Scenari

Crediti di carbonio e blockchain: la nuova frontiera delle criptovalute green per la sostenibilità del business

La “catena di blocchi” non serve solo per investire in valute digitali, ma sta anche rivoluzionando il mondo dei Carbon credits. Ecco come la nuova tecnologia può supportare iniziative di sostenibilità come il monitoraggio delle compensazioni

04 Apr 2022

Veronica Balocco

Blockchain e crediti di carbonio: che c’azzecca? Il legame è molto più stretto di quanto si pensi. E il merito è tutto delle due grandi peculiarità che la “catena dei blocchi” possiede per sua natura: la capacità di consentire il coordinamento di grandi gruppi di utenti disparati e, forse ancora più importante, la possibilità di garantire in modo incontrovertibile il concetto di proprietà. L’idea di un “libro mastro distribuito” che sappia collegare risorse condivise, senza sacrificare la privacy a un’autorità centrale, è in teoria applicabile a quasi tutti i beni immaginabili. Le valute digitali sono state l’ovvio punto di partenza, ma le blockchain possono essere utilizzate anche in altri ambiti. Uno fra tutti: la certificazione delle politiche di sostenibilità delle imprese.

L’applicazione ai crediti di carbonio, in questo senso, rappresenta uno dei casi d’uso più promettenti. In un mercato globale del carbonio afflitto da problemi di garanzia della qualità, la blockchain offre il potenziale per legare indissolubilmente un credito a un progetto. 

Insomma: da attività base come la compensazione del carbonio associato alla spedizione, ad azioni più complesse come il monitoraggio delle emissioni di gas serra di un’intera catena di approvvigionamento, le blockchain offrono una soluzione di certificazione sicura, credibile e verificabile. Ma le blockchain possono andare anche oltre. E aiutare le aziende a generare rapporti ambientali trasparenti che mostrino un registro delle emissioni di carbonio e dei crediti di carbonio.

Il meccanismo dei crediti di carbonio

Oggi le blockchain offrono un modo molto efficiente per tracciare e certificare i crediti di carbonio. Ma per comprendere come questo avvenga, partiamo dalle basi.

WHITEPAPER
Le fasi del mining: stabilire un obiettivo e la criptovaluta. Scopri di più
Blockchain
Criptovalute

Un credito di carbonio è un’indennità per una società che detiene il credito per emettere emissioni di carbonio o gas serra. Un singolo credito equivale a una tonnellata di anidride carbonica da emettere o alla massa equivalente all’anidride carbonica per gli altri gas. Le aziende detengono molti crediti, quanti ne desiderano acquistare per bilanciare le proprie emissioni.

I crediti vengono creati quando si ritiene che un progetto abbia eliminato 1 tonnellata di emissioni di gas serra: piantare una foresta che eliminerebbe 1 tonnellata di emissioni di carbonio sarebbe sufficiente per creare un credito. Tuttavia, i crediti decadono nel tempo, il che significa che le aziende devono continuamente creare nuove idee per rimuovere le emissioni. Ecco perché le aziende non possono semplicemente accumulare crediti di carbonio.

Considerato poi che l’importo dei crediti che una società può detenere è limitato, le imprese sono incoraggiate a vendere i loro crediti in eccesso ad altre società per evitare multe. Molte aziende sono specializzate anche nel trading e nell’investimento in crediti. Comprano crediti da grandi aziende e li rivendono a chiunque possa averne bisogno. E poiché il prezzo del carbonio aumenta continuamente, aumenta anche il valore dei crediti.

L’ecosistema Crypto Carbon: perché usare la blockchain

Torniamo dunque al legame fra mercato dei crediti e blockchain. E cerchiamo di capire meglio quale sia la loro possibile connessione. Nella loro forma più semplice, le blockchain sono registri distribuiti per le informazioni digitali. In un’era basata sull’informazione, ciò significa che quasi tutte le informazioni potrebbero, almeno in teoria, essere collegate a una blockchain. Le criptovalute, lo abbiamo detto, attirano ancora la maggior parte dell’attenzione da parte dei media e degli investitori. Ma mentre il mondo delle criptovalute matura, gli sviluppatori hanno iniziato ad applicare la blockchain a uno degli altri mercati caldi degli ultimi anni: i crediti di carbonio.

