Finanziamenti

EDIH “Heritage Smart Lab” sostiene la transizione digitale e sostenibile di Natura, Cultura e Creatività nel Mezzogiorno

Aperte le candidature per usufruire dei servizi e delle iniziative previste per il biennio 2023-2025 dall’acceleratore per la transizione digitale nei settori della cultura e della creatività, rivolto a Startup, Imprese e Pubbliche Amministrazioni operanti nel Sud Italia

Pubblicato il 10 Gen 2024

Nel mese di novembre 2023, il cluster delle industrie culturali e creative Basilicata Creativa ha dato il via ai lavori del Polo dell’Innovazione Europeo – EDIH (European Digital Innovation Hub) “Heritage Smart Lab” che, co-finanziato in parte dalla Commissione Europea e in parte dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), erogherà una serie di servizi ed iniziative per la transizione digitale e green dei settori dell’Heritage, della Cultura e della Creatività destinati a Startup, Imprese e Pubbliche Amministrazioni operanti nel Sud Italia. Nello specifico, si tratta di Basilicata, Campania e Puglia.

Tra i nove partner dell’EDIH, che ha avviato la promozione dei primi servizi rivolti a Comuni e ad Enti pubblici, c’è Basilicata Creativa, Associazione della Regione Basilicata, della quale fanno parte due dei più importanti enti di ricerca italiani, il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), insieme all’Università della Basilicata e a oltre 50 aziende che operano sul territorio lucano nei settori delle industrie culturali e creative.

Un acceleratore per la transizione digitale di Startup, PMI e PA

Parte di una rete di più di 150 poli d’innovazione digitale europei, l’EDIH “Heritage Smart Lab” si rivolge alle Startup con programmi di accelerazione digitale della durata di oltre 6 mesi, per costruire nuovi prototipi, aumentare la conoscenza delle soluzioni digitali applicabili e per creare relazioni commerciali in Italia e all’estero. Ma anche alle PMI con differenti tipologie di servizi, dagli assesment per verificare la maturità o la vulnerabilità tecnologica, alla realizzazione di “Proof of Concept” e prototipi avanzati da testare in laboratorio o direttamente sul mercato.

WHITEPAPER
Cosa si può chiedere a ChatGPT? Scarica la guida 2023: consigli per l’uso, esempi ed opinioni

A partire dal 2024 è in previsione l’organizzazione per le prime di diverse “Talent’s Academy Week” tematiche, per conoscere e testare tecnologie emergenti in settori collegati alla valorizzazione dei Patrimoni tangibili e intangibili. E per le seconde, incontri formativi per far conoscere l’Intelligenza Artificiale, i Big Data e altre soluzioni tecnologiche applicabili ai settori culturali e creativi, insieme ad esperienze di training innovative denominate “Incursioni Creative”, oltre ad attività di training per efficientare il recruitment di nuovi talenti.

L’EDIH “Heritage Smart Lab” organizzerà anche diversi eventi per far incontrare esperti di tecnologie emergenti e Startup con le organizzazioni pubblico/private che operano nei settori della cultura e della creatività, generando nuove opportunità di business. Inoltre, l’EDIH supporta Startup e PMI nella ricerca di fonti di finanziamento per avviare un percorso di transizione digitale attraverso attività di consulenza specifica e scounting delle opportunità nazionali e internazionali.

Una opportunità per la valorizzazione culturale e ambientale del Sud Italia

Possono aderire all’EDIH “Heritage Smart Lab” anche gli Enti Pubblici che intendono sviluppare progetti innovativi legati alla transizione digitale e verde attraverso l’impiego di tecnologie emergenti. L’obiettivo è valorizzare luoghi di interesse culturale o naturalistici come Musei o Teatri civici, Biblioteche, Parchi Archeologici, Castelli, giardini o altri spazi di aggregazione.

Inoltre, possono aderire all’iniziativa i Comuni interessati ad avviare progetti di innovazione sociale, che prevedono il coinvolgimento attivo dei cittadini, che vogliano intraprendere azioni volte all’efficientamento energetico o all’uso dei dati attraverso le tecnologie emergenti in chiave “smart”, per migliorare la qualità della vita e la qualità dei servizi pubblici.

L’EDIH “Heritage Smart Lab” offrirà alle PA:

  • servizi per testare nuovi applicativi per la gestione intelligente dei patrimoni, per efficientare i consumi, per connettere le persone e migliorare i servizi pubblici;
  • incontri formativi, workshop e incursioni creative per far conoscere a dipendenti e collaboratori il potenziale delle tecnologie emergenti come l’Intelligenza Artificiale, i Big Data e altre soluzioni tecnologiche all’avanguardia;
  • servizi per supportare gli Enti nelle candidature a bandi nazionali e internazionali finalizzati alla sperimentazione e/o all’installazione di applicativi tecnologici per l’efficientamento gestionale e la sostenibilità (economica, ambientale e sociale nel rispetto degli SDG Goals ONU 2030);
  • scouting tecnologici, servizi di supporto per avviare gemellaggi amministrativi anche con Enti e Municipalità straniere, al fine di costruire partenariati efficaci e implementare soluzioni digitali all’avanguardia.

Come candidarsi all’EDIH “Heritage Smart Lab”

Il supporto è gratuito ed è possibile candidare il proprio Ente scaricando la manifestazione di interesse e compilando il form online sul SITO UFFICIALE dove sono presenti anche i dettagli dei servizi e delle iniziative previste per il biennio 2023-2025. Sarà possibile presentare proposte fino a esaurimento fondi.

Nel frattempo sono in corso una serie di iniziative di formazione specialistica rivolta agli Amministratori Pubblici, come ad esempio giornate dimostrative per comprendere l’uso delle Intelligenze Artificiali Generative, l’uso dei Big Data per il monitoraggio territoriale, l’uso della Realtà Estesa per generare un coinvolgimento interattivo di cittadini, visitatori e giovani utenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5