Cleantech

Green transition: l’UE investe 1,8 miliardi di euro in 17 progetti cleantech

Diciassette progetti localizzati in in Bulgaria, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia e Svezia che mirano a risparmiare 136 milioni di tonnellate di CO2eq nei primi dieci anni di attività, utilizzando tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio

15 Lug 2022

Dopo il primo invito del Fondo per l’innovazione UE che ha concesso sovvenzioni per 1,1 miliardi di euro a 7 progetti nei settori ad alta intensità energetica, idrogeno, cattura, uso e stoccaggio del carbonio ed energie rinnovabili, sono stati selezionati i 17 progetti innovativi su larga scala nel settore delle clean technology nell’ambito del secondo invito lanciato il 26 ottobre 2021. Sottoposti al giudizio di esperti, i progetti sono stati valutati in base alla capacità di ridurre le emissioni di gas a effetto serra rispetto alle tecnologie tradizionali e di innovare oltre lo stato dell’arte, ma anche per il potenziale di scalabilità ed economicità. I 17 progetti cleantech UE selezionati nell’ambito di questo secondo invito inizieranno ora a preparare le loro singole convenzioni di sovvenzione con l’Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l’ambiente (CINEA), organismo esecutivo del fondo che conta di completarle nel quarto trimestre del 2022, così da consentire alla Commissione di adottare la relativa decisione di concessione e di iniziare a erogare i finanziamenti.

Le sovvenzioni UE per la transizione verde

Le sovvenzioni ammontano a oltre 1,8 miliardi di euro e saranno erogate dal Fondo per l’innovazione, uno dei più grandi programmi al mondo finanziato dai proventi della vendita all’asta delle quote di emissioni del sistema di scambio dell’UE (EU ETS) per la messa a terra di tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio nelle industrie ad alta intensità energetica, nell’idrogeno, nelle energie rinnovabili, nelle infrastrutture di cattura e stoccaggio del carbonio e nella produzione di componenti chiave per lo stoccaggio dell’energia e le energie rinnovabili. I progetti selezionati si trovano in Bulgaria, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia e Svezia. Inoltre, le proposte respinte che soddisfano i requisiti minimi e hanno il più forte potenziale per migliorarne la maturità saranno preselezionate in autunno per l’assistenza allo sviluppo di progetti da parte della Banca europea per gli investimenti all’assistenza allo sviluppo dei progetti (PDA).

“Le sovvenzioni odierne sostengono le imprese innovative in tutta Europa affinché sviluppino le tecnologie all’avanguardia di cui abbiamo bisogno per guidare la transizione verde – spiega Frans Timmermans, Vicepresidente esecutivo – Rispetto al primo round di erogazione, i fondi disponibili sono aumentati del 60%, consentendoci di raddoppiare il numero di progetti sostenuti. Stiamo anche espandendo la portata geografica a più paesi, nell’Europa orientale, e abbiamo accelerato il processo di candidatura e valutazione. Si tratta di un grande impulso per la decarbonizzazione dell’industria ad alta intensità energetica nell’Unione europea”.

I 17 progetti per la decarbonizzazione dell’UE

I progetti selezionati coprono un’ampia gamma di settori che contribuiscono agli sforzi di decarbonizzazione dell’UE, quali la produzione, la distribuzione e l’uso di idrogeno verde, la termovalorizzazione, l’eolico offshore, la produzione di moduli fotovoltaici (PV), lo stoccaggio e il riciclaggio delle batterie, la cattura e lo stoccaggio del carbonio, i carburanti sostenibili per l’aviazione e i biocarburanti avanzati. Insieme, hanno il potenziale per risparmiare 136 milioni di tonnellate di CO2eq nei primi 10 anni di attività.

