad effetto serra. In altre parole, acquistare crediti di carbonio (carbon credits) permette alle aziende che emettono gas serra, di contribuire economicamente alla realizzazione e allo sviluppo di uno o più progetti di tutela ambientale. Questi progetti normalmente sono realizzati in Paesi in Via di Sviluppo, con obiettivi di promozione sociale e di autosufficienza economica per le popolazioni locali.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA
T
Gianluigi Torchiani
Giornalista

Articolo 1 di 5