Appalti innovativi

Smarter Italy: 8,5 milioni di euro sul piatto della prima gara in tema “mobilità sostenibile”

Con l’avvio del primo bando dedicato alla “Smart Mobility”, il programma di sperimentazione finanziato e promosso dal MISE, dal MUR, e dal MITD, attuato dall’AgID, entra nel vivo. L’obiettivo è individuare soluzioni che migliorino la mobilità e la logistica delle città italiane secondo il paradigma della “Smart city”. Le proposte possono essere presentate entro il 30 giugno 2022

16 Mag 2022

Promuovere l’innovazione stimolando il mondo delle imprese e della ricerca a creare nuove soluzioni per rispondere alle sfide sociali più complesse negli ambiti della mobilità, del benessere, della cultura e della sostenibilità ambientale. E’ questo l’obiettivo del programma di sperimentazione “Smarter Italy”, finanziato e promosso dal Ministero dello sviluppo economico (MISE), dal Ministero dell’università e della ricerca (MUR) e dal Dipartimento per la trasformazione digitale (MITD), attuato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Con una dotazione di oltre 90 milioni di euro, il programma strategico prevede la definizione ed il lancio di gare d’appalto innovative e coinvolge 11 medie e grandi città, dette “Smart City”, e 12 città di minori dimensioni, dette “Borghi del Futuro”. Dopo diversi mesi di lavoro, ora il programma entra nel vivo della sperimentazione con il lancio del primo bando che dedica 8,5 milioni di euro alla “Smart Mobility” con l’obiettivo di individuare soluzioni tecnologiche innovative in grado di migliorare la mobilità e la logistica delle città italiane secondo il paradigma della “Smart city”.

“Le tecnologie emergenti possono migliorare la qualità della vita dei cittadini, aumentando l’efficienza dei servizi pubblici a loro disposizione. Lo Stato ha il compito di stimolare il mercato a sviluppare soluzioni sempre più all’avanguardia – commenta la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Assuntela Messina – Il lancio di questo primo bando dedicato alla Smart Mobility segna un passo avanti importante per sperimentare nuove soluzioni di mobilità innovativa nei Comuni italiani di Smarter Italy. L’obiettivo finale del programma, che rappresenta una sfida essenziale per il Paese, sarà poi esportare e replicare in tutti i territori le innovazioni di successo, per migliorare la vita di tutti”.

Soluzioni innovative per la Smart Mobility

Al bando “Soluzioni innovative per il supporto alle decisioni con funzioni predittivo/adattative per la Smart Mobility” (per maggiori informazioni QUI) possono partecipare grandi imprese, PMI e Start up, università e centri di ricerca, terzo settore, presentando la propria candidatura entro il 30 giugno 2022, tramite QUESTO PORTALE.

INFOGRAFICA
Fashion&Luxury: dal branding allo store, gli asset digitali di cui non si può più fare a meno
Digital Transformation
Fashion

I partecipanti dovranno ideare una piattaforma innovativa a supporto della mobilità urbana dei territori coinvolti che hanno espresso i propri fabbisogni in tema di traffico, inquinamento, vivibilità dei centri storici e fruibilità dei distretti industriali. La piattaforma, in quanto tale, costituirà un’infrastruttura nazionale, composta da strumenti di monitoraggio, gestione, simulazione che consentirà di supportare, verificare e validare le decisioni nel settore delle politiche, delle strategie e degli interventi per la mobilità, anche nell’ottica del perseguimento degli obiettivi posti nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

“Abbiamo deciso di partire da una piattaforma che integri i servizi di mobilità sia per le città che per i borghi che hanno deciso di aderire alla sperimentazione. Con questo programma confermiamo la nostra volontà a lavorare in modo chiaro e concreto per l’interoperabilità e le sinergie tecnologiche a servizio delle città e delle persone. La piattaforma sarà pronta a essere integrata anche con gli altri servizi che saranno realizzati nel programma Smarter Italy relativi al benessere dei cittadini, alla fruizione dei beni culturali e all’ambiente” aggiunge la Vice Ministra al Mise, Alessandra Todde.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5