Fashion for Sustainability

L’industria della moda intensifica l’ambizione climatica rinnovando la Carta

Alla COP26 i firmatari del Fashion Industry Charter for Climate Action hanno concordato di aggiornare i loro obiettivi di riduzione delle emissioni basati sulla scienza in riconoscimento della rapida necessità di un’azione per arrestare il climate change. Fondamentale è l’invito alle aziende a fissare obiettivi seguendo i criteri SBTi o a dimezzare le proprie emissioni entro il 2030, raggiungendo il net zero entro il 2050

09 Nov 2021

Lanciata la prima volta alla COP24 di Katowice, in Polonia, nel dicembre 2018 e rinnovata alla COP26 di Glasgow, in Scozia, nel novembre 2021, la Fashion Industry Charter for Climate Action è guidata dalla missione di portare l’industria del tessile, dell’abbigliamento e della moda in generale a raggiungere le zero emissioni nette di gas serra entro il 2050 in linea con l’ambizione dell’Accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi sopra i livelli pre-industriali.

Riconosciuta l’importanza dell’industria della moda nel contribuire attivamente alla realizzazione di questo obiettivo che concorre contemporaneamente agli obiettivi di sviluppo sostenibile come a nuove opportunità economiche, 130 aziende e 41 organizzazioni – inclusi alcuni dei marchi noti come Burberry, H&M Group, VF Corporation, adidas, Kering, Chanel, Nike e PUMA, nonché fornitori come Crystal Group, TAL Apparel e altri – si sono impegnate nell’azione per il clima cercando di abbracciare un cambiamento più profondo e più sistemico e soluzioni su scala a basse emissioni di carbonio.

Fondamentale è l’invito alle aziende a fissare obiettivi basati sulla scienza o a dimezzare le proprie emissioni entro il 2030, con l’obiettivo di raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050. Si tratta di un aggiornamento sul precedente obiettivo del 30% di emissioni aggregate di gas serra riduzioni entro il 2030. Ulteriori impegni includono l’approvvigionamento del 100% di elettricità da fonti rinnovabili entro il 2030 e di materie prime rispettose dell’ambiente, e l’eliminazione graduale del carbone dalla catena di approvvigionamento.

Un impegno olistico tra marchi, fornitori e distributori per limitare il riscaldamento globale

Sotto l’egida dell’UN Climate Change, i firmatari e le organizzazioni di supporto della Carta lavoreranno in modo collaborativo per rispettare gli impegni sanciti nel documento. Ciò avverrà attraverso gruppi di lavoro guidati da copresidenti dei marchi firmatari e delle organizzazioni di supporto, che riuniranno le parti interessate, gli esperti e le iniziative pertinenti nel settore della moda e del tessile in generale per identificare le migliori pratiche, rafforzare gli sforzi esistenti, affrontare le lacune,  per consentire al settore di raggiungere i suoi obiettivi climatici.

WHITEPAPER
Come abilitare elevati standard di sicurezza, crittografia e monitoraggio dei dati?
Datacenter
Datacenter Infrastructure Management

La Carta specifica le aree di lavoro che devono essere ulteriormente sviluppate:

  1. Definire un percorso di decarbonizzazione attingendo alle metodologie della SBTi e ridurre le emissioni di GHG negli ambiti 1, 2 e 3 entro il 2030, quantificando, tracciando e segnalando le emissioni coerentemente con standard di misurazione e trasparenza
  2. Dare la priorità a materie prime a basso impatto climatico senza influire negativamente su altri aspetti legati alla sostenibilità ed esplorare gli strumenti per quantificare gli impatti positivi come la cattura e il sequestro del carbonio
  3. Perseguire misure di efficienza energetica e di energia rinnovabile lungo la catena del valore e impegnarsi a eliminare gradualmente il carbone dalla catena di approvvigionamento entro il 2030
  4. Sviluppare una strategia per sostenere lo sviluppo di politiche e leggi per potenziare l’azione per il clima dell’industria del fashion, in particolare nelle catene di approvvigionamento, e stabilire un dialogo con i governi dei Paesi chiave per abilitare l’energia rinnovabile, l’efficienza energetica e le infrastrutture necessarie per un cambiamento sistemico
  5. Collaborare con esperti, imprese, investitori, sostenitori dell’ambiente e altre parti interessate per attuare una strategia di decarbonizzazione e collaborare con la comunità finanziaria e i responsabili delle politiche per catalizzare soluzioni scalabili per un’economia a basse emissioni di carbonio
  6. Sviluppare una strategia e messaggistica comuni, attraverso un dialogo rafforzato e volto a creare fiducia con le parti interessate
  7. Progettare linee guida per implementare strategie di riduzione dei gas serra efficaci e pertinenti e pratiche di approvvigionamento di energia rinnovabile per marchi e rivenditori
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5