Road to Cop27

COP27, la dura sentenza di CDP: “Nessuna industria del G7 è in linea con l’Accordo di Parigi”

In vista della Conferenza delle parti di Sharm el-Sheik, la no-profit Carbon Disclosure Project e la società di consulenza gestionale “Oliver Wyman” pubblicano uno studio dagli esiti drammatici: “La mission di mantenere vivo l’obiettivo di 1,5°C è più critico che mai, ma i propositi di riduzione delle emissioni di gas serra divulgati dalle aziende nelle economie più avanzate sono ancora fermi a un percorso di decarbonizzazione di 2,7°C”

29 Set 2022

“Sulla base degli attuali obiettivi di riduzione delle emissioni fissati dalle aziende, nessun Paese del G7 ha un settore in grado di decarbonizzare abbastanza velocemente da raggiungere l’obiettivo di 1,5°C, come stabilito dall’Accordo di Parigi”. A decretare la severa sentenza è un’analisi pubblicata in vista di Cop27 dalla no-profit Carbon Disclosure Project (CDP) in collaborazione con la società di consulenza gestionale globaleOliver Wyman” (SCARICA QUI IL DOCUMENTO COMPLETO). 

“In un contesto globale difficile di insicurezza energetica, aumento dell’inflazione e condizioni meteorologiche estreme in molte regioni, la visione della COP27 di mantenere vivo l’obiettivo di 1,5°C dell’accordo di Parigi è più critico che mai – afferma Cdp -. Il settore privato del G7 ha un ruolo importante da svolgere in questo sforzo. Il forte slancio nel 2021, in particolare in vista della COP26 dello scorso anno, ha visto aumentare rapidamente il numero di aziende che si impegnano e fissano obiettivi climatici. Tuttavia, la nostra analisi mostra che gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra (GHG) divulgati pubblicamente dalle aziende nelle economie del G7 sono ancora fermi all’ambizione di allinearsi a un percorso di decarbonizzazione di 2,7°C”.

Italia e Germania le leader “virtuose” del G7

Il rapporto, in particolare, rivela che le aziende in Germania e Italia hanno gli obiettivi più ambiziosi per ridurre le emissioni nel G7, dove si prevede che quelle collettive corrispondano al ritmo di decarbonizzazione richiesto per limitare il riscaldamento globale a +2,2°CI due paesi leader sono seguiti da Francia  (2,3°C), Regno Unito (2,6°C ) e Stati Uniti (2,8°C). Le aziende canadesi si fermano a obiettivi allineati a +3,1°C di riscaldamento in media.

WHITEPAPER
Gestisci i dati dei tuoi impianti in sicurezza grazie a un sistema OT/IIoT
Big Data
Manifatturiero/Produzione

Le valutazioni della temperatura nello studio riflettono le ambizioni aziendale, piuttosto che le politiche climatiche nazionali o i contributi determinati a livello nazionale (NDC). Tuttavia, con l’avvicinarsi della COP27, il divario tra quanto promesso dai responsabili politici e l’economia reale “è considerevole”, spiega CDP.

L’analisi si basa sulle valutazioni della temperatura CDP, che traducono gli obiettivi di riduzione delle emissioni delle aziende in un risultato di riscaldamento globale utilizzando percorsi scientifici. Le classificazioni, che includono tutte le emissioni nelle catene del valore aziendali (Scope 1-3), riflettono il probabile aumento della temperatura se le emissioni globali diminuissero alla stessa velocità degli obiettivi delle aziende. Per la temperatura di ciascun paese, le valutazioni delle singole società sono state aggregate e ponderate per le emissioni totali.

Sovraperformance europea rispetto al resto del mondo

L’analisi mostra una sovra-performance chiara e coerente delle società europee rispetto a quelle nordamericane e asiatiche in tutti i settori.

