L'indagine

Finanza sostenibile: i consulenti “perdono affari” per mancanza di impegno sugli ESG

Secondo una nuova ricerca Oxford Risk, quasi due investitori al dettaglio su tre hanno spostato o vorrebbero spostare gli investimenti per scarsa attenzione del loro advisor ai temi ESG. Solo uno su tre valuta molto elevato l’impegno ESG del proprio consulente. Intanto nell’ultimo anno circa il 40% dei clienti ha trasferito alcuni dei propri investimenti, compresi i fondi pensione, in fondi ESG

22 Feb 2022

Redazione ESG360

Secondo una nuova ricerca degli esperti di finanza comportamentale Oxford Risk, i consulenti patrimoniali affrontano la perdita di clienti a causa di una percepita mancanza di concentrazione e impegno sugli investimenti ESG. Quasi due investitori al dettaglio su tre (63%) intervistati affermano infatti che hanno trasferito o prenderebbero in considerazione la possibilità di trasferire investimenti a nuovi consulenti perché non sono contenti dell’attenzione ESG dei loro gestori patrimoniali. Circa uno su cinque (20%) afferma di averlo già fatto o intende farlo, mentre un altro 43% afferma che si muoverebbe se non fosse soddisfatto dell’impegno ESG e si concentrerebbe sul proprio consulente patrimoniale.

Lo studio di Oxford Risk ha rilevato che solo uno su tre (31%) dei clienti valuta l’impegno del proprio attuale consulente in materia di ESG in modo molto o molto elevato. Tuttavia, solo il 7% afferma che l’attenzione ESG del proprio consulente è scarsa o molto scarsa con il 62% neutrale sull’impegno ESG.

I clienti stanno tuttavia dimostrando il loro impegno nei confronti dell’ESG: nell’ultimo anno circa il 40% ha trasferito alcuni dei propri investimenti, compresi i fondi pensione, in fondi ESG e il 61% dei clienti si assicura che almeno alcuni dei propri investimenti siano compatibili con i criteri ESG.

Il framework di idoneità ESG di Oxford Risk si concentra sul chiedere “quanto ESG” dovrebbe essere incoraggiato un investitore ad avere nel proprio portafoglio e fino a che punto nello spettro di impatto dovrebbero essere selezionati i componenti. Esamina inoltre la selezione degli strumenti per soddisfare l’asset allocation e esamina la gestione continua degli investitori e i messaggi comportamentali personalizzati da utilizzare.

Rischio di perdita dei clienti

“I consulenti che non dimostrano impegno e non si concentrano sugli investimenti ESG perderanno clienti e gli investitori sono pronti a trasferire denaro a nuovi consulenti se non sono contenti – afferma Greg B Davies, PhD, Head of Behavioral Finance, Oxford Risk -. In particolare, l’impiego di liquidità in nuovi investimenti favorirà notevolmente le proposte ESG forti. Inoltre il ruolo della tecnologia nelle mani di fornitori di investimenti e consulenti è fondamentale per cogliere le opportunità e soddisfare le responsabilità di abbinare investitori con una mentalità sociale a investimenti ESG adeguati”.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Gli strumenti comportamentali di Oxford Risk valutano la personalità e le preferenze finanziarie, nonché i cambiamenti nelle situazioni finanziarie degli investitori e, integrati con altre informazioni comportamentali e demografiche, creano un profilo completo. I test della personalità finanziaria di Oxford Risk possono misurare fino a 18 dimensioni distinte, di cui sei riguardano specificamente gli investimenti ESG.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5