ESG Strategy

ESG per Axitea: dal monitoraggio dell’impatto ambientale a politiche sociali efficaci

“La sostenibilità è un asset fondamentale del nostro business e concentreremo sempre più i nostri sforzi verso un impatto ambientale al minimo attraverso una strategia che prevede l’integrazione di tutti i fattori ESG nel lungo periodo” spiega Marco Bavazzano, CEO di Axitea

27 Mag 2022

Consumo delle risorse controllato, monitoraggio dell’impatto ambientale sui fornitori e politiche sociali efficaci. Questi sono i driver principali per il raggiungimento di obiettivi sostenibili secondo Axitea, Global Security Provider che integra servizi di vigilanza con tecnologie innovative e sistemi di protezione fisica e cyber. 

La sostenibilità è un tema chiave per Axitea, oltre che un principio cardine di tutti i suoi processi aziendali. Da molti anni ha fatto propri i temi ambientali di sviluppo, vivibilità, godibilità della vita nel rispetto dell’ecosistema. Inoltre, ha rimodellato i propri processi di governance, attuando una serie di politiche volte all’ottenimento di un minore impatto delle sue attività sull’ambiente e un miglioramento delle condizioni di vita e del lavoro del proprio personale. 

“Crediamo fortemente nella integrazione tra un’azienda e l’ambiente che la circonda, composto da dipendenti, clienti, partner e da tutte le persone che in un modo o nell’altro hanno a che fare con l’organizzazione – spiega Marco Bavazzano, CEO di Axitea – Abbiamo intrapreso un percorso che mostrerà i suoi effetti non soltanto su di noi, ma su tutto l’ecosistema in cui operiamo, nel breve come nel lungo termine. La sostenibilità rappresenta un asset fondamentale del nostro business e intendiamo continuare su questa rotta, concentrando sempre di più i nostri sforzi verso un impatto ambientale al minimo attraverso una strategia che prevede l’integrazione di tutti i fattori ESG nel lungo periodo.”  

 

Il controllo sul consumo delle risorse: dalle materie al trasporto

Lato energia, in Axitea è presente un Energy Manager che monitora costantemente i KPI di processo legati ai consumi di energia, carburante, carta, toner, acqua ed altre risorse ottenute da materie prime non rinnovabili, ottimizzando i processi per contenere l’impatto ambientale legato alla produzione di beni e servizi.  

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity

Un Mobility Manager gestisce invece la domanda di mobilità delle risorse, organizzando piani di spostamento armonici e sostenibili per la riduzione del traffico veicolare. L’azienda è inoltre certificata UNI EN ISO 14001 dal 2017 sulla sede di Milano e ha recentemente ricompreso nel MOG (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo) e nel Codice Etico gli standard ESG, dandone comunicazione a tutto il personale dipendente.  

Tra le iniziative del 2022, Axitea ha deciso di cambiare il provider per fornitura di elettricità e gas, in quanto Sorgenia fornisce energia elettrica che deriva in parte da fonti rinnovabili. Per cinque anni (2022-2026), si è impegnata nel progetto Treedom per la piantumazione di 1.000 alberi a cadenza annuale per 11.000 euro di investimento annuale con risparmio di 250.000 kg co2/anno evitati. 

Nel 2023 invece l’obiettivo è di sostituire gradualmente il parco auto vigilanza con auto elettriche (Unipol) con la fornitura colonnine ricarica da parte di Sorgenia (test pilota su Milano e Vicenza). 

 

Compliance ESG dei fornitori e politiche sociali ESG-relevant

Axitea condivide con i propri fornitori l’effort relativo alla rispondenza ai criteri ESG, misurandone puntualmente e periodicamente gli indicatori di performance. Nello specifico, ogni fornitore deve accreditarsi al portale Axitea compilando un questionario e generando un ranking complessivo legato alla rispondenza ad una griglia di valutazione (ESG-rating) sui temi della sostenibilità e della attenzione a politiche sociali valoriali e del lavoro.

Infatti, attuare una supply chain consapevole ed osservante delle politiche di sostenibilità è per Axitea un valore imprescindibile, da sostenere e sviluppare anche a favore della propria clientela. Ma non finisce qui perché il Global Security Provider attua politiche social a favore delle risorse impiegate, garantendo il rispetto dei valori umani fondativi della vita e del lavoro, contro ogni possibile discriminazione.  

L’azienda detiene dal 2021 la certificazione SA8000 su tutte le sedi nazionali, uno strumento efficace per garantire la corretta gestione e il monitoraggio di attività e processi ESG relativi alle condizioni dei lavoratori come diritti umani, sviluppo, valorizzazione, formazione e crescita professionale delle persone, salute e sicurezza dei lavoratori. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5