Best practice

Agricoltura 4.0: Corteva Agriscience rende più sostenibile la filiera della carne Inalca

Al via un progetto di collaborazione fra la società leader globale in agricoltura e l’azienda italiana, fra i player mondiali per la produzione e commercializzazione di carni bovine. Obiettivo: migliorare l’efficienza degli indicatori di produzione e ridurre l’impatto ambientale. Messe in campo le migliori e più avanzate soluzioni tecnologiche di gestione agronomica

02 Apr 2021

Veronica Balocco

Migliorare l’efficienza degli indicatori di produzione e la riduzione dell’impatto ambientale della filiera del bovino da carne. E’ questo l’obiettivo del progetto condotto in tandem da Corteva Agriscience, leader globale in agricoltura, e Inalca, società italiana tra i maggiori player mondiali per la produzione e commercializzazione di carni bovine.
Entrambe le società condividono lo stesso impegno nella ricerca, nello sviluppo e nell’adozione delle più recenti tecnologie e migliori pratiche che contribuiscano ad un incremento della sostenibilità ambientale ed economica dell’agricoltura 4.0 in generale, ed in particolare alla riduzione degli impatti e dei consumi nell’allevamento dei bovini.

Ridurre l’impatto ambientale e aumentare la sostenibilità della produzione

Il contributo di Corteva Italia, realtà particolarmente sensibile alle tematiche ESG, consiste nella fornitura dei propri servizi agronomici alle aziende agricole di Inalca in tutti gli ambiti legati al processo di coltivazione e conservazione dei foraggi aziendali, in linea con gli obiettivi prefissati da entrambe le società.

WHITEPAPER
Roadmap verso la Smart Logistic - Le 4 tecnologie per migliorare efficienza e sicurezza
Intelligenza Artificiale
IoT

“Per ridurre l’impatto ambientale ed incrementare la sostenibilità della produzione agricola, abbiamo avviato una collaborazione con Corteva che ha messo a disposizione delle nostre aziende agricole le sue migliori tecnologie di gestione agronomica, in particolare: monitoraggio dei suoli aziendali, ottimizzazione dell’uso dei fertilizzanti azotati, monitoraggio satellitare delle colture, controllo della qualità degli alimenti zootecnici prodotti in azienda e ottimizzazione del processo di conservazione degli insilati aziendali,” dichiara Serafino Cremonini, direttore vendite e amministratore delle aziende agricole di Inalca.

“In Corteva siamo entusiasti di questa collaborazione con un’azienda che rappresenta il fiore all’occhiello del migliore Agrifood Made in Italy, e di supportare concretamente un settore fondamentale per l’economia del nostro paese – aggiunge Matteo Piombino, Customer marketing manager Corteva Agriscience -. La collaborazione con partner di eccellenza per risolvere insieme le sfide imposte dai cambiamenti climatici per il bene del nostro ecosistema e dell’intero pianeta rappresenta uno dei principali Obiettivi di Sostenibilià 2030 di Corteva Agriscience”.

Immagine fornita da Shutterstock

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5