Sondaggio

Arexons: è il consumatore che indirizza le aziende verso scelte sostenibili

Con la consapevolezza che buona parte degli italiani è pronta a supportare le aziende a intraprendere il cammino verso la sostenibilità, nel 2021 Arexons ha lanciato la campagna AREXONS GO GREEN – The Green Care Company per arrivare al 2025, anno in cui cade il centenario della fondazione, con risultati e ritorni concreti in termini di sustainability

07 Feb 2022

Ormai le aziende non possono più permettersi un approccio che non sposi i valori della sostenibilità ma, al tempo stesso, non possono raggiungere questo traguardo da sole. Quello di cui hanno bisogno è l’appoggio di un pubblico di consumatori disposto a fare la propria parte e realmente consapevole dell’importanza delle proprie scelte di acquisto. Ma questo grado di maturità è già stato raggiunto? I consumatori italiani sono realmente sensibili all’impatto sulla salute e sull’ambiente dei prodotti che acquistano?

Stando alla survey di Arexons – azienda italiana del gruppo Petronas e punto di riferimento nei prodotti per la manutenzione e la cura dell’auto, per il fai da te e l’industria -, oltre il 69% degli utenti finali è disposto a spendere di più per l’acquisto di un bene dal minor impatto ambientale, e quasi il 45% accetterebbe un balzo di prezzo importante, tra il 20% e il 50% in più.

Indubbiamente, la transizione verso consumi più sostenibili da parte degli italiani è stata trainata dall’attuale pandemia e dalla crescente discussione sul cambiamento climatico in atto, fenomeni che hanno alimentato la sensibilità verso le tematiche ambientali. Per il 54% degli intervistati l’emergenza sanitaria ha avuto grande influenza sulle scelte di consumo, mentre per il 26% il virus ha contribuito a rafforzare stili di vita già avviati in precedenza.

Prima di effettuare un acquisto, più del 66% degli intervistati legge attentamente le etichette e valuta eventuali riconoscimenti ottenuti dall’azienda, mentre il 16% dichiara addirittura di fare approfondite ricerche sull’azienda. La cultura aziendale green si deve rispecchiare anche nell’offerta proposta, in particolare nella formulazione e nel packaging dei prodotti, al primo posto in più settori merceologici: cibi e bevande (83%), prodotti per l’igiene personale (74%), prodotti per la pulizia della casa (50%), vestiti e accessori (44%).

Fatto salvo che buona parte degli italiani è pronta a fare la propria parte impegnandosi a supportare le aziende per intraprendere il cammino verso la sostenibilità, Arexons ha lanciato nel 2021 la campagna AREXONS GO GREENThe Green Care Company. Alla base del progetto vi è una roadmap ambiziosa che punta a un traguardo significativo e ben definito: arrivare al 2025, anno in cui cade il centenario della fondazione dell’azienda, con risultati e ritorni concreti in termini di sostenibilità.

“Nella visione di Arexons – spiega Mario Parenti, Amministratore Delegato di Arexons  – essere socialmente responsabili è un requisito indispensabile per l’azienda di domani, ma a partire da oggi stesso: al di là del vantaggio per la reputazione e lo stimolo per l’innovazione, si tratta di una promessa di fiducia, che innesca un nuovo tipo di relazione in cui la persona – e non il consumatore – è al centro. I dati del sondaggio che abbiamo condotto ci confermano che anche il singolo individuo sta gradualmente prendendo coscienza di dover assumere un ruolo più responsabile e attivo: è lui, con la propria scelta di acquistare o meno un prodotto in base al suo livello di sostenibilità, a guidare e indirizzare le aziende verso il cambiamento”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5