Il nuovo programma

Al via “Global Gateway”: dall’UE 300mld € per promuovere investimenti sostenibili nella connettività

La strategia mira a realizzare collegamenti sostenibili e affidabili al servizio delle persone e del pianeta e si concretizza nell’aumento degli investimenti volti a promuovere i valori democratici e standard elevati, la buona governance e la trasparenza, partenariati paritari e infrastrutture verdi, pulite e sicure, catalizzando al contempo gli investimenti del settore privato

02 Dic 2021

Redazione ESG360

Si chiama “Global Gateway” ed è la nuova strategia europea per promuovere una connettività intelligente, pulita e sicura in materia digitale, di energia e di trasporti e rafforzare i sistemi sanitari, dell’istruzione e della ricerca in tutto il mondo. Il programma è stato lanciato nei giorni scorsi dalla Commissione europea e dall’Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

La strategia mira a realizzare collegamenti sostenibili e affidabili al servizio delle persone e del pianeta, creando le condizioni per potere affrontare le più pressanti sfide globali, dai cambiamenti climatici alla protezione dell’ambiente, dal miglioramento della sicurezza sanitaria al rafforzamento della competitività e delle catene di approvvigionamento globali. “Gateway globale” mira a mobilitare fino a 300 miliardi di € di investimenti tra il 2021 e il 2027 per sostenere una ripresa globale duratura, tenendo conto delle esigenze dei nostri partner e degli interessi dell’UE.

Nel dettaglio, la strategia “Global Gateway” si concretizza nell’aumento degli investimenti volti a promuovere i valori democratici e standard elevati, la buona governance e la trasparenza, partenariati paritari e infrastrutture verdi, pulite e sicure, catalizzando al contempo gli investimenti del settore privato. Basandosi sull’approccio Team Europa, il “Global Gateway” riunirà l’UE, gli Stati membri e le loro istituzioni finanziarie e di sviluppo, compresa la Banca europea per gli investimenti (BEI), e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e punterà a coinvolgere anche il settore privato al fine di mobilitare investimenti per un impatto trasformazionale. Le delegazioni dell’UE in tutto il mondo, cooperando sul terreno con Team Europa, svolgeranno un ruolo chiave nell’individuare e coordinare i progetti “Gateway globale” nei Paesi partner.

Gli strumenti finanziari a disposizione

La strategia “Gateway globale” si basa sui nuovi strumenti finanziari del quadro finanziario pluriennale dell’UE 2021-2027:

  • lo Strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale – Europa globale (NDICI – Europa globale)
  • lo Strumento di assistenza preadesione (IPA) III, nonché
  • Interreg
  • InvestEU
  • il programma di ricerca e innovazione dell’UE Orizzonte Europa

Tutti questi strumenti consentono all’UE di mobilitare investimenti pubblici e privati in settori prioritari, compresa la connettività. In particolare, il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile Plus (EFSD +), il braccio finanziario dello strumento NDICI-Europa globale, metterà a disposizione fino a 135 miliardi di € per investimenti garantiti destinati a progetti infrastrutturali tra il 2021 e il 2027. Fino a 18 miliardi di € saranno messi a disposizione in forma di sovvenzioni provenienti dal bilancio dell’UE, mentre le istituzioni finanziarie europee e le istituzioni europee per il finanziamento dello sviluppo hanno pianificato fino a 145 miliardi di € in volumi di investimenti.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce, condivisa e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

In aggiunta al proprio pacchetto di strumenti finanziari, l’UE sta valutando la possibilità di istituire uno strumento europeo per il credito all’esportazione al fine di integrare gli attuali accordi di credito all’esportazione a livello di Stati membri e di aumentare la potenza di fuoco complessiva dell’UE in questo settore. Lo strumento contribuirebbe a garantire una maggiore parità di condizioni per le imprese dell’UE nei mercati dei paesi terzi, dove si trovano sempre più a dover competere con concorrenti di paesi terzi che ricevono ingenti sostegni da parte dei loro governi, facilitando in tal modo la partecipazione delle imprese UE a progetti infrastrutturali.

