PATHWAY TO COP28

Agenda 2030: l’Onu sfodera tutto il suo “coraggio” per salvare i finanziamenti agli SDGs

I leader mondiali hanno avviato un dialogo ad alto livello sulle concrete possibilità di sostegno finanziario agli Obiettivi di Sviluppo sostenibile. E stimolati da Guterres, hanno detto sì ad “approcci innovativi, decisioni politiche coraggiose e nuove fonti di finanziamento”

Pubblicato il 28 Set 2023

sdgS

Sbloccare soluzioni innovative e pratiche per colmare le divisioni sempre più profonde tra ricchi e poveri, adottando misure urgenti per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) entro il 2030: è con questo obiettivo che nei giorni scorsi si è tenuto un incontro dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, occasione per avviare un dialogo ad alto livello sul finanziamento dello sviluppo.

Il Dipartimento degli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, che guida gli sforzi delle Nazioni Unite per il finanziamento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, osserva che, sebbene le sfide fiscali siano in aumento, “c’è una finestra di opportunità se agiamo ora”.

Divario finanziario

La maggior parte dei paesi in via di sviluppo soffre di gravi problemi di debito. E secondo le Nazioni Unite, un paese su tre nel mondo corre ora un rischio elevato di subire una crisi fiscale. Questi paesi non possono finanziare i progressi verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile se si trovano ad affrontare costi di finanziamento esorbitanti e pagano di più per il servizio del debito che per la sanità o l’istruzione.

“I paesi in via di sviluppo si trovano ad affrontare costi di finanziamento fino a otto volte superiori a quelli dei paesi sviluppati: una trappola del debito – ha avvertito il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres – e un paese su tre nel mondo è ora ad alto rischio di crisi fiscale. Oltre il 40% delle persone che vivono in povertà estrema si trovano in paesi con gravi problemi di debito”.

Un momento critico: soddisfatto solo il 15% degli SDGs

Tenuto ogni quattro anni dal 2015, il dialogo di alto livello di quest’anno si svolge in un momento critico, quando solo il 15% circa degli obiettivi di sviluppo sostenibile sono sulla buona strada.
Gli Stati membri hanno osservato che, sebbene siano stati compiuti progressi in tutti i settori d’azione del programma d’azione di Addis Abeba – la tabella di marcia per il finanziamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile -, molti dei suoi impegni finanziari rimangono insoddisfatti.
Hanno aggiunto che le difficili prospettive economiche, tra gli effetti persistenti della pandemia di Covid-19 , i conflitti e l’intensificarsi dei cambiamenti climatici, hanno messo sotto maggiore pressione i finanziamenti per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Approcci innovativi

Secondo Guterres, l’aumento aggressivo dei finanziamenti per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile richiederà approcci innovativi, decisioni politiche coraggiose e nuove fonti di finanziamento.
Gli Stati membri hanno accolto con favore la proposta del Segretario generale delle Nazioni Unite di uno stimolo SDG di almeno 500 miliardi di dollari all’anno per aumentare in modo significativo i finanziamenti a lungo termine per lo sviluppo.
Sostengono inoltre la sua richiesta di riforme più profonde e a lungo termine dell’architettura finanziaria internazionale, che attualmente non riesce a fungere da rete di sicurezza per tutti i paesi ed esacerba le disuguaglianze.

Le soluzioni devono essere sistemiche

“È chiaro che i problemi sistemici del finanziamento dello sviluppo sostenibile richiedono una soluzione sistemica: riforme dell’architettura finanziaria globale”, ha affermato il capo delle Nazioni Unite. “Insieme, dobbiamo trasformare questo momento di crisi in un momento di opportunità, trovare soluzioni di finanziamento congiunto per ricostruire la solidarietà globale e creare nuovo slancio per lo sviluppo sostenibile e l’azione per il clima”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4