Green Logistics

Manifest Commerce: rispondere al problema della logistica sostenibile

Quello che fa Manifest è evadere, confezionare e consegnare ordini per i rivenditori senza sacrificare il pianeta offrendo packaging riciclabili, green warehousing e spedizioni carbon neutral

25 Gen 2022

Rivoluzionare uno dei settori più inquinanti al mondo, quello della logistica della supply chain, offrendo soluzioni di terze parti rispettose della terra per ogni fase del processo di evasione degli ordini, dall’imballaggio sostenibile, all’immagazzinamento ecologico, alla spedizione a emissioni zero. Manifest Commerce supporta i rivenditori di e-commerce con servizi di evasione degli ordini sostenibili, integrazioni tecnologiche senza soluzione di continuità e gestione efficiente del magazzino. Tutti i materiali sono riciclabili e biodegradabili con utilizzo zero di plastiche e compensazioni di carbonio per contribuire alla carbon neutrality end-to-end. Inoltre, la tecnologia Manifest si connette perfettamente con Shopify, WooCommerce, Magento e BigCommerce, nonché con la tecnologia dei rivenditori big-box.

L’e-commerce contribuisce enormemente al cambiamento climaticoIl nostro obiettivo è creare efficienze operative per i rivenditori con un impatto minimo sull’ambiente – interviene il CEO George Wojciechowski, co-fondatore di ShipBob, piattaforma logistica globale che evade gli ordini e-commerce per i marchi diretti al consumatore – Ma non vogliamo farlo da soli: l‘obiettivo finale che ci poniamo è guidare il cambiamento per l’intero settore e accompagnare il movimento logistico verso una catena di approvvigionamento più verde. E’ il nostro pianeta a richiederlo”.

Basti pensare che, durante la pandemia, lo shopping online dei consumatori è salito alle stelle, tanto che nel 2020, il totale dei rifiuti di imballaggio e-commerce ha raggiunto i 295 milioni di tonnellate, il 60% dei quali era costituito da plastica non riciclabile. Queste materie plastiche impiegheranno più di 500 anni per disgregarsi e nel frattempo ostruiranno discariche e oceani.

Per questo, Wojciechowski ha riunito i colleghi pionieri del settore Bob Sixsmith (ex direttore generale di ShipBob), Max Stevens (membro fondatore di ShipBob), Jen Root (imprenditore di marketing e stratega dell’e-commerce) e Matt Bocker (ex esperto di crescita di ShipBob) per completare il team di leadership di Manifest.

Una parte fondamentale del modello sostenibile che Manifest sta costruendo è la sua partnership con EcoCart, una piattaforma software di e-commerce che grazie ad un algoritmo determina il costo esatto di compensazione delle emissioni derivanti dalla produzione e dalla spedizione di ciascun ordine dando ai clienti la possibilità di rendere il loro ordine carbon neutral, di solito aggiungendo l’1-2% al loro totale. Manifest è anche membro di 1% for the Planet, rete globale di imprese, individui e organizzazioni senza scopo di lucro che affrontano le questioni ambientali più urgenti del nostro pianeta e che contribuiscono per almeno l’1% delle vendite alle organizzazioni non profit di sostenibilità.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5