PATHWAY TO COP28

Fondo verde per il Clima: i Paesi ricchi promettono 8,8 miliardi di euro a favore dei più poveri

A Bonn il punto sul sostegno finanziario alle nazioni più povere per affrontare i cambiamenti climatici, argomento che svolgerà un ruolo importante durante la prossima Cop28: 25 i Paesi che si sono impegnati, altri 5 quelli che hanno dichiarato l’intenzione di farlo a breve. Silenzio degli USA, mentre le ONG criticano l’entità delle promesse

Pubblicato il 10 Ott 2023

climate-change-2254711_1920

I Paesi più poveri riceveranno nei prossimi anni almeno 9.322 milioni di dollari (8.900 milioni di euro) dai Paesi industrializzati per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze. Il denaro è stato stanziato dai paesi donatori per il Fondo verde per il clima per finanziare progetti per il periodo dal 2024 al 2027 nei paesi emergenti e in via di sviluppo, come annunciato nei giorni scorsi dal Ministero federale tedesco dello sviluppo dopo una conferenza organizzata dalla Germania a Bonn.

Già 25 i Paesi che si sono impegnati nel Fondo verde per il Clima

Venticinque paesi si sono impegnati e altri cinque hanno dichiarato l’intenzione di farlo a breve, per cui, secondo il Ministero, la somma alla fine sarà probabilmente “notevolmente più alta”. Il ministro dello Sviluppo, Svenja Schulze, ha espresso la speranza che ciò avvenga prima della Conferenza mondiale sul clima che si terrà a Dubai alla fine dell’anno, ma che è ancora troppo presto per fare una valutazione definitiva. A nome del governo tedesco, il cancelliere Olaf Scholz ha ribadito il suo impegno a stanziare 2 miliardi di euro per l’attuale round di finanziamento del Fondo.

Più nel dettaglio, tre quarti degli Stati contributori hanno aumentato i propri impegni rispetto alla precedente conferenza dei donatori del 2019, tra cui Germania, Austria e Francia. Danimarca, Irlanda e Liechtenstein hanno raddoppiato i loro impegni. Non è stata menzionata alcuna promessa da parte degli Stati Uniti, ma ad aprile, il presidente Joe Biden ha annunciato 1 miliardo di dollari (950 milioni di euro) di nuovi finanziamenti per il clima per i paesi in via di sviluppo in un vertice virtuale sul clima alla Casa Bianca.

Il più grande fondo mirato a sostenere le nazioni più povere

Gli impegni assunti alla conferenza di alto livello contribuiranno a ricostituire il Fondo verde per il clima con sede in Corea del Sud, istituito nel 2010 come veicolo di finanziamento per i paesi in via di sviluppo. È il più grande fondo di questo tipo mirato a sostenere finanziariamente le nazioni più povere nella riduzione delle emissioni, nella gestione degli impatti dei cambiamenti climatici e nell’incentivare la transizione verso l’energia pulita. Il Fondo fornisce sovvenzioni, prestiti, garanzie e capitali ai paesi in via di sviluppo per combattere le conseguenze del cambiamento climatico e cerca anche di mobilitare capitale privato. Secondo il Ministero federale dello sviluppo finora sono stati finanziati 228 progetti.

La critica delle ONG al Fondo verde per il Clima

Nonostante l’aumento degli impegni le ONG hanno espresso severe critiche, affermando che gli stanziamenti previsti non sono all’altezza di ciò che è necessario per affrontare l’impatto del cambiamento climatico sulle comunità vulnerabili nei paesi in via di sviluppo.

“Il Fondo Verde per il Clima, concepito come l’ancora di salvezza per l’azione climatica nei paesi in via di sviluppo, è frenato dall’indifferenza dei paesi ricchi”, ha affermato Harjeet Singh, capo della strategia politica globale del Climate Action Network International, una rete di oltre 1.900 organizzazioni della società civile in oltre 130 paesi.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5