Road to COP27

COP27: la nomina di BCG a Exclusive Consulting Partner

Boston Consulting Group entra nel team della prossima COP27 in programma in Egitto, a Sharm-el-Sheikh, dal 6 al 18 novembre, con un supporto che punta sulle competenze analitiche e sulla valorizzazione delle esperienze sviluppate a favore di organizzazioni, aziende, governi sui temi dell’impatto climatico e sulla sostenibilità in generale.

31 Ago 2022

La nomina, da parte della Presidenza egiziana della COP27 di Boston Consulting Group in qualità di Exclusive Consulting Partner segna l’ingresso di un altro importante componente del “team” di imprese e organizzazioni a supporto della prossima conferenza delle parti in programma a Sharm-el-Sheikh dal 6 al 18 novembre.  (QUI per informazioni di dettaglio direttamente dal sito ufficiale COP27).

A BCG è affidato il compito di sostenere la presidenza egiziana della COP27 grazie alle competenze, alla conoscenza e alle esperienze sviluppate a sostegno di imprese, organizzazioni, governi nella definizione di strategie e nel raggiungimento di obiettivi legati alla riduzione dell’impatto ambientale, di tematiche legate al clima e ai piani e progetti di sostenibilità.

Nell’ambito di una COP27 che focalizza l’attenzione sui temi della resilienza e dell’adattamento, delle azioni per limitare l’impatto del cambiamento climatico e per accelerare i processi di transizione energetica ed ecologica, Boston Consulting Group prosegue anche con questa partnership con la Conference of the Parties un impegno che comprende anche la partnership con il World Economic Forum, con l’UN High Level Climate Change Champions, con l’ SBTi (Science Based Targets Initiative), con la CDP (Carbon Disclosure Project), con la Breakthrough Energy Catalyst e con la First Movers Coalition.

Christoph Schweizer, CEO di BCG ha sottolineato in una nota dell’azienda che la “COP27 rappresenta una occasione speciale per alzare il livello di attenzione degli attori pubblici e privati nel tentativo di raggiungere obiettivi sempre più urgenti, a partire naturalmente dalla limitazione del riscaldamento globale”. Schweizer ha poi aggiunto che alla COP26 sono stati raggiunti progressi su un’agenda molto ampia, “ma è necessario fare di più e occorre accelerare, anche a fronte dei segnali di recessione economica globale e delle sfide geopolitiche”.

In occasione della COP26 di Glasgow BCG è stata Consulting Partner esclusivo mentre nel 2016 ha sostenuto la presidenza marocchina della COP22 in un impegno che vede l’azienda a sostegno della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

B
Bcg
B
Boston Consulting Group

Approfondimenti

C
COP27

Articolo 1 di 5