Scenari

AI: ecco le linee guida del Gruppo Consultivo dell’Onu

Il Rapporto Intermedio sulla Governance dell’Intelligenza Artificiale per l’Umanità avanza la proposta di rafforzare la governance internazionale dell’intelligenza artificiale attraverso sette funzioni critiche, come l’individuazione dei rischi e il supporto alla collaborazione internazionale sui dati, la capacità di calcolo e il talento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Pubblicato il 08 Gen 2024

Come favorire il necessario “maggiore allineamento tra le norme internazionali e lo sviluppo dell’intelligenza artificiale”?  Il Gruppo Consultivo sull’Intelligenza Artificiale del Segretario Generale delle Nazioni Unite  lanciato la sua proposta nel Rapporto Intermedio sulla Governance dell’Intelligenza Artificiale per l’Umanità, pubblicato nei giorni scorsi.

Il rapporto avanza infatti l’idea di rafforzare la governance internazionale dell’IA attraverso sette funzioni critiche, come l’individuazione dei rischi e il supporto alla collaborazione internazionale sui dati, la capacità di calcolo e il talento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG). Include anche raccomandazioni per migliorare la responsabilità e garantire una voce equa per tutti i paesi.

Una carenza di governance globale

Il rapporto intermedio evidenzia che, sebbene siano emerse diverse iniziative di regolamentazione e politiche sull’Intelligenza Artificiale, è necessario un coinvolgimento più inclusivo per “creare un campo di gioco equo, poiché molte comunità sono state ampiamente escluse da queste discussioni”. Il rapporto intermedio evidenzia anche che i dati, la potenza di calcolo e il talento sono attualmente concentrati tra un numero limitato di attori del settore privato in un numero ancora più limitato di Stati.

WHITEPAPER
Machine Learning: tutti i benefici e le caratteristiche delle piattaforme
Business Intelligence
Predictive analytics

I principi guida

Il rapporto intermedio identifica i seguenti principi che dovrebbero guidare la formazione di nuove istituzioni globali di governance dell’IA:

  • Inclusività: tutti i cittadini, compresi quelli del Sud Globale, dovrebbero poter accedere e utilizzare in modo significativo gli strumenti dell’IA.
  • Interesse pubblico: la governance dovrebbe andare oltre il principio del non nuocere e definire un quadro di responsabilità più ampio per le aziende che costruiscono, implementano e controllano l’IA, così come per gli utenti finali.
  • Centralità della governance dei dati: la governance dell’IA non può prescindere dalla governance dei dati e dalla promozione dei beni comuni dei dati.
  • Universale, interconnesso e multilaterale: la governance dell’IA dovrebbe privilegiare il coinvolgimento universale di paesi e stakeholder. Dovrebbe sfruttare le istituzioni esistenti attraverso un approccio interconnesso.
  • Diritto internazionale: la governance dell’IA deve essere ancorata alla Carta delle Nazioni Unite, al diritto internazionale dei diritti umani e agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Le funzioni chiave della governance dell’IA

Il Gruppo ha identificato le funzioni che la governance dell’IA dovrebbe comprendere. Tra le altre cose, queste includono la valutazione periodica dello stato dell’IA e della sua evoluzione, l’armonizzazione degli standard, dei framework di sicurezza e di gestione del rischio, la promozione della collaborazione multilaterale internazionale per potenziare il Sud Globale, il monitoraggio dei rischi e il coordinamento delle risposte di emergenza e lo sviluppo di norme vincolanti di responsabilità.

Ognuna di queste funzioni richiede la cooperazione internazionale di tutti gli attori coinvolti.

Report finale in vista del Summit del Futuro

Presieduto da Carme Artigas e James Manyika, il Gruppo Consultivo sull’IA è stato nominato dal Segretario Generale António Guterres il 26 ottobre 2023. Il Gruppo Consultivo sull’IA pubblicherà il suo rapporto finale in vista del Summit del Futuro, nell’estate del 2024.

“L’IA ha un enorme potenziale per assistere le persone, dalle nostre attività quotidiane ai nostri progetti più creativi e ambiziosi, avanzando la scienza, trasformando settori critici per la nostra prosperità e contribuendo a risolvere le sfide più urgenti della società, dal cambiamento climatico all’ampliamento dell’accesso alle cure sanitarie, accelerando il progresso degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite”, ha dichiarato Manyika.

“Poiché l’IA è intrinsecamente una questione internazionale, è necessario un approccio globale a un quadro di governance che rispetti i diritti umani e ascolti la voce di tutti, compreso il Sud Globale”, aggiunge Artigas. “Dobbiamo garantire che l’IA sia governata nell’interesse pubblico e radicata nella collaborazione multilaterale in cui le Nazioni Unite hanno un ruolo di primo piano. Siamo ansiosi di sentire cosa ha da dire il mondo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5