Sustainable Fashion

Fashion Act: la moda newyorkese fa rotta verso una rivoluzione sostenibile

Presentato all’Assemblea dello Stato di New York un disegno di legge per richiedere alle aziende del fashion di tracciare e comunicare ufficialmente il loro impatto ambientale lungo tutta la catena del valore. Se approvato, il Fashion sustainability and social accountability act sarebbe la legge più ambiziosa sul fronte green e potrebbe aprire la porta a normative simili in altri Paesi

17 Gen 2022
C

Claudia Costa

Web Content Editor

Fashion Act: una legge rivoluzionaria per la moda negli USA

All’Erastus Corning Tower di Albany, capitale dello stato di New York, si sta discutendo di una legge rivoluzionaria per la moda negli Stati Uniti. Se approvato, infatti, il Fashion Sustainability and Social Accountability Act (o Fashion Act) renderebbe New York il primo Stato americano a richiedere ai brand del Fashion di tracciare e comunicare i dati ufficiali sui propri impatti climatici e sociali lungo tutta la supply chain. In caso di validazione, riguarderebbe l’ambito legale di tutte le aziende di moda con oltre 100 milioni di dollari di fatturato globale annuale che hanno una sede o fanno affari nello stato di New York. Le aziende che non rispettano questo codice possono essere multate fino al 2% dei ricavi annuali, con sanzioni che, secondo i calcoli degli esperti, possono arrivare fino a 450 milioni di dollari. Ciò interesserebbe i marchi dalle più grandi multinazionali del lusso, come LVMH, ma anche e-seller di fast fashion opachi, come Shein.

INFOGRAFICA
Fashion&Luxury: dal branding allo store, gli asset digitali di cui non si può più fare a meno
Fashion
Retail

La senatrice dello Stato per il Bronx e Westchester, Alessandra Biaggi, ha sponsorizzato il disegno di legge con il sostegno della Act on Fashion Coalition, che comprende il think tank New Standard Institute, il Natural Resources Defense Council (NRDC) e la New York City Environmental Justice Alliance. Ora si farà strada attraverso le commissioni del Senato e dell’Assemblea, con gli sponsor che mirano a portarlo al voto in tarda primavera dopo che i negoziati sul bilancio statale saranno completati. “Prima di introdurre ufficialmente il disegno di legge, abbiamo costruito un’ampia coalizione di sostegno che include leader nel settore della moda, produttori, attivisti per i diritti dei lavoratori e attivisti ambientali che sperano di vedere il disegno di legge diventare legge” ha commentato Biaggi.

Fashion Act: cosa prevede il disegno di legge proposto a New York

L’industria della moda, generalmente non regolamentata, contribuisce in modo sostanziale alle emissioni mondiali di gas serra ad un tasso del 4-8,6%, contaminando miliardi di litri di tessuti per la tintura dell’acqua e beneficiando – consapevolmente o inconsapevolmente – di pratiche di sfruttamento del lavoro in una corsa al ribasso per vendere l’abbigliamento più economico e veloce. Il Fashion Sustainability and Social Accountability Act richiederebbe ai venditori al dettaglio e ai produttori che fanno affari nello stato di mappare il 50% delle loro catene di approvvigionamento, dalle materie prime alla logistica, e di calcolare l’impatto sociale e ambientale in termini di emissioni di carbonio, gestione di sostanze chimiche e acqua, consumo di energia e salario di sussistenza.

Oltre a ciò, l’obbligo sarebbe quello di presentare un piano strategico di riduzione delle emissioni di carbonio (al livello stabilito dagli Accordi sul clima di Parigi) e assicurarsi del rispetto delle norme delle aziende che costituiscono la catena del valore circa i limiti da rispettare per tutelare l’ambiente. I marchi dovrebbero anche rivelare quanto e che tipo di materiali i loro fornitori producono annualmente e il volume dei materiali riciclati utilizzati, con la concessione di 12 mesi per conformarsi alla direttiva sulla mappatura e 18 mesi per analizzarne l’impatto. La multa scatterebbe in caso di violazione alle aziende che non pongono rimedio alla notifica entro 3 mesi. Sanzioni che andrebbero a costituire un nuovo fondo comunitario amministrato dal Dipartimento per la conservazione ambientale e utilizzato per progetti ambientalisti. E mentre il procuratore generale ha il compito di far rispettare i termini del regolamento, i consumatori possono anche intraprendere azioni civili contro una persona o società percepite come “aggiranti la legge”.

Una normativa che si estende lungo tutta la fashion chain

Come si legge sul New York Times, il Fashion Act segna una svolta nella legislazione sulla moda sostenibile. Mai prima d’ora un’autorità di regolamentazione è andata così lontano: in Paesi come Germania, Francia, Regno Unito o Australia, le normative si concentrano esclusivamente sulla due diligence sui diritti umani. Lo stato di New York farebbe la storia in quanto sarebbe il primo a proporre un piano politico per regolamentare l’inquinamento. Il provvedimento più vicino in questo senso risale al 2010 con la decisione da parte della California del Transparency in Supply Chains Act che, inizialmente rivolta allo sfruttamento della forza lavoro, dal 2019 è stata allargata anche alla vendita dei prodotti in pelliccia. A New York, invece, si andrebbe a lavorare non solo sui prodotti finali, ma su tutto il processo di creazione.

