Sustainable Finance

PCAF: chi è, cosa fa e perché è importante per l’ESG

Una partnership guidata dall’industria per facilitare trasparenza e responsabilità del settore finanziario nei confronti dell’accordo di Parigi. PCAF consentire agli istituti finanziari di valutare e divulgare le emissioni di gas a effetto serra di prestiti e investimenti

26 Ago 2022

Le banche rappresentano la maggior parte del capitale disponibile a livello globale e dall’accordo sul clima di Parigi le maggiori hanno continuato a investire più di 3,8 trilioni di dollari nel settore dei combustibili fossili. Ciò equivale a 2 miliardi di dollari ogni giorno dalla fine del 2015, senza alcuna tendenza al ribasso e nessuna valutazione dell’impronta di carbonio di tale finanza. Misurare e divulgare le emissioni di gas serra associate alle attività di prestito e investimento delle istituzioni finanziarie in modo armonizzato e trasparente è un passo fondamentale per valutare l’allineamento con gli scenari e i rischi climatici, stabilire obiettivi basati su dati scientifici, informare le azioni per il clima e riferire sui progressi compiuti. Data la portata della sfida climatica e il ruolo cruciale del settore finanziario nel facilitare la transizione a zero emissioni nette di carbonio, è stata creata la Partnership for Carbon Accounting Financials (PCAF).

PCAF facilita trasparenza e responsabilità del settore finanziario

PCAF è una partnership globale di istituzioni finanziarie che lavorano insieme per sviluppare e implementare un approccio armonizzato per valutare e divulgare le emissioni di gas serra (GHG) associate ai loro prestiti e investimenti. L’approccio contabile armonizzato fornisce alle istituzioni finanziarie il punto di partenza necessario per fissare obiettivi scientifici e allineare il loro portafoglio con l’accordo di Parigi sul clima. PCAF consente trasparenza e responsabilità e ha sviluppato uno standard di contabilità globale open source per i gas serra dedicato alle istituzioni finanziarie, il Global GHG Accounting and Reporting Standard for the Financial Industry.

WHITEPAPER
Smart Grid: qual è l’impatto della generazione distribuita sulle reti intelligenti?
Networking
Utility/Energy

Il comitato direttivo del PCAF era originariamente composto dalle istituzioni che hanno avviato la globalizzazione dell’iniziativa PCAF: ABN AMRO, Amalgamated Bank, ASN Bank, Global Alliance for Banking on Values (GABV) e Triodos Bank. Da allora si è espanso per includere anche Morgan Stanley, NMB Bank e la Net-Zero Asset Owner Alliance convocata dalle Nazioni Unite. I membri del comitato direttivo sono responsabili di guidare i progressi verso il raggiungimento della missione e degli obiettivi del PCAF.

Lo standard globale di contabilità e rendicontazione dei gas serra per il settore finanziario

Rispondendo alla domanda del settore di un approccio globale e standardizzato alla contabilità e alla rendicontazione dei gas serra, PCAF ha sviluppato il Global GHG Accounting and Reporting Standard for the Financial Industry che, sviluppato dal PCAF Global Core Team, fornisce una guida metodologica dettagliata per misurare e divulgare le emissioni di gas serra associate a sei classi di attività: obbligazioni azionarie e societarie quotate, prestiti alle imprese e azioni non quotate, finanza di progetto, mutui, immobili commerciali e prestiti per autoveicoli.

Con l’evoluzione dello Standard e del PCAF, ulteriori classi di attività e casi di studio verranno aggiunti allo Standard.
L’utilizzo di questo standard consente alle istituzioni finanziarie di:

  • Valutare i rischi legati al clima in linea con la Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD).
  • Stabilire obiettivi scientifici (SBT) utilizzando l’approccio settoriale di decarbonizzazione sviluppato dall’iniziativa Science Based Targets.
  • Riferire alle parti interessate come il Carbon Disclosure Project (CDP).
  • Informare le strategie e le azioni climatiche per sviluppare prodotti finanziari innovativi che sostengano la transizione verso un’economia a zero emissioni nette.

