Challenge

Una Smart Marathon Green&Blue per premiare la transizione ecologica

Una challenge organizzata da Cisco Italia e Officine Italia in collaborazione con Codemotion improntata alla crescita digitale e sostenibile del nostro Paese che ha fatto emergere tante idee interessanti. Gianmatteo Manghi, Amministratore Delegato di Cisco Italia: “I nostri giovani sono pieni di talento, sensibilità, creatività e voglia di fare. Il nostro impegno deve essere quello di dare loro la possibilità di esprimersi e contribuire alla rinascita del nostro Paese, costruendo un futuro più sostenibile e inclusivo”

08 Lug 2021

Redazione ESG360

Green&Blue Smart Marathon: Cisco Italia premia i progetti digitali che accelerano transizione ecologica e circolarità 

La sostenibilità è un tema che appassiona davvero i giovani italiani. Lo dimostra il successo, in termini di partecipazione, riscosso dall’iniziativa Green&Blue Smart Marathon, lanciata a maggio da Cisco Italia e Officine Italia in collaborazione con Codemotion. Oltre 200 partecipanti e 15 progetti raccolti, alla maratona di idee che, nella visione di Cisco, rappresenta il primo importante passo per la “creazione di un ecosistema dove concretezza e inclusività sono le parole chiave per iniziative in cui il digitale è lo strumento che abilita la transizione ecologica e la circolarità”. Digitalizzazione e sviluppo sostenibile sono infatti due facce della stessa medaglia, quella della trasformazione in larga scala dell’economia del Paese.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile
Turismo/Hospitality/Food

Un percorso di quasi 2 mesi, che si è concluso il 25 giugno scorso, durante il quale i partecipanti hanno potuto confrontarsi con grandi aziende italiane già impegnate in progetti “green & blue” e innovativi. Sono quattro i temi – smart mobility, smart utility, smart building e smart citizen -che hanno guidato i progetti, ciascuno finalizzato a rispondere all’obiettivo della challenge: studiare nuovi modi di interazione tra l’uomo, l’ambiente e le tecnologie, sfruttando il potenziale dell’Internet delle Cose per creare soluzioni intelligenti e sostenibili.

“Mi riempie di soddisfazione vedere così tanto impegno su un tema così importante come quello della sostenibilità – commenta Gianmatteo Manghi, Amministratore Delegato di Cisco Italia – orgoglioso che questa challenge abbia fatto emergere così tante idee interessanti, a testimonianza del fatto che i nostri giovani sono pieni di talento, sensibilità, creatività e voglia di fare, al contrario di quanto spesso si sente dire. Il nostro impegno deve essere quello di dare loro la possibilità di esprimersi e contribuire alla rinascita del nostro Paese, costruendo un futuro più sostenibile e inclusivo”.

I progetti vincitori per un futuro più sostenibile e inclusivo

La premiazione si è svolta nella cornice del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, in occasione del Summit “Brand New Skills: Green&Blue Generation”, organizzato da Cisco Italia. Padroni di casa Gianmatteo Manghi, Amministratore Delegato di Cisco Italia e Fiorenzo Galli, Direttore Generale Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, che si sono confrontati con rappresentanti del mondo accademico, delle istituzioni e delle realtà imprenditoriali sul tema della sostenibilità, offrendo ai partecipanti punti di vista diversi e interessanti spunti di riflessione e approfondimento.

Imomushi Probe si è classificato al primo posto con una sonda innovativa dotata di tecnologia Lidar, UPGS di precisione e AI che individua e previene punti di rottura o falle nelle tubature, permettendo un monitoraggio costante e interventi mirati.
A guadagnarsi il secondo posto Ride&Reload con un hub-charger per ristoranti e bar, grazie al quale l’utente può ricaricare il monopattino comodamente mentre consuma.
Terzo classificato, Green Ocean con un progetto focalizzato sul miglioramento della qualità dell’aria, sulla semplificazione della vita lavorativa e su un sistema digitale di incentivazione green; tre aree che insieme contribuiscono ad una nuova visione di vita sostenibile.
Infine, Harte si è meritato una menzione speciale per un progetto finalizzato alla sensibilizzazione dei cittadini verso atteggiamenti più attenti all’ambiente con tanto di punti e badge in base alle loro attitudini “green”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5