Il mercato della fashion industry, da diversi anni, è sotto inchiesta per varie dinamiche legate all’inquinamento, dagli sprechi dei prodotti allo sfruttamento di materie prime, dall’inquinamento dei territori alle emissioni di sostanze nocive. Secondo l’ONU, l’industria della moda rappresenta fino al 10% delle emissioni globali di gas serra e da diversi anni i brand hanno iniziato a proporre soluzioni ambientali più decise, come dimostrano i recenti casi di Chanel che ha lanciato una linea beauty all’insegna del green N°1 e di Gucci che con la piattaforma online Equilibrium scommette sul 100% di tracciabilità delle materie prime e su materiali eco.

Le maison della moda verso una sostenibilità in “linea” con il Fashion Act

La maison francese ha ideato una collezione di make-up, skin care e un’acqua profumata rivitalizzante a base di camelia, fiore emblema di Gabrielle Chanel, che si focalizza sulla sostenibilità ed è attenta al proprio impatto ambientale, con packaging eco-progettati e un protocollo di realizzazione rigoroso per limitare l’impronta di carbonio. Le formule privilegiano ingredienti di origine naturale (fino al 97%), rinnovabili e contengono fino al 76% ingredienti derivati della camelia. Tutte le confezioni della linea sono progettate ecologicamente e si è privilegiato il ricorso a materiali riciclabili: l’80% dei prodotti della gamma sono in vetro e possono essere ricaricati.

Gucci ha lanciato nel 2018 la piattaforma online Equilibrium, per illustrare le attività responsabili in cui il brand è coinvolto e basata su sostegno, sostenibilità e rispetto. Carbon neutral da quell’anno per tutte le sue attività e per quelle dell’intera filiera, la maison a gennaio 2021 ha presentato il nuovo Natural climate solutions portfolio, l’evoluzione del suo impegno dall’obiettivo “zero emissioni di carbonio” alla lotta contro il cambiamento climatico e al sostegno dell’agricoltura rigenerativa. Gucci off the grid è la prima collezione della divisione Gucci circular lines che promuove la rigenerazione di materiali e tessuti, consentendo di minimizzare l’uso di nuove materie prime. L’attenzione al riciclo si estende anche lungo tutta la filiera, con un impegno a ridurre l’utilizzo di materie plastiche vergini.

Fashion Act: alla ricerca di uno standard comune nella moda sostenibile

Maxine Bédat, fondatrice del New standard institute, organizzazione no profit e sostenitrice del disegno di legge, spiega “La moda è uno dei settori meno regolamentati. In parte ciò è dovuto al fatto che la sua vasta catena di approvvigionamento può includere più paesi e continenti. Di conseguenza, gli sforzi per la sostenibilità variano ampiamente. L’imposizione di una regolamentazione del governo regolarizzerebbe la segnalazione e assicurerebbe che non ci sia uno svantaggio competitivo nel fare la cosa giusta”.

Sebbene molti marchi siano diventati sempre più espliciti nel riconoscere la propria responsabilità quando si tratta di cambiamenti climatici e violazioni dei diritti umani, gli sforzi per correggere la situazione sono stati lasciati alle aziende e a un assortimento di consorzi di controllo non governativi come la Fair Labor Association, che affronta i problemi salariali, e Higg, che affronta la segnalazione della catena di approvvigionamento.

Ralph Lauren, Kering, LVMH e Capri Holdings, ad esempio, sono tra le aziende che hanno aderito alla Science-Based Targets Initiative, uno strumento per la riduzione delle emissioni di carbonio creato dal CDP, dal Global Compact delle Nazioni Unite, dal World Resources Institute e dal World Wide Fund for Nature. Parallelamente ci sono realtà come Shein, il gigante dello shopping online, che non ha assunto il suo primo responsabile ambientale, sociale e di governance (ESG).

“Spesso c’è una reazione istintiva da parte delle imprese contro l’idea di regolamentazione” aggiunge Bédat, osservando che numerose parti interessate sono state consultate nella stesura della legge sulla moda, compresi marchi e produttori al dettaglio come Ferrara, che ha sede nel distretto dell’abbigliamento e ha approvato il disegno di legge. Ma, ha continuato, “anche l’industria automobilistica, che inizialmente si è ribellata agli standard di efficienza del carburante, ora li ha abbracciati”. Il Fashion Act “è uno sforzo per riconoscere gli sforzi in buona fede dell’industria e trovare uno standard comune”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
C
Claudia Costa
Web Content Editor
Seguimi su

Articolo 1 di 5