  • Cemento (4 progetti): un progetto in Germania implementerà un processo di cattura del carbonio ossitaglio di seconda generazione in una cementeria e lo fornirà come materia prima per l’ulteriore trasformazione in metanolo sintetico. Un altro situato in Polonia creerà una catena di cattura e stoccaggio del carbonio end-to-end a partire dalla cattura e liquefazione della CO₂ in una cementeria fino allo stoccaggio in siti offshore. Un terzo progetto catturerà le emissioni di CO₂ provenienti dai gas di scarico prodotti durante la produzione di calce e le immagazzinerà permanentemente in formazioni geologiche offshore in Francia. Infine, un altro progetto sarà il primo progetto di cattura e stoccaggio del carbonio a catena intera in Bulgaria, che collegherà gli impianti di cattura della CO₂ in una cementeria con lo stoccaggio permanente offshore in un giacimento di gas esaurito nel Mar Nero, attraverso un sistema di gasdotti onshore e offshore.
  • Prodotti chimici (3 progetti): in Finlandia, un progetto riciclerà chimicamente la plastica da utilizzare come materia prima per le raffinerie. Un altro progetto in Svezia creerà un impianto di metanolo unico nel suo genere che converte CO₂, flussi di residui, idrogeno rinnovabile e biogas in metanolo. Un altro progetto in Svezia produrrà una nuova fibra dalla polpa per sostituire il poliestere nelle applicazioni tessili.
  • Idrogeno (3 progetti): nei Paesi Bassi, un progetto produrrà, distribuirà e utilizzerà idrogeno verde attraverso un elettrolizzatore fornito da elettricità eolica offshore. Un altro produrrà 15.500 tonnellate di idrogeno rinnovabile all’anno. Il terzo elaborerà flussi di rifiuti solidi non riciclabili e li trasformerà principalmente in idrogeno.
  • Raffinerie (2 progetti): in Norvegia, un progetto costruirà e gestirà il primo impianto di produzione di biocarburanti drop-in su scala commerciale al mondo, che convertirà i rifiuti forestali in biocarburanti avanzati di seconda generazione e biochar. Un progetto in Svezia costruirà un impianto su larga scala per la produzione di carburante sintetico sostenibile per l’aviazione, utilizzando la CO₂ catturata in un impianto di cogenerazione (CHP).
  • Produzione di componenti per lo stoccaggio di energia o la produzione di energie rinnovabili (3 progetti): In Polonia, un progetto creerà un impianto di produzione di innovativi sistemi di batterie elettrochimiche per fornire stoccaggio di elettricità a breve termine. Un altro progetto nel nord della Francia costruirà un impianto di produzione per il fotovoltaico basato su un’innovativa tecnologia di eterogiunzione. Un terzo progetto in Francia costruirà un impianto di riciclaggio agli ioni di litio presso il cluster di batterie di Dunkerque per la produzione e la raffinazione della massa nera, fornendo accesso a una fonte secondaria di materie prime per batterie.
  • Energie rinnovabili: nella parte tedesca del Mare del Nord, un progetto costruirà e gestirà un parco eolico offshore, che implementerà soluzioni innovative per turbine e idrogeno.
  • Infrastrutture di cattura e stoccaggio del carbonio: un progetto in Islanda costruirà un terminale di stoccaggio di minerali di carbonio onshore altamente scalabile con una capacità di stoccaggio complessiva stimata di 880 milioni di tonnellate di CO₂.

I prossimi step nell’orizzonte comunitario

In autunno la Commissione lancerà il terzo invito a presentare progetti su larga scala. Come annunciato nel piano REPowerEU, i finanziamenti disponibili saranno raddoppiati a circa 3 miliardi di euro per sostenere ulteriormente l’indipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi. I progetti che non hanno avuto successo nei precedenti inviti sono incoraggiati a ricandidarsi.

Inoltre, lo scorso luglio la Commissione ha proposto, nell’ambito del pacchetto Fit for 55, di integrare il Fondo per l’innovazione, attualmente proveniente da 450 milioni di quote dell’ETS esistente nel 2021-30, con 50 milioni di quote dal sistema ETS esistente e 150 milioni di quote dal nuovo sistema che copre le emissioni del trasporto stradale e degli edifici. Inoltre, in base alla proposta, le quote che altrimenti sarebbero assegnate gratuitamente ai settori industriali coperti dal meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere sarebbero messe all’asta e aggiunte a questo Fondo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5