L’idea è semplice. Le compensazioni di carbonio sono un’unità di misura, che certifica che una particolare azione o progetto che ha rimosso l’equivalente di una tonnellata di CO2. Un credito = una tonnellata. La matematica è semplice, ma applicarla al mondo reale si rivela difficile. 

I problemi concreti sono di varia natura. La misurazione, ad esempio: come si misura quanta CO2 rimuoverà un determinato insieme di azioni, prima ancora che lo faccia? L’operazione  può essere particolarmente complicata quando si tratta con organismi viventi, come alberi, come nel caso della maggior parte degli offset basati sulla natura. Ma anche la fase di verifica: anche potendo misurare le cose con precisione, come è possibile verificare che l’insieme di azioni abbia effettivamente prodotto un offset misurabile?

La blockchain può, in teoria, aiutare con entrambi questi problemi collegando gli offset a criptovalute o token basati su blockchain. I token aiutano a incentivare la verifica, mentre la tokenizzazione dei progetti di offset può garantire una misurazione accurata.

Crypto-carbon: un ecosistema articolato

Oggi blockchain, criptovalute e carbonio interagiscono con dinamiche particolari, dando vita ad un articolato ecosistema dominato da alcune tendenze. Vediamo le principali.

Criptovalute “affamate” di carbonio,  ma sempre meno

Il funzionamento dei Bitcoin si fonda sul meccanismo di consenso Proof-of-Work, noto per essere ad alta intensità energetica e quindi non particolarmente rispettoso dell’ambiente. L’impatto è difficile da definire con certezza, ma gli studi del 2019 attribuiscono al mining di Bitcoin la responsabilità di 22 milioni di tonnellate di CO2e, in crescita nei due anni successivi. Tuttavia, anche i numeri più alti impallidiscono rispetto alle emissioni globali: il mining di Bitcoin rappresenta infatti meno dello 0,10% della CO2e globale.

Il ruolo di Blockchain piú sostenibili

Indipendentemente da ciò, l’idea di una “cripto affamata di carbonio” è rimasta, in particolare proprio con i Bitcoin. Il risultato è stato quello di spingere il mondo delle criptovalute verso un approccio più rispettoso del carbonio. In altri casi, può significare lo sviluppo di ecosistemi completamente nuovi attorno a blockchain più sostenibili: il recente aumento dell’esposizione di Solana, ad esempio, deve qualcosa proprio alla sua reputazione di blockchain a emissioni zero. E anche la svolta a livello di settore verso Proof-of-Stake invece di Proof-of-Work può essere attribuita ad una crescente sensibilità ecologica.

Compensazioni di carbonio tokenizzate

Il mercato globale delle compensazioni di carbonio non mostra segni di rallentamento e si prevede che varrà miliardi entro la fine del decennio. Un mercato in crescita così veloce e così diffuso in tutto il mondo pone sfide uniche nella verifica e nell’applicazione delle compensazioni.

La tokenizzazione risponde ad alcune di queste sfide. I token non fungibili sono per loro stessa natura unici. Ciò consente ad alcuni progetti di criptovalute, come Moss, di emettere NFT per progetti particolari o anche parti particolari di progetti offset. Amazon NFT di Moss è uno dei tanti esempi; uno molto più appariscente è il Rimba Raya NFT che è stato venduto per $ 70.000. Questa è una singola compensazione di carbonio, per un prezzo esponenzialmente superiore al valore di mercato attuale. 

Scambi di carbonio basati su blockchain

I carbon NFT e gli offset tokenizzati sono spesso venduti su borse di carbonio basate su blockchainAbu Dahbi ha raggiunto la neutralità del carbonio acquistando compensazioni su AirCarbon Exchange. Lo scambio offre offset da tutto il mondo, ma li tokenizza sul proprio scambio, seguendo lo stesso modello di una borsa merci tradizionale per facilitare il commercio di carbonio.

