Net Positive Water Impact

NPWI: che cos’è? E perché è importante?

Net Positive Water Impact (Impatto idrico positivo netto): per preservare le risorse idriche globali è fondamentale un’azione concertata e collettiva. Il CEO Water Mandate del Global Compact delle Nazioni Unite e la Water Resilience Coalition invitano le aziende ad agire sulle catene del valore resilienti all’acqua entro il 2050. Ecco di cosa si tratta e perché, con questo sistema, le aziende possono dare un contributo dimostrabile al raggiungimento dell’SDG6

05 Set 2022

NPWI, Net Positive Water Impact: perché è fondamentale la vita del pianeta

Entro il 2030, l’Onu prevede che la domanda di acqua supererà l’offerta del 40 per cento. L’acqua dolce è sempre più scarsa nelle regioni soggette a siccità a causa del cambiamento climatico, della crescita demografica e dell’eccessivo sfruttamento. Più di due miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari, rendendo quasi fuori portata l’obiettivo di sviluppo sociale delle Nazioni Unite dell’accesso universale entro il 2030.

WHITEPAPER
Come costruire l'ufficio tecnologico del futuro senza investimento iniziale
CIO
Cloud

Non solo. L’acqua è essenziale anche per la resilienza delle imprese. E il cambiamento climatico introdurrà cambiamenti drammatici e profonde incertezze che aggraveranno la già profonda crisi delle acque. Oggi il 45% delle aziende dichiara un’esposizione ai rischi derivanti dall’insicurezza idrica stimata in oltre 425 miliardi di dollari: questo numero aumenterà man mano che le aziende di tutte le forme e dimensioni saranno esposte ai rischi attraverso le proprie operazioni o attraverso l’acqua consumata lungo le loro catene del valore.

Impatto positivo netto idrico: un valore per le imprese

La competizione per le scarse risorse idriche non è una battaglia che il mondo aziendale può risolvere lavorando da solo. Per rimanere in attività, mantenere buone relazioni con le comunità locali e proteggere la loro licenza di operare, ha molto più senso che le imprese uniscano le forze per preservare le risorse idriche e proteggere i bacini a rischio. Molte singole aziende si stanno impegnando per risparmiare acqua, risparmiare denaro e aiutare a costruire buone relazioni con la comunità con altri utenti. Ma le iniziative individuali non bastano.

Serve un’azione collettiva concertata per garantire che ci sarà abbastanza acqua per tutti nel prossimo futuro. Serve, in altre parole, che le aziende puntino all’Impatto idrico positivo netto (NPWI) e a catene del valore resilienti all’acqua entro il 2050: questo è infatti l’invito che viene rivolto loro dalla Water Resilience Coalition e dal CEO Water Mandate, iniziativa del Global Compact delle Nazioni Unite che mobilita i leader aziendali su acqua, servizi igienici e obiettivi di sviluppo sostenibile. Mirando all’NPWI, le aziende possono dare un contributo dimostrabile al raggiungimento dell’SDG6: Acqua pulita e servizi igienico-sanitari.

I 17 Sustainable Developmente Goals SDGs delle Nazioni Unite

NPWI: cos’è e a che punto siamo in termini di disponibilità idrica?

Le aziende che aderiscono alla Water Resilience Coalition si impegnano a preservare le risorse di acqua dolce del mondo grazie a un Impatto idrico positivo netto (NPWI) nei bacini a stress idrico in cui operano. NPWI è un framework che guida le aziende a garantire che i loro contributi superino il loro impatto sullo stress idrico nella stessa regione. 

NPWI quantifica in modo specifico l’azione sulla disponibilità idrica, la qualità dell’acqua e l’accesso equo all’acqua potabile, ai servizi igienici e all’igiene. I membri si impegnano inoltre a sostenere la resilienza idrica nelle proprie catene di approvvigionamento aziendali e ad aumentare la consapevolezza attraverso la difesa pubblica e aziendale

L’NPWI è quantificabile rispetto alle tre dimensioni dello stress idrico, si allinea con metodologie consolidate (ad esempio, obiettivi idrici basati sul contesto e su base scientifica), può essere misurato tramite risultati sia a breve termine che a lungo termine e rappresenta un tema fondamentale per i sustainability manager.

Consumo e gestione dell’acqua: i principali trend

Fonte: STATISTA –
Note – Description: Globally, 44 percent of wastewater flow generated by households was not safely treated in 2020. There are considerable regional disparities for wastewater treatment worldwide. 80 percent of household wastewater flow is treated safely in North America
and Europe, but less than 30 percent is treated safely in Sub-Saharan Africa and Central and Southern Asia. Read more
Note(s): Worldwide; 2020; *treated by secondary or higher processes or with effluent discharges meeting relevant standards. Read more
Source(s): UNICEF; UN-Water; WHO
Fonte: STATISTA
Note: Description: The agriculture sector accounted for approximately 72 percent of global water withdrawals as of 2018. Water withdrawals from this sector is mostly for irrigation purposes, as well as livestock and aquaculture. Asia accounts for more than three quarters
of the world’s agricultural water withdrawals. 
Note(s): Worldwide; 2018; Based on water withdrawals of 4.01 trillion cubic meters; * Based on water withdrawals from municipal, industrial, and agricultural sectors. Manually calculated using country data available. * Municipal water withdrawal – […]
Source(s): FAO (Aquastat)

Come si arriva al Net Positive Water Impact?

