Best practise

Philips ancora nella A List di Cdp: premiato l’impegno contro il climate change

Grazie alle iniziative per ridurre le emissioni, limitare i rischi climatici e sviluppare un modello economico a basse emissioni di carbonio, l’azienda, leader dell’health technology, si è assicurata un posto nel top rank per il nono anno consecutivo.

10 Dic 2021

Redazione ESG360

Royal Philips, leader globale nel settore dell’Health technology, è stata riconosciuta ancora una volta da CDP per il suo impegno nell’azione di contrasto ai cambiamenti climatici. Grazie alle iniziative per ridurre le emissioni, limitare i rischi climatici e sviluppare un modello economico a basse emissioni di carbonio, Philips si è assicurata un posto nella “A List” di CDP per il nono anno consecutivo. 

Il processo annuale di valutazione e divulgazione ambientale di CDP è ampiamente riconosciuto come il gold standard della trasparenza ambientale aziendale. La sua metodologia di punteggio valuta le aziende basandosi sulla completezza delle informazioni rese pubbliche, la consapevolezza e la gestione dei rischi ambientali, unita alle migliori pratiche associate alla leadership ambientale, come la definizione di obiettivi significativi e ambiziosi.

Riconoscimento globale

Per trasformare in realtà il proprio impegno a rendere il mondo più sano e più sostenibile attraverso l’innovazione, Philips ha preso pubblicamente un’ampia serie di impegni, che spaziano nella dimensioni ambientale, sociale e di governance (ESG), guidando l’esecuzione della strategia aziendale. Philips è già una realtà carbon neutral dal punto di vista operativo ed è pronta a ridurre ulteriormente le emissioni di CO2 in linea con l’obiettivo di contenimento del riscaldamento globale entro gli 1,5°C, ad esempio migliorando ulteriormente l’efficienza energetica dei propri prodotti durante la fase di utilizzo e collaborando con i clienti e le parti interessate per decarbonizzare la sanità. La società ha anche stabilito ambiziosi obiettivi di economia circolare, come la generazione del 25% delle proprie entrate da prodotti, servizi e soluzioni “circolari” entro il 2025. Philips sta anche prendendo iniziative per ottenere una significativa riduzione delle emissioni di gas serra nella supply chain.

WHITEPAPER
Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index
Sviluppo Sostenibile

Un curriculum ricco di riconoscimenti ESG

L’impegno di lunga data dell’azienda ad agire in modo responsabile e sostenibile ha ricevuto un ampio riconoscimento. Ad esempio, Philips ha raggiunto posizioni di vertice nelle classifiche globali Dow Jones Sustainability Indices e Sustainalytics, oltre ad aver ottenuto un punteggio ESG di 90 su 100 da S&P Global Ratings . Inoltre, Philips è stata la prima azienda di tecnologie sanitarie a far valutare e approvare i propri obiettivi di emissione di CO2 per il periodo 2020-2040 dall’iniziativa Science-Based Targets (STBi).

“Di fronte a sistemi sanitari e consumatori sempre più impegnati a fare scelte sostenibili e ad agire per il clima, rimaniamo convinti che seguire un modello di business sostenibile sia l’unico modo per progredire”, ha affermato Frans van Houten, CEO di Royal Philips. “Le tante iniziative in corso per rendere le nostre soluzioni e i nostri processi sempre più sostenibili, estendendosi fino alla supply chain, ci hanno permesso di meritare ancora una volta un posto nella prestigiosa lista di CDP. Sono orgoglioso della creatività e passione delle persone di Philips in tutto il mondo impegnate a contribuire alla creazione di un futuro più sano e più sostenibile”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5