ESG SMARTDATA

Quale contributo arriva dai Refurbished PC al Green IT?

La scelta dei pc ricondizionati in grande crescita grazie alla maggiore sensibilità di utenti e imprese a considerare l’allungamento del ciclo di vita delle tecnologie come un fattore che contribuisce alla riduzione delle emissioni e al Green IT

Pubblicato il 22 Feb 2023

Fonte: Statista

Quando si parla di Green IT si pensa prima di tutto ai consumi energetici dei sistemi e alle emissioni di CO2 direttamente collegate alle “macchine digitali” nel corso del loro ciclo di vita. In realtà il tema della sostenibilità deve comprendere tutte le componenti che generano un impatto. Il ciclo di vita dei prodotti o Life Cycle Assessment LCA è un fattore chiave per comprendere il reale impatto di una tecnologia e non a caso si sta assistendo a un cambiamento importante nel rapporto tra utenti, imprese e tecnologie.

Allungare il ciclo di vita dei prodotti per contribuire a ridurre le emissioni

Allungare il ciclo di vita di un prodotto vuol dire contribuire, in un misura che potrà essere monitorata in modo sempre più preciso, alla riduzione delle emissioni dell’IT. In questo senso si colloca la rivitalizzazione del mercato relativo ai refurbished computing o pc ricondizionati. Un mercato questo che secondo le stime di Statista promette di passare dai 10,6 miliardi di dollari del 2012 ai 15,8 miliardi di dollari del 2028. Il tema di fondo da sottolineare oggi è nella motivazione che sottende a questo fenomeno: non c’è più solo una questione di budget, di clienti che si “accontentano” di sistemi con prestazioni non allineate agli ultimi rilasci ,ma che trovano un equilibrio tra budget, performance e – soprattutto – contributo alla riduzione delle emissioni.

Su ESG Smart Data una selezione e una sintesi delle ricerche e delle analisi sul ruolo e sulle prospettive della sostenibilità per le imprese e per le pubbliche amministrazioni.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5