L’impatto positivo netto sull’acqua è un concetto fondamentale per accelerare i progressi sull’SDG6 – Acqua. In effetti, le dimensioni dello stress idrico affrontate da NPWI (disponibilità, qualità e accesso) sono ancorate nell’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite 6: “Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienici per tutti”.

Le aziende devono aumentare le loro ambizioni di business sull’acqua. A partire dal benchmarking delle prestazioni e dalla valutazione del vero valore commerciale dell’acqua, le aziende possono valutare il proprio impatto sull’acqua e stabilire una tabella di marcia per l’azione. Il raggiungimento di queste ambizioni richiede l’integrazione aziendale NPWI. L’SDG 6 Ambition Paper (SCARICA QUI IL DOCUMENTO) scompone ogni fase del processo e traccia i percorsi, gli obiettivi e i processi delle decisioni di progettazione chiave nell’attuazione dell’NPWI.

L’NPWI funge in pratica da “stella polare” per i programmi di gestione dell’acqua e aiuta ad allineare direttamente le ambizioni aziendali con l’SDG 6 per ridurre lo stress idrico nelle tre dimensioni specifiche.

Il ruolo della Water Resilience Coalition

La Water Resilience Coalition comprende 27 aziende di spicco, che vanno da aziende di abbigliamento come Gap Inc. a società tecnologiche come Microsoft, che insieme rappresentano oggi una capitalizzazione di mercato di 3,5 trilioni di dollari, ma la loro ambizione è di aumentarla a 150 aziende, con il potenziale di influenzare un terzo del consumo globale di acqua. Hanno anche fissato due obiettivi specifici per il 2030: avere un impatto positivo sull’acqua in 100 bacini a rischio idrico, che ospitano oltre tre miliardi di persone, e consentire l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici per oltre 300 milioni di persone.

Le aziende coinvolte non lavoreranno da sole, ma con ONG, comunità locali, agenzie governative e tra di loro. L’azione collettiva è la chiave per raggiungere l’obiettivo comune della sicurezza idrica.

Le Best practice già in atto

A livello individuale, i grandi utenti industriali possono adottare misure immediate per ridurre il consumo di acqua nelle proprie attività riciclando e riutilizzando le acque reflue, tappando le perdite, installando sistemi di raffreddamento più efficienti e utilizzando input e processi che ne richiedono meno.

Levi Strauss, ad esempio, ora produce jeans mediante un processo che utilizza fino al 96% in meno di acqua nella finitura del denim, risparmiando finora oltre tre miliardi di litri. Il gigante della tecnologia Microsoft ha testato un data center sottomarino , che elimina del tutto la necessità di acqua dolce per il raffreddamento. La multinazionale alimentare Danone sta testando il concetto di “fabbriche di acqua zero” in India e Belgio, raccogliendo l’acqua piovana e trattando e riutilizzando le acque reflue, per chiudere il circuito idrico nei siti di produzione. Il leader della gestione delle risorse idriche Ecolab, nel frattempo, sta aiutando le organizzazioni ad adottare pratiche di gestione intelligente dell’acqua con i suoi strumenti online Water Risk Monetizer e Ecolab Smart Water Navigator.

Delivering on Net Positive Water Impact for Growth and Resilience

NPWI: perché è importante per le imprese?

Con un’azione urgente, la crisi idrica mondiale può essere alleviata. Il settore privato ha un interesse nel garantire che le risorse idriche siano gestite in modo responsabile, equo e sostenibile. Le aziende hanno una scelta: possono non fare nulla e affrontare i rischi idrici legati al clima che si intensificano di giorno in giorno, nonché i rischi normativi, operativi e reputazionali che accumuleranno con un consumo sconsiderato; oppure possono diventare amministratori idrici di fiducia, lavorando sia all’interno delle proprie aziende sia unendosi ad altre aziende e partner per una maggiore resilienza idrica.

CDP, organizzazione no-profit che gestisce il sistema di divulgazione globale per la gestione degli impatti ambientali, stima che siano a rischio oltre 300 miliardi di dollari di valore aziendale se non viene intrapresa alcuna azione per affrontare la scarsità d’acqua. Affrontare il problema costerà cinque volte meno a 55 miliardi di dollari, mentre le opportunità di business di investire nella sicurezza idrica sono stimate da CDP a 711 miliardi di dollari.

Le aziende possono promuovere la resilienza idrica diventando amministratori idrici di fiducia, intraprendendo azioni collettive per proteggere i bacini idrici, impegnandosi in discussioni sulla governance dell’acqua e contribuendo a un maggiore accesso all’acqua, ai servizi igienici e all’igiene. Ogni azienda deve imparare a diventare un buon custode dell’acqua, ma solo l’azione collettiva può ottenere l’impatto duraturo accelerato di cui abbiamo bisogno per risolvere la crisi idrica globale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5