Rating

Targa Telematics: medaglia d’argento Ecovadis per le performance Esg

La tech company specializzata nello sviluppo di soluzioni digitali nel campo della telematica, della smart mobility e delle piattaforme IoT per la mobilità, ha ottenuto il riconoscimento per i risultati ottenuti nella responsabilità sociale d’impresa

06 Apr 2022

Redazione ESG360

Targa Telematics, tech company specializzata nello sviluppo di soluzioni digitali nel campo della telematica, della smart mobility e delle piattaforme IoT per operatori di mobilità, ha ottenuto la medaglia Silver di Ecovadis per i risultati ottenuti nella responsabilità sociale d’impresa.

EcoVadis è il fornitore più grande e affidabile al mondo di valutazioni della sostenibilità aziendale; attraverso una metodologia costruita su standard internazionali, monitora le prestazioni di una azienda a monte della sua catena di valore, ne certifica il livello di sostenibilità, condividendole poi con tutti i suoi stakeholder. Ad oggi, il database EcoVadis conta oltre 75.000 aziende valutate in 160 paesi e in 200 settori.

“E’ la prima volta che ci sottoponiamo alla certificazione EcoVadis e siamo orgogliosi di aver ricevuto questo riconoscimento che premia i nostri sforzi in ambito sostenibilità, ottenendo risultati ben superiori alla media del settore. Per noi i valori ESG e CSR sono da sempre parte del nostro DNA e la medaglia d’argento che ci è stata assegnata già alla prima valutazione, ci stimola a continuare ad impegnarci a perfezionare le best practices già adottate e parte del nostro patrimonio aziendale ed aumentare gli sforzi su questo tema per noi fondamentale” ha dichiarato Nicola De Mattia CEO di Targa Telematics.

EcoVadis ha assegnato la medaglia d’argento a Targa Telematics dopo una lunga e scrupolosa valutazione di 21 parametri riconducibili a quattro macrotemi: ambiente, pratiche lavorative e diritti umani, etica e acquisti sostenibili. Targa Telematics ha totalizzato un punteggio globale superiore alla media delle aziende del suo settore, rientrando nel 25 percento delle società che hanno ottenuto i punteggi migliori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5