Report

Supply chain e sostenibilità, le aziende investono in AI e automazione

I dati dello studio “Own your transformation” dell’Institute for Business Value di IBM: il 47% dei Chief Supply Chain Officer ha introdotto innovazioni tecnologiche nell’ultimo biennio; per il 52% la sostenibilità è tra le priorità in testa

22 Set 2022

Antonello Salerno

In cima alle sfide che i Chief Supply Chain Officer si troveranno ad affrontare ci sono nell’ordine le interruzioni della catena di fornitura, le infrastrutture tecnologiche e la sostenibilità. Per far fronte a questa prospettiva il 47% dei CSCO ha introdotto nell’ultimo biennio nuove tecniche di innovazione, il 56% opera su cloud ibrido e il 60% investe in infrastrutture digitali per migliorare la scalabilità e fornire valore. E’ questo in estrema sintesi il quadro che emerge dallo studio Own Your Transformation realizzato dall’Institute for Business Value di IBM, che illustra come le aziende stiano affrontando i nuovi scenari che si sono aperti con la pandemia da Covid-19, le tensioni internazionali provocate dalla guerra in Ucraina, l’inflazione e i cambiamenti climatici.

La ricerca prende in considerazione le risposte di 1.500 tra Chief Supply Chain Officer e Chief Operating Officer ed evidenzia come siano in deciso aumento gli investimenti in automazione, in strumenti di intelligenza artificiale e flussi di lavoro intelligenti, ecosistemi e sostenibilità, tutte questioni destinate a portare cambiamenti importanti nelle operazioni legate alla supply chain.

AI e automazione per una supply chain sostenibile

“Per combattere efficacemente i fattori di stress senza precedenti della supply chain, come l’inflazione, è imperativo che i CSCO si concentrino sull’attuazione di iniziative di analytics, AI e automazione per costruire supply chain intelligenti, resilienti e sostenibili – spiega Jonathan Wright, Ibm Consulting Global Managing Partner, Sustainability Services and Global Business Transformation – Automazione e AI possono consentire ai Csco e alle loro organizzazioni di raccogliere dati, identificare i rischi, convalidare la documentazione e fornire audit trail, anche in periodi di forte inflazione, contribuendo nel frattempo alla gestione dei rifiuti e dei consumi di carbone, energia e acqua”.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Dallo studio IBM emerge che il 47% del campione  afferma di aver introdotto nuove tecnologie di automazione negli ultimi due anni, con l’obiettivo di aggiungere prevedibilità, flessibilità e intelligenza alle operazioni della supply chain, utilizzando l’intelligenza artificiale per monitorare e tracciare le prestazioni.

La sostenibilità come sfida e opportunità

La sostenibilità ha per i Chief Supply Chain Officer una duplice funzione: da una parte è una sfida che presuppone dei cambiamenti organizzativi, e dall’altra è una spinta verso l’adozione di modelli più efficienti. Per il 52% del campione la sostenibilità è così nelle posizioni di testa tra le priorità aziendali, e un intervistato su due si dice convinto che gli investimenti in sostenibilità contribuiranno alla crescita dell’azienda. Quando si tratta poi di individuare da chi provenga la spinta più forte ad adottare comportamenti improntati alla sostenibilità, per il 56% del campione questa viene soprattutto dagli investitori, mentre per il 50% viene dal consiglio d’amministrazione e dai clienti.

Il gruppo degli “innovatori”

Se si considera il campione totale degli intervistati, dalla ricerca emerge che il 20% procede, in termini di propensione all’innovazione, a un passo più spedito rispetto al resto del gruppo: “Si distinguono – spiega IBM in una nota – per la capacità di accelerazione dell’innovazione, guidata dai dati, per prepararsi a un futuro incerto. Questo gruppo sta già superando i colleghi su parametri chiave tra cui una crescita del fatturato annuo superiore dell’11%”.

Per dare una descrizione dei parametri chiave che contraddistinguono l’approccio innovativo alla supply chain, questi comprendono l’integrazione di flussi di lavoro automatizzati tra le funzioni organizzative e con i partner, per ottenere visibilità, approfondimenti e azioni in tempo reale. A seguire compare la modernizzazione dell’infrastruttura tecnologica, poi l’ampliamento delle iniziative di sostenibilità, che per il 58% del campione dei “più innovativi” può essere utile per migliorare il coinvolgimento dei clienti. E infine una dichiarata maggiore attenzione alla cybersecurity, di quasi 20 punti superiore alla media degli intervistati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5