Acqua

Net water positive entro il 2030: la partnership di Pepsico con WaterAid

La società, già attiva su fronte ESG, si impegna a ricostituire oltre il 100% dell’acqua utilizzata nelle aree ad alto rischio entro il 2030. Inoltre amplia di oltre 53 milioni di dollari il programma Safe Water Access con il suo primo investimento nell’Africa sub-sahariana per combattere gli impatti della pandemia da Covid-19

24 Ago 2021

Redazione ESG360

closeup water flow to hand of women for nature concept on the garden background.

Net water positive: una priorità per il mondo food

Diventare “Net Water Positive” entro il 2030, reintegrando più acqua di quella utilizzata dall’azienda, e collocandosi così fra i produttori di alimenti o bevande più efficienti dal punto di vista idrico, operanti in bacini idrografici ad alto rischio. E’ l’impegno annunciato da PepsiCo Foundation che, con l’accesso all’acqua potabile, componente fondamentale del programma olistico per la gestione dell’acqua, lancia anche un nuovo programma da 1 milione di dollari con la principale ONG e partner a lungo termine WaterAid, per portare acqua potabile alle famiglie nell’Africa Sub-Sahariana, ampliando le iniziative portate avanti con più di 53 milioni di dollari da 15 anni, che garantiscono l’accesso all’acqua potabile in oltre 20 paesi e che hanno aiutato più di 59 milioni di persone dal 2006.

Dare priorità alla gestione dell’acqua per diventare Net water positive

“Il tempo stringe perché il mondo intervenga sull’acqua. L’acqua non è solo una componente necessaria del nostro sistema alimentare, è un diritto umano fondamentale e la mancanza di acqua potabile e pulita nel mondo è uno dei problemi più urgenti che la nostra comunità globale deve affrontare oggi”, ha affermato Jim Andrew, Chief Sustainability Officer di PepsiCo. “La scarsità d’acqua è direttamente collegata alla crisi climatica e noi di PepsiCo crediamo che uno sforzo globale per essere “Net Water Positive” sia essenziale. Siamo concentrati non solo sull’assicurare che le persone in tutto il mondo abbiano accesso a questa risorsa vitale, ma anche sul dare priorità alla gestione dell’acqua in ogni nostra operazione”.

Interventi sui processi e risk management alla base del percorso Net water positive

Nuovi obiettivi guideranno un’azione operativa tangibile verso l’ambizione “Net Water Positive” di PepsiCo di ridurre l’uso assoluto di acqua e reintegrare nel bacino idrico locale oltre il 100% dell’acqua utilizzata nei siti di proprietà dell’azienda e delle aree ad alto rischio di terzi. L’efficacia delle riduzioni deve essere raggiunta attraverso l’adozione di standard operativi di efficienza nell’uso dell’acqua best-in-class o world-class che coprono più di 1.000 strutture di proprietà dell’azienda e di terze parti, con quasi la metà situata in bacini idrografici ad alto rischio. L’innalzamento dello standard di efficienza nei siti di proprietà dell’azienda nei soli bacini idrografici ad alto rischio, consentirà a PepsiCo di evitare di utilizzare più di 11 miliardi di litri di acqua all’anno, una riduzione del 50% della quantità di acqua utilizzata dall’azienda in questi siti. PepsiCo , già impegnata su progetti ESG, mira inoltre ad adottare entro il 2025 l’Alliance for Water Stewardship Standard in tutte le aree ad alto rischio in cui opera. Inoltre, la visione olistica di PepsiCo “Net Water Positive” mira a fornire un accesso sicuro all’acqua a 100 milioni di persone entro il 2030.

L’investimento in WaterAid per migliorare la infrastrutture idriche

Il nuovo investimento della PepsiCo Foundation con WaterAid si concentra sull’Africa Sub-Sahariana e contribuirà a migliorare le infrastrutture idriche, costruire nuovi sistemi di approvvigionamento idrico e strutture igienico-sanitarie eque e promuovere l’educazione all’igiene. Consentirà inoltre a donne e ragazze di diventare responsabili dell’acqua, dei servizi igienico-sanitari e dell’igiene nelle loro comunità, fornendo loro i finanziamenti e la formazione per mantenere i punti di accesso all’acqua e le strutture igienico-sanitarie per gli anni a venire. Questo nuovo programma arriva in un momento critico in cui la variante Delta del Covid-19 si diffonde in tutto il mondo, ponendo un rischio particolare per le comunità in difficoltà idriche. Molte nazioni, come quelle dell’Africa Sub-Sahariana, non dispongono di infrastrutture o approvvigionamento idrico per prevenire e curare le malattie: ad esempio, quasi il 70% delle case in questa zona non dispone di luoghi in cui le famiglie possano lavarsi le mani con acqua e sapone. Data l’importanza del lavaggio delle mani e dell’igienizzazione per combattere la pandemia, questo lascia le comunità altamente suscettibili ai picchi di Covid-19. Questo problema è aggravato dalla lentezza della distribuzione dei vaccini nel paese.

WaterAid al lavoro anche per garantire l’accesso all’acqua

“Abbiamo appreso sin dall’inizio della pandemia che il lavaggio delle mani e un’igiene adeguata erano fondamentali per rallentarne la diffusione, ma per milioni di persone in tutto il mondo l’accesso all’acqua rimane un lusso. Di conseguenza, milioni di vite restano in pericolo e fino a quando non affronteremo questa crisi il paese rimarrà particolarmente suscettibile a virus come il Covid-19”, ha affermato C.D. Glin, Vice President, Global Head of Philanthropy presso PepsiCo. “Non solo questa disparità nell’accesso all’acqua contribuisce all’aggravarsi della pandemia, ma colpisce anche molti altri obiettivi di sviluppo della zona, tra cui la produzione alimentare, l’uguaglianza di genere, la resilienza climatica e la riduzione della povertà. Siamo orgogliosi della nostra continua collaborazione con WaterAid per portare questo programma nella zona e siamo entusiasti di investire nelle aree con scarsità d’acqua che hanno più bisogno di questa risorsa”.

Net water positive come espansione di un lavoro a lungo termine

L’investimento nell’Africa Sub-Sahariana rappresenta un’espansione del lavoro a lungo termine di PepsiCo Foundation con WaterAid, un’organizzazione internazionale leader con oltre 40 anni di esperienza nel portare acqua pulita, servizi igienico-sanitari e igiene alle comunità di tutto il mondo, compresi i programmi attivi in Colombia, India e Pakistan in collaborazione con PepsiCo Foundation. Questa partnership è una pietra miliare del programma di accesso all’acqua potabile di PepsiCo Foundation, che ha generato più di 10 dollari di impatto per ogni dollaro investito dal 2005 e ha catalizzato quasi 700 milioni di dollari in finanziamenti aggiuntivi per investimenti sull’accesso all’acqua potabile in partnership con organizzazioni non-profit in tutto il mondo.

“PepsiCo Foundation è un partner fedele di WaterAid in tre continenti”, afferma Kelly Parsons, CEO, WaterAid America. “Stanno finanziando programmi fondamentali, fornendo flessibilità per rispondere alla pandemia e gridando a gran voce l’importanza dell’accesso all’acqua potabile per i miliardi di persone che ne sono privi. Siamo orgogliosi di collaborare con PepsiCo Foundation e ci impegniamo a fare tutto il possibile per sostenere il loro obiettivo di raggiungere 100 milioni di persone entro il 2030. La loro aspirazione ci aiuta ad andare oltre e a lavorare ancora di più per chi ne ha bisogno”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5