Il Principio è stato rivisto dal GHG Protocol ed è conforme ai requisiti stabiliti nel Corporate Value Chain (Scope 3) Accounting and Reporting Standard, per le attività di investimento di Categoria 15. Durante lo sviluppo dello standard (ottobre 2019-novembre 2020), PCAF si è impegnata con le organizzazioni della società civile per considerare le loro idee, discutere gli approcci metodologici PCAF e ricevere feedback.

Nei mesi di agosto e settembre 2020, PCAF ha anche tenuto una consultazione pubblica con istituzioni finanziarie, responsabili politici, fornitori di dati, consulenti e organizzazioni non governative (ONG). Più di 200 parti interessate sono state raggiunte tramite webinar mirati in inglese, spagnolo e mandarino. Inoltre, 50 parti interessate hanno fornito un feedback diretto allo Standard.

La storia del PCAF

Nel 2015, quattordici istituzioni finanziarie olandesi hanno creato PCAF, sotto la guida di ASN Bank. L’iniziativa è stata lanciata tramite un Carbon Pledge olandese che invita i negoziatori al vertice sul clima di Parigi nel 2015 ad adottare misure ambiziose mentre le istituzioni finanziarie impegnate fanno la loro parte nel realizzare un passaggio essenziale verso un’economia a basse emissioni di carbonio, iniziando con la misurazione e la divulgazione delle emissioni di gas serra dei loro prestiti e investimenti. Da allora, più istituzioni finanziarie dei Paesi Bassi hanno unito le forze per sviluppare e implementare metodologie open source per misurare le emissioni di gas serra di tutte le classi di attività all’interno dei loro portafogli di prestiti e investimenti.

Nel 2018, PCAF si è espansa in Nord America. Guidate da Amalgamated Bank, 12 istituzioni finanziarie hanno adattato le metodologie di contabilità PCAF GHG al contesto nordamericano. E il 4 marzo 2019, i leader di 28 banche della Global Alliance for Banking on Values (GABV) hanno deciso di valutare e divulgare le emissioni di gas serra dei loro prestiti e investimenti utilizzando l’approccio PCAF.

A causa del crescente interesse delle istituzioni finanziarie di tutto il mondo per una valutazione trasparente e armonizzata delle emissioni di gas serra dei loro prestiti e investimenti, ABN AMRO, Amalgamated Bank, ASN Bank, Global Alliance for Banking on Values (GABV) e Triodos Bank hanno deciso di lanciare l’iniziativa globale. La globalizzazione del PCAF si rivolge a banche e investitori di tutto il mondo.

Collaborazione con banche e investitori di tutto il mondo

Poiché le banche rappresentano la maggior parte del capitale disponibile a livello globale e svolgono un ruolo cruciale nel facilitare la transizione, PCAF è pronta a collaborare con le banche di tutto il mondo. Oltre alle banche, la globalizzazione del PCAF si concentra anche sugli investitori (cioè fondi pensione, proprietari di asset e gestori) incoraggiandoli ad aderire all’iniziativa e a impegnarsi a valutare e divulgare le loro emissioni di gas serra associate al loro portafoglio.

PCAF riconosce che questi attori finanziari svolgono un ruolo importante nell’ecosistema finanziario per guidare il cambiamento e la transizione verso una società a basse emissioni di carbonio in linea con l’accordo sul clima di Parigi. Iniziando con un gruppo globale di istituzioni finanziarie volenterose, capitalizzando sulla loro rete e impegnandosi con altri attori influenti (ad esempio ONG, ONU, governi, regolatori, ecc.), L’iniziativa PCAF mira a far crescere il numero di impegni a oltre 250 istituzioni finanziarie a livello globale entro il 2022, comprese le grandi istituzioni tradizionali e, in definitiva, rendere la contabilità dei gas serra una pratica comune all’interno del settore finanziario.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5