Rinnovabili

Energy Transformation: ENI e CDP Equity lanciano GreenIT

La nuova operazione va nella direzione del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima 2030 e mette in moto investimenti per oltre 800 milioni nell’arco di cinque anni. L’obiettivo di arrivare a 1.000 MW di capacità installata permetterà di rispondere alla domanda di generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili

11 Mar 2021

Redazione ESG360

Una operazione Made in Italy per rispondere alla grande sfida di una produzione elettrica primariamente basata su fonti rinnovabili. Nasce dall’iniziativa di ENI e CDP Equity la nuova GreenIT, una realtà in forma di joint venture che punta alla produzione di energia elettrica primariamente da fonti rinnovabili come impianti fotovoltaici ed eolici e che ha l’obiettivo entro il 2025 di arrivare a circa 1.000 MW. La nuova società che vede l’impegno al 51% di ENI e al 49% di CDP Equity prevede investimenti nei prossimi 5 anni di 800 milioni di Euro.

Con GreenIT arriva un nuovo importante tassello nella strategia che punta a guidare e sostenere la transizione energetica del Paese e segna un passo avanti nella direzione del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima 2030.

L’approccio di GreenIT, come si legge in una nota congiunta delle due società, prevede lo sviluppo e la realizzazione di strutture greenfield, che potranno contare anche sulla valorizzazione del patrimonio immobiliare che fa capo al Gruppo CDP e alla Pubblica Amministrazione, accanto ad interventi di repowering di impianti esistenti, vicini al fine vita utile, unitamente a nuovi progetti.

Pierpaolo Di Stefano, Amministratore Delegato di CDP Equity e Chief Investment Officer di CDP, nella nota congiunta osserva che GreenIT costituisce un progetto che fa parte del percorso previsto nel Piano Industriale di Cassa Depositi e Prestiti proprio per la transizione energetica e per contribuire alla creazione delle condizioni per contrastare i cambiamenti climatici e per  il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. GreenIT è nello stesso tempo un progetto che vuole contribuire alla creazione di un modello energetico che ha come obiettivo la sostenibilità.

A sua volta il Direttore Generale di Energy Evolution di ENI Giuseppe Ricci, ha osservato che questa intesa rappresenta una nuova spinta verso il progetto di trasformazione che punta alla produzione di energia tramite fonti rinnovabili. Con GreenIT si rafforza l’impegno verso la decarbonizzazione con obiettivi che portano benefici sia in termini di avvicinamento agli obiettivi dell’Agenda 2030 sia come rafforzamento delle competenze e del knowhow a livello di paese sui temi della generazione e della gestione di energie rinnovabili.

A proposito di ENI si suggerisce la lettura di ENI promuove Open-es per la sostenibilità e di ESG: Eni è fra i leader per tre rating

A proposito di CDP si suggerisce la lettura di Environment: da cdp 70 milioni di euro contro il Climate change

Immagine fornita da Shutterstock

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5