Innovazione sostenibile

Moda sostenibile, SEAY valorizza ogni capo usato grazie al digitale



Indirizzo copiato

SEAY è una startup italiana di sportswear e beachwear sostenibile che si distingue per la forte componente tecnologica. Offre capi e accessori di moda garantendo un basso impatto ambientale dalla produzione alla consegna e promuove il riutilizzo, la rivendita e la rigenerazione degli indumenti abbandonati nell’armadio

Pubblicato il 12 mar 2024



shutterstock_1943858533 (1)

E’ un mercato in crescita quello della moda sostenibile. Secondo le stime di PWC Italia, nel 2022 ha registrato a livello globale un valore di 5,2 miliardi di euro, che è salito a 6,8 miliardi nel 2023, e dovrebbe continuare a farlo fino il 2030 con una prospettiva di aumento a 12,5 miliardi. Tra i vari segmenti che compongono il mercato, quello dello sportswear è in particolare espansione. Deloitte e OutDoor by ISPO stimano che due terzi dei capi venduti nel 2023 appartengano a questo segmento, con un valore che si aggira intorno ai 4,5 miliardi (Studio di Deloitte e OutDoor by ISPO). SEAY è un brand italiano che si distingue all’interno del settore dello sportswear sostenibile di fascia medio/medio-alta grazie alla forte componente tecnologica. L’obiettivo della startup, che ha avviato una campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd, è contribuire al cambiamento positivo del settore del fashion, offrendo ai consumatori l’opportunità di acquistare abbigliamento a basso impatto ambientale e promuovendo il riutilizzo degli indumenti che rischiano di finire in discarica.

SEAY, brand di moda che punta su materiali riciclati, filiera etica e packaging sostenibile

La filosofia eco-sostenibile di SEAY attrae i clienti, rendendo il brand non solo un simbolo di stile, ma anche di consapevolezza ambientale. E’ una società benefit e B Corp certificata che progetta, produce e distribuisce abbigliamento sportswear e beachwear con un basso impatto ambientale, oltre a disporre di una tecnologia digitale che assicura trasparenza e interazione con il cliente finale.

SEAY si impegna nella sostenibilità attraverso l’offerta di capi e accessori prodotti con tessuti certificati, riciclati e riciclabili, mediante una filiera produttiva etica e locale, una distribuzione a Co2 compensata e un packaging organico e compostabile. Inoltre, offre un “green bonus”, ovvero un rimborso del 20% sul capo appena acquistato a tutti i clienti che decidono di restituire un loro indumento usato che, se non gestito diversamente, finirebbe con ogni probabilità in discarica.

Il Modello Re3 per risolvere il problema dei capi che finiscono in discarica

Inoltre, ogni singolo capo SEAY è dotato di un DPP (digital product passport), un passaporto digitale che fornisce al consumatore informazioni fondamentali sul capo acquistato, come i materiali utilizzati, il livello di riciclabilità, il ciclo di vita atteso del capo insieme ai dettagli che riguardano cura e manutenzione.

SEAY ha sviluppato anche un sistema di Circular Fashion chiamato Modello Re3 per affrontare il problema legato al fine vita dei capi usati. Gli indumenti usati raccolti mediante questo modello vengono infatti destinati al riutilizzo (Re-use), alla rivendita (Re-sell) o alla rigenerazione (Re-generate), in base alle condizioni estetiche e funzionali in cui si trovano. Grazie a un sistema di tracciamento tramite QR code, i clienti possono poi verificare in tempo reale ed in totale trasparenza in che modo sono stati utilizzati i capi donati.

Grazie al contributo del gruppo Sportler/Sport Alliance, parte integrante della struttura societaria e con una rete distributiva che si estende in oltre 180 punti vendita e copre circa 25 paesi internazionali, SEAY ha registrato un significativo incremento del proprio fatturato, toccando i €380k nel 2023, il che rappresenta un aumento del +232% rispetto all’anno precedente. Inoltre, il tasso di crescita annuo composto (CAGR) per il periodo 2021-2023 si attesta al 117%.

La crescita verde di SEAY

L’80% delle vendite di SEAY passa attraverso una rete di 180 negozi multi-marca, tra cui Rinascente, Nuvolari e Maxi Sport, beneficiando di una maggiore esposizione grazie al suo impegno a tutela dell’ambiente. La presenza in sedi legate al turismo sportivo nel Mediterraneo e lungo le coste Africane amplifica ulteriormente la sua risonanza.

Al di là della vendita al dettaglio, SEAY promuove la distribuzione diretta tramite il proprio e-store e due temporary stores a Milano e Treviso, puntando a espandere il canale DOS (directly operated stores) mediante il rinforzo della presenza sui marketplace digitali e la visibilità online attraverso maggiori investimenti pubblicitari.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5