L'analisi

GSS Bonds, MainStreet Partners: “Ecco la vera rivoluzione nel rapporto fra investitori ed emittenti”

La società di ESG Advisory e Portfolio Analytic pubblica il primo rapporto sul mercato dei Green, Social e Sustainability Bonds, svelando lo stato del mercato obbligazionario GSS e gli sviluppi da aspettarsi nei prossimi mesi. Negli SLB il vero boom: l’emissione annuale ha raggiunto i 90 miliardi di dollari nel 2021, a confronto dei soli 9 miliardi di dollari dell’anno precedente

16 Mar 2022

Veronica Balocco

Il mercato dei GSS Bonds è cresciuto di oltre il 50% all’anno negli ultimi 5 anni. E la spinta è rappresentata dal fatto che che le sfide legate all’aumento dei tassi di interesse e alla regolamentazione ESG sono ampiamente controbilanciate dal forte sostegno di imprese e governi al mercato.

Nel 2021, in particolare, il 29% del debito finanziato in euro da emittenti Investment Grade non finanziari in Europa occidentale è stato di tipo Green, Social o Sustainability (Citi, Dealogic).  In questo quadro, il mercato dei SLB è stato quello con risultati più sorprendenti: l’emissione annuale ha raggiunto i 90 miliardi di dollari nel 2021, a confronto dei soli 9 miliardi di dollari dell’anno precedente. La varietà di KPI di sostenibilità utilizzati per queste obbligazioni è in aumento, mentre molti emittenti stanno già rafforzando i KPI a cui si erano impegnati in precedenza.

Sono le principali evidenze che emergono dall’analisi sullo stato del mercato obbligazionario Green, Social e Sustainability (GSS) pubblicata da MainStreet Partners, società londinese specializzata in ESG e Portfolio Analytics, la quale ha così delineato quale sia il ruolo attuale, e futuro, di questi strumenti nel raggiungimento degli obiettivi ambientali e sociali.

Più strumenti per gestire i rischi di sostenibilità

Nella prima edizione del rapporto “GSS Bonds Market Trends” (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO), MainStreet Partners fa leva sull’esperienza di oltre 10 anni maturata nel mercato dei GSS bond e analizza le dinamiche dietro al mutamento sostanziale di questo importante settore in crescita. L’analisi fornisce una visione concisa delle principali tendenze che caratterizzano l’universo dei Green, Social e Sustainability-Linked bonds (SLB), la stella nascente di questo mercato.

WHITEPAPER
Cosa serve per risparmiare davvero sull’energia? L’IoT da solo non basta!

Dal 2010, grazie ai propri database sulle obbligazioni GSS, MainStreet Partners ha messo a disposizione degli investitori diversi strumenti utili per misurare e gestire rischi e KPI di sostenibilità.

Le tipologie di prodotti creati da MainStreet Partners a disposizione degli investitori in GSS bonds sono principalmente:

  • Bond Rating – Le obbligazioni GSS vengono analizzate seguendo un framework proprietario che fa leva su analisi dell’emittente e su considerazioni specifiche per ogni bond
  • Risultati e Ratings d’Impatto – I dati di impatto riportati dagli emittenti di bond GSS, elencati secondo variabili ambientali e sociali, vengono aggregati e normalizzati
  • Allineamento della tassonomia dell’UE – I progetti ambientali finanziati dalle obbligazioni GSS sono misurati in base ai criteri tecnici normativi.

Una vera “rivoluzione”

“Chiunque concorderebbe che il mercato dei GSS bond ha cambiato radicalmente le conversazioni tra investitori ed emittenti, mettendo obiettivi climatici e sociali sotto i riflettori – dichiara Pietro Sette, Research Associate di MainStreet Partners -. Alcuni dei progetti maggiormente finanziati dagli emittenti di GSS bond sono, ad esempio, veicoli elettrici ed energie rinnovabili, come anche il supporto all’assistenza sanitaria pubblica e al Social Housing. In un contesto normativo in rapida evoluzione, l’elevata trasparenza di dati delle obbligazioni GSS li rende strumenti essenziali che permettono agli emittenti e agli investitori di misurare e pubblicare informazioni non finanziarie”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5