L’UE non solo offrirà ai partner condizioni finanziarie solide, fornendo sovvenzioni, prestiti agevolati e garanzie di bilancio per ridurre i rischi degli investimenti e migliorare la sostenibilità del debito, ma promuoverà anche i più elevati standard di gestione ambientale, sociale e strategica. L’UE fornirà assistenza tecnica ai partner per rafforzare la loro capacità di preparare progetti credibili che garantiscano un impiego ottimale delle risorse destinate alle infrastrutture.

La strategia “Global Gateway” investirà nella stabilità e nella cooperazione internazionali dimostrando che i valori democratici offrono certezza ed equità agli investitori, sostenibilità per i partner e benefici a lungo termine per le persone in tutto il mondo. 

È il contributo dell’Europa alle misure contro la carenza di investimenti a livello mondiale, che richiede uno sforzo concertato in linea con l’impegno assunto nel giugno 2021 dai leader del G7 di avviare un partenariato infrastrutturale trasparente, fondato sui valori e su standard elevati, per soddisfare le esigenze globali di sviluppo delle infrastrutture.

Collaborazione con i partner

L’UE è impegnata a collaborare con partner che condividono gli stessi principi per promuovere investimenti sostenibili nella connettività. La strategia “Gateway globale” e l’iniziativa statunitense Build Back Better World si rafforzeranno a vicenda. Questo impegno a collaborare è stato ribadito durante la COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, in cui l’UE e gli Stati Uniti hanno riunito partner che condividono gli stessi principi per esprimere il loro impegno comune ad affrontare la crisi climatica attraverso lo sviluppo di infrastrutture pulite, resilienti e coerenti con un futuro a zero emissioni nette.

La strategia “Gateway globale” si basa sui risultati della strategia UE-Asia in materia di connettività del 2018, sui partenariati per la connettività recentemente conclusi con Giappone e India nonché sui piani economici e di investimento per i Balcani occidentali, il partenariato orientale e il vicinato meridionale. È pienamente in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e con i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) nonché con l’accordo di Parigi.

Global Gateway Strategy: il video della Commissione Europea

Global Gateway Strategy

Prossime tappe

I progetti “Global Gateway” saranno sviluppati e realizzati attraverso le iniziative Team Europa. Le istituzioni dell’UE, gli Stati membri e le istituzioni finanziarie europee collaboreranno con le imprese europee, i governi, la società civile e il settore privato nei paesi partner.

Sotto la supervisione del presidente della Commissione, l’alto rappresentante/vicepresidente della Commissione nonché i commissari per i partenariati internazionali e il vicinato e l’allargamento porteranno avanti l’attuazione dello sportello globale e promuoveranno il coordinamento tra tutte le parti interessate.

Ridefinire il modello di connessione globale

“La pandemia di Covid-19 ha dimostrato quanto sia interconnesso il mondo in cui viviamo – afferma Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea -. Nel contesto della nostra ripresa globale vogliamo ridefinire il nostro modello di connessione mondiale, per poter plasmare più efficacemente il futuro. Il modello europeo prevede di investire sia nelle infrastrutture materiali che in quelle immateriali, di favorire investimenti sostenibili nei settori digitale, climatico ed energetico, nei trasporti, nella sanità, nell’istruzione e nella ricerca nonché in un quadro favorevole che garantisca condizioni di parità. Sosterremo investimenti intelligenti in infrastrutture di qualità, rispettando le più rigorose norme sociali e ambientali, in linea con i valori democratici dell’UE e con le norme e gli standard internazionali. La strategia “Gateway globale” fungerà per l’Europa da fonte d’ispirazione nella costruzione di connessioni più resilienti con il mondo.”

“Le connessioni tra settori chiave contribuiscono a fare sorgere comunità di interesse condivise e a rendere più resilienti le nostre catene di approvvigionamento – aggiunge l’alto Rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell -. Un’Europa più forte nel mondo comporta un fermo impegno con i nostri partner, impegno saldamente ancorato ai nostri principi fondamentali. Con la strategia “Global Gateway” riaffermiamo la nostra visione che prevede la promozione di una rete di connessioni, che deve essere fondata su standard, norme e regolamenti accettati a livello internazionale al fine di garantire condizioni di parità.”

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Commissione europea

Approfondimenti

E
Europa
S
Sviluppo sostenibile

Articolo 1 di 5