IL PROGETTO

Climate change: Ig Group al fianco di GlacUp in difesa del ghiacciaio Presena

Grazie al contributo della società fintech, la benefit italiana dedicata alla tutela degli ecosistemi locali agevolerà l’installazione, la manutenzione e la rimozione di teli protettivi sul manto glaciale nel corso dei mesi più caldi, con l’obiettivo di rallentare il tasso di scioglimento

22 Giu 2022

IG Group, società fintech multiprodotto, annuncia oggi di aver avviato una collaborazione con Glac-UP, società benefit italiana dedicata alla sensibilizzazione e alla riduzione dell’impatto dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi locali. Tra le iniziative in fase di sviluppo, Glac-UP promuove la salvaguardia e la valorizzazione dei ghiacciai alpini in collaborazione con i principali stakeholder, tra cui persone, aziende, scienziati, comunità e autorità locali.

“Il nostro obiettivo è quello di migliorare costantemente la nostra strategia ESG per avere un impatto positivo tangibile sulle comunità in cui operiamo. Tale impegno può assumere forme diverse: fronteggiare le sfide ambientali rientra sicuramente tra le nostre aree di intervento. Lo scorso anno abbiamo deciso di destinare l’1% degli utili al netto delle imposte alla promozione di programmi di sostenibilità e responsabilità sociale”, ha affermato Jon Noble, Global Chief Operating Officer di IG Group. “I ghiacciai si stanno sciogliendo ad una velocità senza precedenti e si stima che il 90% del loro volume scomparirà entro la fine di questo secolo. L’impatto marcatamente negativo dello scioglimento dei ghiacciai sugli ecosistemi locali ci ha spinto a collaborare con Glac-UP per adottare misure a breve termine volte a ridurre tale impatto. Sul lungo periodo, invece, continuiamo a individuare soluzioni per orientare i nostri sforzi ESG verso la lotta al cambiamento climatico”.

Previsti anche workshop

“Glac-UPxPresena”, il progetto di Glac-UP lanciato in partnership con il Consorzio Pontedilegno-Tonale, mira a preservare il ghiacciaio Presena sulle Alpi italiane. Grazie al contributo di IG, Glac-UP agevolerà l’installazione, la manutenzione e la rimozione di teli protettivi sulla superficie del ghiacciaio nel corso dei mesi più caldi, con l’obiettivo di rallentare il tasso di scioglimento dei ghiacciai. Si stima che questo metodo permetta di preservare circa due o tre metri di volume di ghiaccio e di neve ogni estate. Tale metodo è stato utilizzato per la prima volta nel 2008 dal Consorzio Pontedilegno-Tonale, che ha promosso iniziative senza le quali il ghiacciaio non esisterebbe più.

WHITEPAPER
Smart Grid: qual è l’impatto della generazione distribuita sulle reti intelligenti?
Networking
Utility/Energy

Questo accordo permetterà anche ai dipendenti di IG Group di partecipare a workshop di approfondimento sul cambiamento climatico, i suoi fattori scatenanti, l’impatto sui ghiacciai e l’urgenza di adottare comportamenti sostenibili. I workshop saranno tenuti dalle professoresse Guglielmina Diolaiuti e Antonella Senese, esperte glaciologhe dell’Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali).

“Siamo davvero onorati di collaborare con IG Group, a supporto dell’impegno della società nella lotta al cambiamento climatico. Stiamo lavorando a fianco dei dipendenti e degli stakeholder di IG Group per sensibilizzare l’opinione pubblica sul cambiamento climatico e sul suo impatto sui ghiacciai alpini”, ha dichiarato Pietro Cimenti, Co-founder di Glac-UP.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5