Trasformazione sostenibile

ESG Strategy: che cos’è e perché è importante

La definizione e l’attuazione di una precisa strategia per il raggiungimento dei target di sostenibilità e per l’ESG è il presupposto per preservare e aumentare la competitività delle imprese

Aggiornato il 07 Ott 2023

ESG strategy: come affrontarla e come svilupparla

Cos’è l’ESG Strategy

Più che una tendenza o un fenomeno passeggero l’ESG Strategy rappresenta un elemento cruciale nella gestione aziendale, nella riduzione dei fattori di rischio e nella creazione di nuove forme di valore e di competitività. In un mondo sempre più attento alle questioni etiche, sociali e ambientali, le aziende non possono rispondere solo “correggendo” modelli di produzione o prodotti e servizi tradizionali, ma sono chiamate a integrare nei loro modelli di business i principi e le pratiche della sostenibilità. L’implementazione di una strategia ESG risponde esattamente a questo obiettivo: trasformare le attività, i prodotti, i processi, il rapporto con i clienti, con i partner e con i fornitori e la propria organizzazione affinché tutti questi componenti siano ripensati nel segno del raggiungimento di obiettivi di sostenibilità. Come appare evidente non si tratta di un percorso semplice né immediato, ma può generare benefici tangibili in termini di reputazione, di attrattività per gli investitori, di competitività, di capacità di rispondere a nuove richieste del mercato e di resilienza dell’impresa.

In concreto l’ESG Strategy, acronimo di Environmental, Social e Governance, è un insieme di principi e linee guida che le aziende adottano per integrare aspetti ambientali, sociali e di governance nella loro strategia di business. L’obiettivo è creare valore a lungo termine non solo per l’azienda stessa, ma anche per gli stakeholder e la società nel suo complesso. Una strategia ESG ben implementata può contribuire a ridurre i rischi, migliorare la reputazione dell’azienda e aumentare il profilo di interesse verso gli investitori.

Trasparenza e rendicontazione come fattori chiave dell’ESG Strategy

La trasparenza e la rendicontazione svolgono un ruolo fondamentale in questo processo, insieme all’impiego di metriche appropriate per misurare l’efficacia delle azioni intraprese. Tuttavia, la sfida più grande potrebbe essere quella di andare oltre la mera compliance normativa, trasformando l’ESG Strategy in un vero e proprio strumento di creazione di valore. Numerose sono le aziende che hanno già intrapreso questo cammino, offrendo spunti preziosi. Le tendenze future del mercato promettono scenari sempre più interessanti per coloro che sapranno cogliere i rischi e le opportunità legate all’adozione di una strategia ESG.

L’importanza dell’ESG Strategy per le aziende

La Strategia ESG permette alle aziende di affrontare proattivamente sfide complesse come il cambiamento climatico, l’ineguaglianza sociale, la scarsità delle risorse. Inoltre, favorisce un approccio alla gestione d’impresa basato sull’etica e sulla sostenibilità, aspetti sempre più apprezzati da consumatori ed investitori.

Per implementare una strategia ESG efficace è necessario fare un bilancio delle proprie attività attraverso un audit interno o esterno. Successivamente si devono definire obiettivi chiari in termini di impatto ambientale, di equità sociale e di trasparenza della governance. Infine, occorre mettere in atto politiche aziendali che rispettino tali obiettivi e monitorarne costantemente la realizzazione attraverso appropriate metriche.

In questo contesto un ruolo fondamentale è svolto dagli stakeholder. Essi possono esercitare pressione sulle aziende per adottare pratiche più sostenibili e trasparenti. Inoltre, attraverso il dialogo con questi attori, le aziende possono meglio comprendere le aspettative della società e adeguare di conseguenza la loro strategia ESG.

Principali vantaggi dell’ESG

Adottare una strategia ESG può offrire numerosi benefici. Oltre a contribuire alla sostenibilità ambientale e sociale, può migliorare la reputazione dell’azienda, attrarre investimenti e talenti, aumentare la fedeltà dei clienti e ridurre i rischi legali e operativi. Inoltre, alcune ricerche suggeriscono che le aziende con un forte impegno ESG tendono a superare quelle con un basso impegno in termini di performance finanziaria.

Per valutare l’efficacia della strategia ESG sono poi necessarie metriche specifiche. Queste possono riguardare l’impatto ambientale (emissioni di CO2, consumo energetico, ecc.), la responsabilità sociale (parità di genere, diritti dei lavoratori, ecc.) e la governance (trasparenza, anti-corruzione, ecc.). Le metriche devono essere rilevanti, affidabili e facilmente comprensibili. Accanto alle metriche ciascuna azienda deve disporre di una roadmap con specifici KPI e con obiettivi da raggiungere in un percorso che fa dell’ESG strategy una forma di miglioramento continuo

ESG Strategy oltre la compliance: come creare valore

La strategia ESG non deve essere vista solo come un obbligo da rispettare per evitare sanzioni. Se ben implementata, può diventare un vero e proprio motore di creazione di nuovo valore. Ad esempio, può aprire nuove opportunità di business nel settore delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica o della produzione sostenibile o della sperimentazione e attuazione di nuovi modelli di business. Inoltre, può migliorare la soddisfazione dei dipendenti e aumentare la fedeltà dei clienti.

Nel futuro, la strategia ESG sarà sempre più centrale nel mondo economico. Si prevede un maggiore coinvolgimento degli stakeholder, un rafforzamento delle normative sulla sostenibilità e una maggiore attenzione all’impatto sociale delle aziende. Inoltre, con l’utilizzo sempre più spinto dell’intelligenza artificiale e della blockchain, possono emergere nuove opportunità per monitorare e migliorare le performance ESG.

Rischi e sfide nell’implementazione di una strategia di sostenibilità

L’implementazione della strategia ESG comporta anche diversi rischi e sfide. Tra questi ci sono il costo in alcuni casi ancora elevato delle iniziative che portano alla trasformazione sostenibile, ma anche la resistenza al cambiamento da parte di alcuni stakeholder, la necessità di disporre di green skills e la difficoltà di misurare l’impatto delle azioni ESG.

Esistono peraltro numerosi strumenti e risorse che possono supportare le aziende nell’adozione della strategia ESG. Tra questi ci sono i framework internazionali, primo fra tutti gli SDGs dell’ONU), i software di reporting ESG, i consulenti specializzati nella sostenibilità aziendale e le piattaforme digitali per il coinvolgimento degli stakeholder.

ESG Strategy: l’importanza degli stakeholder

Nello stesso tempo occorre precisare che l’adozione di una ESG Strategy non rappresenta solamente un approccio etico ed ecologicamente sostenibile, ma si configura come un fattore competitivo essenziale per il successo a lungo termine delle aziende. Incorporare questi criteri nei processi decisionali non è un percorso esente da sfide, ma gli strumenti e le risorse disponibili oggi possono supportare efficacemente le organizzazioni in quest’ambito. La trasparenza e la rendicontazione sono elementi cruciali, così come l’interazione con gli stakeholder: tutti attori fondamentali che contribuiscono a creare valore ben oltre il mero adempimento normativo.

Come dimostrano i numerosi case study, l’ESG Strategy può essere un volano di innovazione e crescita. In un mondo sempre più interconnesso e consapevole delle problematiche ambientali, sociali e di governance, le tendenze future vedranno una maggiore attenzione su quest’area strategica.

Articolo originariamente pubblicato il 05 Ott 2023

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5