Il settore europeo della produzione di energia, ad esempio, è in testa a tutti i settori a livello globale con 1,9°C di riscaldamento. Ciò si confronta con 2,1°C per le società nordamericane e 3°C per le società asiatiche. La definizione degli obiettivi nel settore in Europa è molto più avanzata, con circa l’80% di tutte le emissioni coperte da un obiettivo valido di 2°C o superiore. Nel complesso, il settore delle imprese europee è migliorato da 2,7°C nel 2020 a 2,4°C nel 2022, in parte spiegato da un rapido aumento dell’85% delle aziende con Obiettivi basati sulla scienza (Science-based targets) nel 2021.

L’importanza dei Science-based targets

Gli obiettivi basati sulla scienza (SBT), visti come il gold standard per gli obiettivi in quanto valutati in modo indipendente rispetto ai percorsi scientifici, sono “un fattore chiave per gli obiettivi di riduzione del riscaldamento globale“, chiarisce Cdp. Nel complesso, le aziende con obiettivi basati sulla scienza hanno ridotto le emissioni del 25% dal 2015, rispetto a un aumento del 3,4% delle emissioni globali dell’energia e dell’industria. “In questo quadro – puntualizza la no-profit – le valutazioni ad alta temperatura viste in paesi come il Canada e gli Stati Uniti sono in gran parte il risultato di aziende completamente prive di obiettivi, piuttosto che obiettivi privi di ambizione”. In Canada, in effetti, meno della metà (43%) di tutte le emissioni Scope 1 e 2 segnalate sono coperte da un obiettivo, rispetto ad esempio a Francia e Germania, dove oltre il 90% delle emissioni aziendali Scope 1 e 2 segnalate provengono da società con obiettivi divulgati.

Ma perché è così importante insistere sulla riduzione a 1,5° del riscaldamento globale? “Secondo il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite – spiega Cdp – questo obiettivo deve essere raggiunto per evitare impatti ancora più catastrofici del cambiamento climatico. La differenza tra 1,5°C e 2°C , ad esempio, include una probabilità 10 volte maggiore di estati artiche senza ghiaccio, un aumento di 2,6 volte del numero di persone esposte a eventi di calore estremo e un impatto doppio sulla pesca marina e sui raccolti rendimenti, secondo l’IPCC”. 

“Necessario chiedere di più alle aziende”

“Il fattore più importante per una rapida riduzione delle emissioni in linea con l’accordo di Parigi è la definizione di obiettivi ambiziosi – chiarisce Laurent Babikian, Global Director Capital Markets, CDP -. Non è accettabile per nessun paese, per non parlare delle economie più avanzate del mondo, avere industrie che mostrano così poca ambizione collettiva. Forti di queste informazioni, i governi, le autorità di regolamentazione, gli investitori e il pubblico devono chiedere di più dalle aziende ad alto impatto senza obiettivi climatici. Lo slancio sta crescendo, ma mentre ci avviciniamo alla COP27, dobbiamo ottenere il nostro 1.5 ° C fuori rete dal supporto vitale. Le aziende ad alto impatto, i loro investitori e prestatori, devono immediatamente fissare e rispettare obiettivi con piani di transizione credibili per consentirci di raggiungere questo obiettivo. “

“L’analisi evidenzia grandi differenze nell’ambizione e nella volontà tra le aziende di assumere un ruolo guida con i propri obiettivi e l’urgente necessità di diffondere le migliori pratiche ulteriormente e più rapidamente se vogliamo avere la possibilità di ridurre le emissioni per raggiungere 1,5°C, un obiettivo il cui l’importanza è stata sottolineata solo dalle recenti condizioni meteorologiche estreme – aggiunge James Davis, Partner, Servizi finanziari di Oliver Wyman -. Una politica di sostegno del governo è fondamentale, oltre a risolvere le sfide strutturali in alcuni settori e regioni. Poiché il sistema finanziario si impegna a raggiungere lo zero netto e cerca di indirizzare il capitale verso coloro che sono pionieri dell’economia a basse emissioni di carbonio, ci sarà un controllo crescente sulle emissioni aziendali, sugli obiettivi e sui piani di transizione, sostenuti dal passaggio all’informativa obbligatoria in molte giurisdizioni chiave”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5