Tecnologie

Sinnova-ESG Portal: partnership a servizio della sostenibilità trasparente

L’IT company italiana specializzata nei settori finance & insurance entra a far parte della rete di partner della piattaforma che permette alle imprese di pubblicare la propria dichiarazione sugli impatti ambientali, sociali e di governance

07 Set 2021

Redazione ESG360

Sinnova, software house con base a Firenze, da più di 20 anni in prima linea nello sviluppo di sistemi informatici per aziende, in prevalenza del settore assicurativo, ha annunciato l’accordo con ESG Portal per la distribuzione della piattaforma che consente alle imprese di mostrare, in assoluta trasparenza, in che modo operano e quali misure hanno adottato per rispondere alla crescente richiesta di sviluppo sostenibile.
Il rating di sostenibilità ESG Portal attesta la compliance di un’organizzazione pubblica o privata nell’implementazione e applicazione dei requisiti ESG, ovvero le sue performance ambientali, sociali e di governance. È un’indispensabile integrazione del rating tradizionale, che considera solamente variabili economico-finanziarie. Lo scopo è fornire le informazioni relative al posizionamento di un’organizzazione in materia ESG e quindi migliorare la capacità di valutazione sia per le scelte d’investimento conseguenti che per forme di collaborazione o partenariato.

Dare strumenti innovativi e solidi

“Grazie a ESG Portal le organizzazioni hanno uno strumento per misurare, comunicare e migliorare le proprie performance in ambito di sviluppo sostenibile e dimostrare il proprio apporto concreto ai principi ESG – dichiara Guglielmo Peruzzi, Presidente di Sinnova –. Per noi era importante dare strumenti innovativi e solidi per la tematica sempre più crescente e fondamentale per le aziende italiane”.
La compilazione della dichiarazione ESG Portal è resa possibile attraverso l’accesso a un questionario basato su un modello condiviso ricavato da schemi internazionali riconosciuti e nel pieno rispetto della normativa cogente.
ESG Portal ha tre obiettivi principali:
  • permettere alle imprese di descrivere il proprio operato attraverso un modello condiviso;
  • consentire l’assegnazione di un rating di conformità ai principi ESG;
  • fornire uno strumento ai professionisti e consulenti fiscali che dovranno integrare le dichiarazioni finanziarie con quelle non finanziarie.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5