Economia circolare

290 organizzazioni aderiscono a ICESP, piattaforma ENEA per l’economia circolare

Lanciata cinque anni fa come la “versione” italiana dell’iniziativa European Circular Economy Stakeholder Platform (ECESP), ICESP ha elaborato finora oltre 200 buone pratiche per accelerare l’economia circolare nelle filiere industriali e nelle città

Pubblicato il 13 Gen 2023

Si rafforza ICESP: la Piattaforma italiana degli attori per l’economia circolare, lanciata da ENEA per supportare la transizione ecologica nel nostro nel Paese con oltre 800 esperti provenienti da circa 290 tra istituzioni, imprese e associazioni che hanno partecipato alla quinta Conferenza annuale della Piattaforma ICESP presso Unioncamere a Roma.

Lanciata cinque anni fa come la “versione” italiana dell’iniziativa European Circular Economy Stakeholder Platform” (ECESP), la Italian Circular Economy Stakeholder Platform ha elaborato finora oltre 200 buone pratiche per accelerare l’economia circolare nelle filiere industriali e nelle città.

Il ruolo della piattaforma ICESP di ENEA per la strategia nazionale sulla circular economy

Il Presidente ENEA Gilberto Dialuce ha evidenziato il ruolo fondamentale della piattaforma ICESP nel trasferimento tecnologico e l’importanza delle attività dell’Agenzia nello sviluppo di modelli integrati di business. Il presidente di ICESP Roberto Morabito, nonché Direttore del Dipartimento ENEA di Sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali, ha sottolineato l’importanza del contributo della Piattaforma nella verifica delle priorità e delle proposte presentate nella consultazione pubblica sulla strategia nazionale per l’economia circolare (SNEC).

WHITEPAPER
SAP in Cloud, la chiave per mettere in moto l'innovazione di business!

Morabito ha inoltre ribadito il ruolo fondamentale del riciclo delle materie prime (critiche e non) per lo sviluppo di settori strategici nella transizione energetica come l’high tech e la mobilità elettrica, dove l’intera Europa soffre di una forte dipendenza dall’estero. Per affrontare queste problematiche, l’Italia ha già realizzato alcuni strumenti come la piattaforma del fosforo e il tavolo tecnico nazionale sulle materie prime critiche, ma dalla conferenza è emersa l’importanza di sviluppare soluzioni di  transizione circolare improntate su ecoprogettazione, urban mining e simbiosi industriale. In quest’ultimo settore ENEA ha riunito e coordina circa 40 partner nella rete SUN.

Le tecnologie green per portare l’economia circolare dal concept alla pratica

Nel dibattito è intervenuto il Segretario Generale di Unioncamere Giuseppe Tripoli che ha sottolineato come gli investimenti in tecnologie green siano tra i punti di forza del sistema produttivo italiano, da sempre rivolto al massimo riutilizzo delle risorse nel ciclo produttivo, anche a causa della carenza di materie prime. Una considerazione ribadita anche da Silvia Grandi della Direzione generale Economia circolare del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), che vede nella Piattaforma ICESP un riferimento per le politiche pubbliche per portare l’economia circolare dal piano delle idee alla pratica.

Tra gli altri partecipanti alla Conferenza annuale ICESP, Gabriella Weibel della Commissione Europea, Benedetta Dell’Anno del MASE e Giacomo Vigna del Ministero Imprese e Made in Italy (MIMIT). Nel corso della tavola rotonda dedicata alle imprese, che rappresentano il 62% dei partecipanti alla piattaforma, è stato evidenziato come l’economia circolare faciliti l’accesso al credito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5