ESG world

Responsabilità sociale e sostenibilità: TeamSystem Capital at Work SGR intensifica gli impegni

La società del gruppo TeamSystem ha aderito agli United Nations Principles of Responsible Investments, rafforzando la volontà di implementare nelle proprie politiche di gestione e nei propri prodotti d’investimento i più alti standard ESG a livello internazionale

24 Ago 2021

Redazione ESG360

TeamSystem Capital at Work SGR, società del gruppo TeamSystem autorizzata da Banca d’Italia all’esercizio dell’attività riservata di gestione del risparmio, ha recentemente aderito agli United Nations Principles of Responsible Investments, rafforzando ulteriormente il proprio impegno a implementare nelle proprie politiche di gestione e nei propri prodotti d’investimento i più alti standard ESG promossi a livello internazionale.

Gli United Nations Principles of Responsible Investments sono un insieme di sei principi volontari di investimento – sviluppati da una rete internazionale di investitori istituzionali e supportati dalle Nazioni Unite – che offrono a chi aderisce un ventaglio di azioni concrete per incorporare le tematiche di sostenibilità e responsabilità sociale all’interno della propria pratica di investimento.

Creare reale valore a lungo termine per la società

“Con l’adesione agli United Nations Principles of Responsible Investments, la nostra SGR conferma e potenzia il proprio impegno a favore delle tematiche di sostenibilità ambientale e sociale lungo tutti i propri progetti di investimento”, ha commentato Riccardo Carradori, managing director di TeamSystem Capital at Work SGR. “Non c’è dubbio che un approccio di questo tipo sia fondamentale per creare reale valore a lungo termine per la società e per definire un sistema finanziario che sia economicamente efficiente e sostenibile”.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Di recente TeamSystem, tramite la propria controllata TeamSystem Capital at Work SGR, ha lanciato il suo primo fondo di investimento alternativo con obiettivo di raccolta di 50 milioni di euro. Il fondo ha il duplice scopo di finanziare le PMI e le microimprese italiane in modalità digitale e di permettere a investitori finanziari istituzionali (come banche e assicurazioni) di investire in sicurezza nell’economia reale del Paese, grazie a un’innovativa struttura di garanzie, finalizzata a minimizzarne l’assorbimento di capitale regolamentare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5