Best practise

Tim spinge sul target Net zero: adesione a Open-es e focus sulla supply chain

Il Gruppo, che mira a ridurre le emissioni di Scope 3 del 47% entro il 2030 e raggiungere l’azzeramento entro il 2040, entra a far parte del progetto lanciato da Eni e invita i propri fornitori ad aderire all’iniziativa e collaborare per lo sviluppo di una filiera sostenibile.

Pubblicato il 29 Set 2022

PFAS e sicurezza: rischio crescente per assicurazioni e aziende produttrici

Con l’obiettivo di accelerare il percorso di trasformazione sostenibile della propria filiera, Tim diventa ‘Value Chain Partner’ di Open-es, l’alleanza di sistema che unisce i settori industriale, finanziario e associativo per aiutare le imprese nel percorso dello sviluppo sostenibile.  Attraverso la piattaforma Open-es, Tim potrà misurare le performance di sostenibilità dei propri fornitori, rafforzare il processo di qualificazione con standard ESG di mercato e costruire percorsi di crescita condivisi.

Questa iniziativa contribuisce agli obiettivi di decarbonizzazione di Tim, che ha fissato sfidanti obiettivi ESG volti a ridurre le emissioni di Scope 3 – anche da beni e servizi acquistati – del 47% entro il 2030 e raggiungere Net Zero entro il 2040.

Open-es, lanciato all’inizio del 2021 da Eni in collaborazione con Boston Consulting Group e Google Cloud, conta oggi più di 7.600 aziende di 66 diversi settori impegnati nel percorso di misurazione, miglioramento e condivisione delle performance ESG.

 

 

 

 

 

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4