Report

OCSE: con il PNRR verso un’economia più digitale, sostenibile e competitiva

C’è ancora tanto da fare sul tema dell’impatto ambientale e della trasformazione energetica ed economica, ma i contenuti del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza vanno nella direzione giusta per stimolare e sostenere questo passaggio. Il rapporto OCSE sottolinea gli effetti negativi della pandemia e la necessità di aumentare l’impegno in termini di riforme strutturali e di infrastrutture

15 Set 2021

Mauro Bellini

Direttore Responsabile ESG360.it e Direttore testate verticali Network Digital360

PNRR, effetto Covid e (tante) trasformazioni legate al cambiamento climatico: nell’ultima edizione dello studio OCSE dedicato all’Italia si avverte in modo particolarmente significativo l’impatto di questi fenomeni, ma nello stesso tempo si coglie anche che per il nostro paese si sono aperte (ma vanno sostenute) tante e nuove (come cita testualmente il rapporto): “straordinarie opportunità per affrontare gli ostacoli che da tempo si frappongono alla creazione di posti di lavoro e per elevare gli standard di vita”.

Dallo studio arriva la conferma il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenta una occasione speciale e unica per gestire una trasformazione economica e sociale verso una economia sostenibile e questa occasione passa da un grande impegno in termini di digitalizzazione del paese per raggiungere anche nuovi obiettivi di produttività. L’OCSE riconosce in modo chiaro che “La competitività delle imprese italiane può essere migliorata attraverso investimenti nelle infrastrutture verdi e nella banda larga” e che il PNRR permette di accelerare il percorso in questa direzione.

Uno scenario positivo in termini di crescita

Le stime dello studio OCSE valutano una crescita economica del nostro al 5,9% per l’anno in corso e una crescita inferiore ma comunque molto importante pari al 4,1% per il 2022. Certamente non va dimenticato che nel 2020 si è dovuto mettere a consuntivo una diminuzione del PIL superiore all’8%, ma i segnali di ripresa dell’economia appaiono, anche secondo l’OCSE, molto consistenti e sono stati recentemente confermati da un consuntivo su un secondo trimestre più robusto di quanto previsto dalle precedenti analisi economiche che sempre l’OCSE aveva rilasciato nel maggio scorso.

WEBINAR
21 Ottobre 2021 - 12:00
Industria 4.0: opportunità e benefici grazie a Virtual Twin e il 3D?Modeling
Automotive
IoT

Il segretario generale dell’OCSE Mathias Cormann in occasione della presentazione del rapporto ha sottolineato che “Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dell’Italia è nella condizione di stimolare e sostenere una crescita più consistente”. Una crescita, si mette in evidenza nel rapporto che sappia nello stesso tempo anche rispondere alla domanda, oggi più che mai urgente, non solo di sostenere la crescita, ma di indirizzarla verso la trasformazione green, verso lo sviluppo di modelli comportamentali e di consumo sostenibili che permettano di stimolare e accompagnare anche la trasformazione ecologica del paese. In questo senso il rapporto sottolinea che “il rafforzamento del settore pubblico rappresenta a sua volta un fattore fondamentale per garantire la riuscita del PNRR”, che deve peraltro comprendere riforme importanti per la creazione di infrastrutture per la trasformazione energetica dell’economia e per una efficace trasformazione digitale.

Riforme e interventi per aiutare la trasformazione ecologica anche con lo sviluppo di una finanza sostenibile

Un focus speciale come ormai ben noto è dedicato ai temi della riduzione dell’impatto ambientale  e della sostenibilità in generale e dal rapporto OCSE emerge che c’è ancora tanto lavoro da fare. Nel nostro paese risulta che qualcosa come i tre quarti della popolazione è esposta a livelli di inquinamento ambientale a rischio per la salute, ma emerge nello stesso tempo che le emissioni di Gas serra sono in costante, anche se ancora lieve, calo.

Il PNRR è chiamato certamente a svolgere un ruolo fondamentale, ma sono le riforme strutturali che devono essere messe in campo che devono permettere di creare quelle condizioni virtuose che rendono sempre più appetibile alle imprese e al mondo della finanza gli investimenti in progetti capaci di attuare la trasformazione energetica ed ecologia di cui ha bisogno il nostro paese. Le difficoltà legate alla disponibilità di infrastrutture e tecnologie sono superabili anche nel momento in cui si premiano le realtà che indirizzano risorse e investimenti proprio sui temi della trasformazione ecologica. Tutto il fenomeno ESG potrebbe in altra aprole giocare un ruolo ancora più importante a fronte di un framework regolamentatorio più chiaro e favorevole e a fronte di uno scenario fiscale che tenga in maggiore considerazioni l’impegno al raggiungimento di obietti di sostenibilità ambientale, sociale ed etica.

Tra i temi affrontati dal rapporto OCSE sui quali si raccomanda all’Italia un intervento per migliorare lo scenario che abbiamo davanti e che può trarre benefici dal PNRR c’è anche il tema delle diseguaglianze e dell’inclusione. Il livello monitorato delle diseguaglianze è ancora più elevato rispetto alle altre economie più evolute e c’è un segnale d’allarme legato all’allargamento della fascia delle famiglie costrette a vivere al di sotto di limiti di povertà come ulteriore segnale di una distribuzione del reddito che ha premiato e continua a premiare le fasce più protette. In questo senso il rapporto OCSE sottolinea che si avverte l’effetto Covid, come fenomeno che ha colpito, nelle sue conseguenze economiche, soprattutto famiglie e soggetti più vulnerabili.

A questo LINK si può leggere scaricare il rapporto completo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5