Sostenibilità

Orio al Serio punta sulla decarbonizzazione: al via la sperimentazione della ricarica ad induzione

Lo prevede l’accordo di collaborazione ufficiale siglato tra A35 Brebemi e Sacbo spa che si concentrerà sul sistema DWPT (Dynamic Wireless Power Transfer) per verificare la fattibilità dell’impiego della tecnologia di ricarica elettrica ad induzione per abbattere l’inquinamento anche in ambito aeroportuale

14 Lug 2022

Nell’Aeroporto Orio al Serio di Bergamo si sperimenterà una tecnologia innovativa per la decarbonizzazione delle infrastrutture strategiche per la movimentazione di passeggeri e merci, in linea con gli obiettivi del Fit for 55 per i trasporti. È quanto prevede l’accordo di collaborazione ufficiale siglato tra A35 Brebemi, capofila del progetto “Arena del Futuro” per la sperimentazione del sistema DWPT (Dynamic Wireless Power Transfer) e Sacbo spa, che ha realizzato e gestisce lo scalo internazionale di Milano Bergamo – Orio al Serio che punta a verificare in maniera indipendente la funzionalità della tecnologia di ricarica elettrica ad induzione, che potrebbe essere impiegata per abbattere l’inquinamento anche in ambito aeroportuale. Nel concreto, A35 Brebemi realizzerà, in una sezione del circuito di test “Arena del Futuro”, dei lavori di posa della tecnologia DWPT in ambiente appositamente adattato al settore aeroportuale. Sulla base della sperimentazione all’Arena del Futuro saranno valutati potenziali interventi congiunti.

“Lo sviluppo dello studio legato alla tecnologia DWPT e i suoi risultati positivi stanno suscitando un grande interesse a livello internazionale – afferma il Presidente di A35 Brebemi, Francesco Bettoni – Per questo motivo salutiamo con soddisfazione l’accordo di collaborazione con un’importante realtà sul nostro territorio, come l’Aeroporto Internazionale Il Caravaggio di Milano Bergamo – Orio al Serio, che valuterà con noi la fattibilità dell’utilizzo di questo innovativo sistema anche in ambito aeroportuale, verso la decarbonizzazione della mobilità di passeggeri e merci.”

“Lo sviluppo dell’Aeroporto di Milano Bergamo è contraddistinto da sempre da una crescita infrastrutturale ispirata alla compatibilità ambientale. Ne è la conferma il riconoscimento del terzo livello della certificazione Airport Carbon Accreditation. Tale processo è destinato a proseguire con la predisposizione di soluzione innovative, che riguardano in particolare la transizione alla mobilità elettrica dell’insieme dei mezzi aeroportuali – sottolinea il Presidente di SACBO, Giovanni Sanga –  L’accordo sottoscritto con Brebemi ci proietta in una dimensione operativa totalmente green, che potrà essere raggiunta anche attraverso la migrazione della tecnologia applicata alla A35”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5