Finance

Rating ESG sempre più importanti per il mondo del banking

L’Accenture Banking Conference 2021 ha evidenziato la crescente importanza delle tematiche della sostenibilità per gli operatori bancari

Pubblicato il 13 Mag 2021

Dopo la digitalizzazione, per il mondo del banking è destinato ad arrivare un altro importante cambiamento: quello della sostenibilità, che è destinata a diventare un prerequisito di business e leva di differenziazione, abilitata da incentivi chiari e misurabili per tutti gli stakeholder. Questa la principale conclusione dell‘Accenture Banking Conference 2021, secondo cui proprio tenendo in considerazione la sostenibilità come punto di riferimento, le banche potranno giocare un ruolo rilevante nel veicolare al tessuto produttivo del paese le ingenti somme rese disponibili dal PNNR per superare la crisi da Covid-19. La tesi di Accenture è che soltanto un numero esiguo di aziende, definite per l’appunto da Accenture come Twin Transformer, siano già oggi capaci di legare trasformazione digitale e transizione sostenibile. Proprio questi player, evidenzia Accenture, avranno una probabilità 2,53 volte superiore rispetto agli altri di recuperare più rapidamente dalla crisi COVID-19 e di essere tra i “leader di domani”. In particolare, come ha messo in evidenza Massimiliano Colangelo, Financial Services Lead di Accenture, la banche dovranno rivedere i propri processi per essere sostenibile, ma allo stesso tempo aiutare i propri clienti a diventare ESG compliant.

L’importanza crescente dei rating ESG in ambito finance e banking è stata evidenziata da tutti i partecipanti intervenuti alle tavole rotonde dell’Accenture Banking Conference:  “Io credo che tutte le aziende diventeranno ESG compliant – ha affermato Massimo Doris, AD di BancaMediolanum – per il nostro pianeta e la nostra salute, anche grazie alle pressioni dall’alto”. Anche Paolo Bertoluzzo, Ceo di Nexi ha evidenziato l’esplosione durante la pandemia del fenomeno Esg. Un cambiamento che è stato innescato anche dalle scelte di un gestore di fondi come Black Rock: i criteri ESG sono stati inseriti negli investimenti a scelta attiva gestiti, ovvero quasi 3000 miliardi di dollari sui 9000 complessivi. La ragione è semplice, come ha raccontato Giovanni Sandri, ceo di Blackrock Italia : “Il rischio climatico è ormai diventato un rischio d’impresa. La trasformazione sostenibile dell’economia comporta al contempo enormi opportunità. Si parla di 50.000 miliardi o più previsti per la transizione all’economia zero emissioni nei prossimi 30 anni. Per gli investitori è una grandissima opportunità”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5