Investimenti

Gray to Green: Argos Climate Action acquisisce la maggioranza in Bracchi

Obiettivo: estendere la copertura geografica, acquisire competenze in nicchie logistiche specializzate e ridurre le emissioni di CO2 delle operazioni dell’azienda

Pubblicato il 18 Dic 2023

Nell’ambito del primo closing annunciato all’inizio di settembre, Argos Climate Action, realtà specializzata in fondi europei di buyout “Grey to Green“, ha acquisito una quota di maggioranza in Bracchi, impresa del settore del trasporto merci e della logistica. L’operazione è stata portata a termine grazie al coinvestimento di Anima Alternative SGR, Clessidra Capital Credit SGR e il Management. IGI Private Equity e Siparex sono stati i fondi da cui l’azienda è stata acquistata. Bracchi, nata come impresa di trasporti locale italiana, si è evoluta fino a diventare un attore nel campo della logistica e del trasporto su scala europea con una offerta di servizi personalizzati in settori altamente specializzati come gli ascensori, le attrezzature agricole e i marchi del lusso.

Riduzione delle emissioni tra i fattori chiave della strategia di investimento

Con 650 dipendenti e un fatturato superiore ai 180 milioni di euro generato nel 2022 da 7 sedi regionali e 11 hub in Europa, Bracchi punta a chiudere il 2023 con circa 200 milioni. Il piano aziendale per i prossimi anni pone obiettivi legati all’ampliamento della copertura geografica, all’acquisizione di competenze tecniche in altre aree della logistica per incrementare la base clienti. In particolare in linea con la mission del Fondo, il piano prevede di ridurre le emissioni di CO2 delle operazioni dell’azienda ed è supportato dalla strategia del management volta a intraprendere una transizione ecologica, anche per rispondere alla domanda dei principali clienti dell’azienda, che stanno già accelerando la decarbonizzazione delle loro catene di fornitura.

WHITEPAPER
Magazzino 4.0: come automatizzare la logistica in entrata
Smart logistic
Automazione industriale

Il piano si basa su soluzioni tecniche validate in un settore ad alto impatto carbonico e su partnership innovative per l’approvvigionamento di biocarburanti. Il nuovo Consiglio di Amministrazione sarà presieduto da Paolo Scaroni, che guiderà l’azienda nel suo percorso verso la decarbonizzazione, con un focus strategico sui biocarburanti innovativi e altri sistemi di mobilità sostenibile.

Sostenuto da istituzioni pubbliche, investitori istituzionali e Family Office, tutti fermamente convinti della necessità di contribuire attivamente alla mitigazione dei cambiamenti climatici senza compromettere i rendimenti finanziari, Argos Climate Action risponde alle aspettative nel panorama del Mid-Market buyout europeo. Nel settembre 2023, Argos Wityu aveva annunciato il primo closing di Argos Climate Action per 120 milioni, raggiungendo il 40% del suo obiettivo iniziale.

Lucio Ranaudo, Senior Partner di Argos Wityu, ha dichiarato in una nota dell’azienda: “Siamo molto orgogliosi che Bracchi sia il primo investimento del nostro fondo Argos Climate Action. Si tratta di una eccellenza italiana apprezzata e riconosciuta in Europa con un forte potenziale di sviluppo. Oggi insieme al management, puntiamo a solidi fondamentali di buyout attivando una serie di iniziative che fungano da leva per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità perché secondo noi la sostenibilità rappresenta un vantaggio competitivo, non un costo”.

Sandra Lagumina, Senior Partner di Argos Wityu ha aggiunto: “Il nostro obiettivo è che Bracchi diventi un leader europeo sostenibile nel mercato dei trasporti e della logistica. Siamo quindi pronti a fornire tutto il nostro supporto come azionisti mettendo a disposizione tutte le competenze e le esperienze maturate da ARGOS Wityu nell’ambito della sostenibilità”.

Mario Fera, Amministratore Delegato di Clessidra Capital Credit SGR. ha aggiunto: “Siamo entusiasti di sostenere il piano di espansione e di decarbonizzazione di Bracchi, perfettamente coerente con i principi di sostenibilità promossi dal nostro fondo. Questa operazione rappresenta il sesto investimento del fondo Clessidra Private Debt, e ad oggi abbiamo investito il 60% del capitale raccolto. Affiancando Argos Wityu e Bracchi confermiamo il nostro ruolo di partner in grado di fornire soluzioni flessibili per sostenere la crescita di una società con obiettivi ESG chiari e trasparenti”.

“Il supporto allo sviluppo di aziende italiane eccellenti come Bracchi con strumenti di capitale ibrido rientra pienamente nella nostra strategia – commentano Philippe Minard e Andrea Cappuccio, rispettivamente Direttore Investimenti e Vice-Direttore Investimenti di Anima Alternative SGR – Siamo grati ad Argos Wityu di permetterci di accompagnare l’ambizioso programma di decarbonizzazione disegnato insieme al management team guidato da Umberto Ferretti”.

Umberto Ferretti, CEO di Bracchi ha commentato a sua volta: “L’operazione appena conclusa trova tutto il management pienamente soddisfatto di poter cogliere ulteriori opportunità di sviluppo nel nostro business attraverso nuove leve strategiche in piena coerenza con il cambiamento che il comparto sta vivendo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5