Un mondo di possibili interazioni

Alcuni dei progetti più innovativi seguono tutte e tre le principali tendenze contemporaneamente: lo scambio di carbonio proposto dall’Università di Cambridge sarà basato su Tezos, un’altra blockchain PoS ecologica. Altri progetti spesso coinvolgono aspetti di ciascuna tendenza. Il progetto CryptoCarbons NFT produce NFT ispirati all’arte che sono collegati a offset già generati. Ma il progetto consente anche agli utenti di richiedere NFT personalizzati generati appositamente per loro e collegati a un numero specifico di offset. 

I principali scambi di criptovalute, come Binance, Coinbase e altri, possono vendere token legati al carbonio senza essere uno scambio di criptovalute dedicato. Alcuni dei più grandi progetti di criptovalute, come Klima, Toucan e altri, sono disponibili solo su questi scambi centralizzati.

Il mondo delle criptovalute è sempre più consapevole della necessità di essere rispettosi dell’ambiente. Questa consapevolezza ha portato a un ecosistema pronto ad accettare ambiziosi progetti NFT di compensazione del carbonio e compensazioni tokenizzate. 

Progetti leader nel settore del carbonio: dalle blockchain agli Nft

Ecco gli attuali progetti Crypto-carbon che stanno attirando l’attenzione: dalle blockchain standalone che supportano la collaborazione multipartitica nel campo dell’ambiente e della sostenibilità, al conio e scambio di carbon credits come Nft su blockchain.

Devvio

Devvio è una criptovaluta più ecologica che utilizza una frazione del consumo energetico di Bitcoin. Una recente revisione di terze parti ha misurato le prestazioni di Devvio rispetto agli standard ISO nell’ambito di una valutazione del ciclo di vita (LCA). La blockchain DevvX ha utilizzato 3,5 miliardi di volte meno energia per transazione rispetto a Bitcoin, secondo il rapporto preliminare.
Devvio è stato istituito, in parte, per supportare i mercati del credito di carbonio e le iniziative di sostenibilità. A tal fine, Devvio è già partner di Avnet e Panduit. Queste organizzazioni aiutano a connettere le aziende che cercano lo status di carbon neutral con le organizzazioni che generano crediti di carbonio attraverso la piantumazione di alberi e progetti di infrastrutture per l’energia rinnovabile.

Devvio ha anche lanciato di recente una piattaforma ESG unica nel suo genere. Secondo quanto spiegato , “la suite di prodotti DevvESG consente a città e paesi di tutto il mondo di tenere traccia delle emissioni” Scope 3 “prodotte dalla loro rete di fornitori e fornitori”. 

Algorand

Algorand è un’altra blockchain ad alta efficienza energetica che supporta contratti intelligenti e iniziative di sostenibilità. Questa blockchain è anche essa stessa negativa al carbonio, con l’impegno di compensare eventuali emissioni e poi alcune. Algorand ha ottenuto lo status di carbon neutral nell’aprile 2021 grazie a una partnership con ClimateTrade, che tiene traccia delle emissioni di carbonio. Grazie alla collaborazione con Algorand, ClimateTrade rende anche più facile per le aziende di tutto il mondo tenere traccia delle loro emissioni di carbonio e compensazioni.

Il team di Algorand ha progettato un sistema che calcola l’impronta di carbonio di un numero specifico di blocchi sulla catena. Ciò consente alla rete di calcolare l’importo equivalente di credito di carbonio, che chiama Algorand Standard Asset (ASA). Algorand può quindi compensare e bloccare gli ASA in una tesoreria verde, consentendo al protocollo di rimanere carbon negative.

