Strategie

Decarbonizzazione, Leonardo: emissioni CO2 scese a -19% in tre anni

La head of Environmental strategy and projects del Gruppo, Beatrice Lamonica: “Per centrare gli obiettivi è fondamentale unire le forze con partner, clienti e istituzioni”. Giacinto Carullo, chief Procurement & Supply Chain Officer: “Fianco a fianco con le Pmi per la sfida globale dell’ambiente”

Pubblicato il 18 Ott 2022

“Negli ultimi tre anni il nostro impegno per la decarbonizzazione, trasversale alle aree di business, ha portato a una riduzione di circa il 19% delle emissioni di CO2, grazie soprattutto ai cambiamenti del processo manifatturiero e alle iniziative di efficientamento energetico. A questo si aggiungono le emissioni risparmiate grazie all’innovazione sui nostri prodotti e servizi: ad esempio con la virtualizzazione dei sistemi di training abbiamo evitato in tre anni l’emissione di 117 tonnellate di CO2″. A illustrare i risultati di Leonardo nella decarbonizzazione è Beatrice Lamonica, Head of Environmental Strategy and Projects del gruppo guidato da Alessandro Profumo. La manager ha recentemente dedicato a questo tema il proprio intervento durante il Salone della Corporate Social Responsibility, la cui decima edizione si è svolta a Milano all’inizio di ottobre.

“La strategia di decarbonizzazione di Leonardo – spiega Lamonica – prevede un cambiamento nelle decisioni e nei processi aziendali: dal design dei prodotti, tenendo conto del carbon footprint nelle diverse fasi di vita, al procurement, puntando sull’innovazione, in particolare nell’ambito dei materiali e delle tecnologie. La collaborazione diventa l’ingrediente chiave, riusciremo a raggiungere l’obiettivo solo unendo le forze con i nostri clienti, le aziende fornitrici e le istituzioni”.

A questo va aggiunta la volontà di rendere chiare e disponibili le performance dell’azienda: “La trasparenza per Leonardo è un grande sforzo di conoscenza e di accesso ai dati con un costante impegno alla disclosure sui nostri progetti e sulla nostra performance – sottolinea la Manager – Ci concentriamo sulla misurazione delle emissioni di CO2 su tutta la catena del valore, inclusi i nostri prodotti e la supply chain”.

Verso una catena del valore sostenibile: la roadmap Esg di Leonardo

Leonardo ha da tempo chiara l’esigenza di lavorare insieme alla filiera, che in Italia conta su oltre 4mila imprese, l’87% delle quali sono Pmi, con una prospettiva di partnership di medio lungo termine, per rendere pragmatiche le ambizioni ed accelerare il percorso
di sviluppo ed innovazione delle Pmi – aggiunge Giacinto Carullo, Chief Procurement &
Supply Chain Officer di Leonardo – Lo stiamo facendo con il programma “Leap Partnership for Sustainability” su tutte e tre le dimensioni Esg: quella ambientale,
con target e azioni rivolte alla decarbonizzazione, alla circolarità e alla riduzione degli sprechi. Quella Sociale, che abbraccia la diversity, l’inclusione e lo sviluppo dei territori. E non da ultima la Governance, con la definizione di un nuovo codice di condotta dei fornitori, che richiede la condivisione dei nostri valori a tutti coloro che vogliono lavorare con noi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5