Il punto

Rating e industria farmaceutica: attenzione alle (tante) questioni di responsabilità

Secondo una nuova research dell’agenzia di rating Scope, quando si valutano i fattori e i rischi ESG rilevanti per la valutazione del comparto si evidenziano tre sfide interconnesse: rischio di contenzioso, prezzi e sostenibilità del modello di business

12 Apr 2022

Le aziende farmaceutiche sono state a lungo esposte al rischio di contenzioso: varie cause legali hanno messo in luce i costi eccessivi, gli effetti collaterali dannosi dei farmaci, i problemi di produzione, la mancanza di supervisione della distribuzione di oppioidi e il marketing ingannevole. Più complesse diventano le società, maggiore è la gamma di questioni di responsabilità. Una maggiore attenzione agli ESG aiuterà le aziende a ridurre i contenziosi.

A puntualizzare questo aspetto è la research (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO) diffusa nei giorni scorsi da Scope, agenzia di rating europea, che ha così messo un punto fermo sull’impatto dei fattori ESG nella valutazione delle aziende farmaceutiche. 

I costi dei possibili contenziosi sulla qualità del credito

“Il rischio di contenzioso e il merito di credito hanno una relazione inversa. Le principali cause legali possono causare seri danni alla reputazione, che possono spingere gli investitori e le parti rilevanti a boicottare le società, con un impatto indiretto sulla loro posizione di mercato”, ha affermato Azza Chammem, analista senior nel team di rating aziendale di Scope. “Il contenzioso può costare alle aziende miliardi di dollari, il che può influenzare materialmente la generazione di cassa, ridurre la capitalizzazione di mercato e limitare l’accesso al capitale. La qualità del credito può peggiorare a causa di spese straordinarie o deflussi di cassa”.

WHITEPAPER
Come cambia il Retail tra ecommerce, piccoli rivenditori e la spinta al cashless

Da un punto di vista sociale, il prezzo dei medicinali è la questione più urgente. Non tutti i dati demografici o i paesi possono permettersi cure. Con l’aumento del divario di ricchezza, la sfida per le aziende farmaceutiche è garantire che i nuovi trattamenti e vaccini siano convenienti, in modo che non diventino indisponibili in alcuni Paesi e le aziende possano evitare accuse di discriminazione.

“Essere visti realizzare profitti a spese dirette del benessere delle persone può danneggiare il settore. L’aumento dei prezzi dei farmaci aumenterà le entrate a breve termine, ma se fatto in modo dubbio, è probabile che gli impatti sociali negativi portino a una reazione negativa della stampa e dei social media. Si tratta chiaramente di un problema ESG e finanziario in quanto potrebbe influire sulla reputazione e sul valore del marchio, nonché sul costo complessivo del capitale di un’azienda e potrebbe influire sulle vendite e sulle operazioni future”, chiarisce Zurab Zedelashvili, analista senior nel team di valutazione aziendale.

La crucialità delle tecnologie 4.0

L’industria farmaceutica sta affrontando notevoli sfide di produttività in termini di identificazione, test e immissione sul mercato di nuovi farmaci, soprattutto nel contesto di soluzioni altamente innovative e basate sulla tecnologia. Le tecnologie di produzione continuano ad evolversi mentre l’emergere di Internet of Things, intelligenza artificiale, robotica e informatica avanzata, nota anche come Industria 4.0, inizia a sfidare gli approcci, le pratiche e i modelli di business tradizionali.

L’industria 4.0 ha il potenziale per aumentare notevolmente l’agilità, l’efficienza, la flessibilità e la qualità della produzione industriale di medicinali. Ciò sottolinea la maggiore importanza dell’efficienza nella ricerca e sviluppo, che probabilmente diventerà un importante motore verso un futuro più sostenibile.

“Le aziende che hanno dimostrato la capacità di fornire in modo efficiente la loro pipeline di prodotti saranno in una posizione migliore per affrontare le sfide del settore imminenti e mantenere un vantaggio competitivo. Esiste una chiara correlazione tra le spese di R&S e la pipeline di prodotti. La sfida principale è l’efficienza. Nel nostro approccio di valutazione, consideriamo la pipeline di prodotti una delle componenti principali della sostenibilità del modello di business”, conclude Olaf Tölke, responsabile delle valutazioni aziendali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5