Moss

Moss è due progetti in uno: un token popolare (MCO2) e un progetto NFT basato sul clima. Entrambi i progetti si basano sul concetto di tokenizzazione per incentivare la produzione di compensazione del carbonio e la riduzione delle emissioni. Il token MCO2 è disponibile come token ERC-20 su borse popolari come Coinbase. L’acquisto del token finanzia progetti di compensazione del carbonio. La maggior parte ha sede dentro e intorno alla foresta pluviale amazzonica.

Moss non amministra direttamente i progetti offset. Invece, si procurano offset di alta qualità da altri fornitori e li tokenizzano. Ogni progetto si traduce in una determinata quantità di offset; Moss produce una determinata quantità di token in base agli offset previsti. Un token MC02 = un offset per una tonnellata di CO2.

Il progetto Moss Amazon NFT funziona in modo leggermente diverso. Moss acquista porzioni dell’Amazzonia a rischio di deforestazione. Quel terreno viene poi diviso in porzioni di 1 ettaro, ciascuna delle dimensioni di un campo da calcio. I diritti su tali porzioni sono digitalizzati e tokenizzati come NFT (Non-Fungible Tokens). Ogni NFT è unico e legato a un pezzo unico di proprietà. Gli NFT di Moss Amazon sono vere e proprie vendite di terreni; i proventi del fondo di vendita ulteriori acquisti, con il 30% del ricavato che va a un fondo di conservazione. Quel fondo paga per il pattugliamento e la protezione fisica delle partecipazioni Amazon NFT.

KlimaDAO

Basato sul comune modello di criptovalute delle compensazioni di carbonio tokenizzate, Klima è anche un DAO. In quanto organizzazione autonoma decentralizzata, KlimaDAO mira ad aumentare il prezzo delle compensazioni sul Voluntary Carbon Market. Questo viene fatto acquistando compensazioni di carbonio, tokenizzandole e quindi vendendole o “bruciandole” per influenzare il mercato. Ciò che distingue Klima è il suo obiettivo dichiarato di essere una valuta sostenuta dal carbonio, piuttosto che semplicemente un indicatore di crediti tenuti in riserva. A tal fine, tutti i token KLIMA sono supportati 1:1 da riserve in BCT, token emessi da Toucan.

Toucan.earth

Il fulcro del progetto di Toucan è il TCO2, che sta semplicemente per Tokenized CO2. Ogni TCO2 rappresenta un credito di carbonio verificato nel mondo reale. I TCO2 sono semi-fungibili, con informazioni univoche su ciascun progetto codificate sulla blockchain. I token sono verificati da Verra, collegando Toucan a uno dei principali standard di compensazione del carbonio.

SavePlanetEarth

Strutturalmente, SavePlanetEarth (SCARICA QUI IL WHITE PAPER DI PRESENTAZIONE) condivide somiglianze con il progetto Toucan/Klima. La base del progetto è la tokenizzazione dei crediti di carbonio verificati, su cui verrà costruito un intero ecosistema: una valuta e una blockchain alimentata da energia verde. Ci sono alcune differenze chiave; il token di base è $SPE e lo standard di verifica utilizzato per le compensazioni di carbonio è il Gold Standard, anziché Verra. Il progetto SPE si basa anche maggiormente sulle NFT per la fase iniziale della gestione del progetto, oltre a qualcosa chiamato “certificati di credito di carbonio”.

Gli altri progetti

Fra gli altri progetti importanti in via di affermazione nell’ecosistema crypto-carbon ricordiamo: AirCarbonExchange (che ha fatto notizia aiutando il settore finanziario di Abu Dhabi a raggiungere la piena neutralità del carbonio); Base Carbon (che si concentra sul finanziamento e sul supporto per lo sviluppo di progetti di criptovalute); CarbonToken (che utilizza un approccio innovativo di verifica umana, risposte dai dati e  blockchain per tokenizzare gli alberi); KumoDAO (criptovaluta di carbonio, ma con una svolta: mira a essere una stablecoin ancorata all’USD).

Immagine fornita da Shutterstock

WHITEPAPER
In 5 step ecco come migliorare i processi di CONTABILITA'
Amministrazione/Finanza/Controllo
Finanza/Assicurazioni
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5