Environment

Alibaba Group: obiettivo neutralità carbonica entro il 2030, ma la decarbonizzazione andrà anche oltre

La big cinese dell’e-commerce si impegna a ridurre le emissioni di carbonio di 1,5 gigatonnellate nel suo ecosistema digitale entro il 2035, diventando così il primo grande operatore di piattaforme a fissare un tale target. Il Ceo Zhang: “Aspiriamo a essere una forza per un cambiamento positivo nella società e ad assumerci una responsabilità sempre maggiore”

19 Gen 2022

Lavorando con commercianti e consumatori, Alibaba si prepara a raggiungere il suo nuovo ambizioso obiettivo: raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030, continuando a tenere a freno le emissioni in tutte le sue operazioni nel bel mezzo della spinta globale per affrontare il cambiamento climatico. Ma la big cinese dell’e-commerce non si fermerà qui. Il target è infatti quello di ridurre le emissioni di carbonio di 1,5 giga tonnellate nel suo ecosistema digitale entro il 2035, diventando così il primo grande operatore di piattaforme a fissare un tale obiettivo.  

Gli obiettivi di allungamento richiedono ad Alibaba di andare oltre la pratica aziendale comune di compensare semplicemente le emissioni di carbonio acquistando crediti di carbonio dai mercati commerciali. Per rispettare le scadenze autoimposte, il gruppo dovrà applicare la sua abilità tecnica per aumentare l’efficienza e collaborare con le parti interessate attraverso la sua piattaforma.  “Aspiriamo a essere una forza per un cambiamento positivo nella società e ad assumerci una responsabilità ancora maggiore all’interno dell’ecosistema digitale  di Alibaba”, ha dichiarato il presidente e ceo Daniel Zhang.

Un’opportunità di business

Oltre ad essere socialmente responsabile, la lotta ai cambiamenti climatici rappresenta un’opportunità di business. Nella ricerca della decarbonizzazione, Alibaba sta implementando i suoi servizi di digitalizzazione aziendale, come il cloud computing e l’intelligence dei dati e servizi logistici più sostenibili. Secondo i consulenti di Accenture, le aziende che migrano al cloud riducono la propria impronta di carbonio dell’84% in media. Anche l’unità di cloud computing del gruppo, Alibaba Cloud, prevede di raggiungere la carbon neutrality entro il 2030.

WEBINAR
29 Novembre 2022 - 14:30
Aumento dei costi per le aziende: best practice e tecnologie per risolvere le criticità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

La decarbonizzazione è anche in sintonia con l’atteggiamento mutevole della società nei confronti dei rifiuti man mano che si diffonde la consapevolezza del riscaldamento globale. I consumatori adottano sempre più uno stile di vita a basse emissioni di carbonio e cercano prodotti riciclabili certificati o meno imballaggi. In questo senso, Alibaba sta già promuovendo il consumo di prodotti ecologici , incoraggiando i consumatori ad adottare trasporti ecologici e alimentando un mercato dell’usato .

Impegno su più fronti

La COP26 ha sottolineato l’urgente necessità di mantenere l’aumento della temperatura mondiale entro 1,5 ºC rispetto alla metà del XIX secolo.  Alibaba prevede di fare la sua parte nello sforzo globale sfruttando la tecnologia per il risparmio energetico e il miglioramento dell’efficienza, oltre ad aumentare la percentuale di energie rinnovabili nel suo consumo di elettricità. Il gruppo adotterà un approccio su più fronti, tra cui la riduzione del carbonio, la compensazione e la rimozione attiva dei gas serra (GHG) dall’atmosfera.

In sintonia con la maggiore richiesta da parte del pubblico di responsabilità e trasparenza in materia ambientale, sociale e di governo societario (ESG) da parte delle società, Alibaba fornirà aggiornamenti annuali sui suoi progressi verso la neutralità del carbonio, verificati da revisori contabili accreditati. 

La tabella di marcia

Secondo la tabella di marcia, la big cinese prevede di dimezzare la sua intensità di carbonio lungo la sua catena di approvvigionamento entro il 2030, da 5,294 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente nel 2020. La formula è basata sul framework ideato dal Greenhouse Gas Protocol. Il suo impegno a raggiungere la carbon neutrality entro il 2030 corrisponde allo Scope 1 del Greenhouse Gas Protocol, le emissioni dirette generate dalle operazioni proprie dell’azienda. Lo Scope 2 include le emissioni indirette dell’elettricità e del riscaldamento acquistati, mentre le emissioni di Scope 3 si verificano nella catena di approvvigionamento, anche da beni e servizi, dall’uso finale dei prodotti venduti, dal pendolarismo e dai viaggi di lavoro. 

Alibaba è andata oltre le linee guida delineate dal Greenhouse Gas Protocol e ha inventato il termine “Scope 3+” per spiegare come ridurrà le sue emissioni di carbonio di 1,5 gigatonnellate nel suo ecosistema digitale entro il 2035. “Il nuovo concetto di ambito 3+ di Alibaba è un’aggiunta particolarmente gradita al dibattito globale sulla riduzione delle emissioni. Rappresenta uno sviluppo distinto nella conversazione su come le grandi aziende possono contribuire maggiormente alla più ampia transizione verso la sostenibilità”, ha affermato Andrew Charlton, amministratore delegato di Accenture. Per mettere in prospettiva la riduzione di 1,5 gigatonnellate, si prevede che le emissioni di anidride carbonica a livello globale raggiungeranno i 33 gigatonnellate quest’anno.  “Riteniamo che l’impegno di Scope 3+ rifletta il nostro impegno ad assumerci una maggiore responsabilità sociale come operatore di piattaforma”, ha affermato Zhang

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5