Case History

Net Zero Carbon Event: l’impegno e la strategia di Montecolino

Il percorso verso il Net Zero di un’azienda di riferimento nel settore dei pavimenti tessili per il mondo degli eventi e dell’ospitalità

Pubblicato il 06 Gen 2024

Nico Fontana, CEO Montecolino

Il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità in un settore caratterizzato da supply chain complesse e ricche di attori come quella degli eventi e dell’ospitalità rappresenta un esempio significativo di come il mondo dei provider di prodotti, materiali e servizi può contribuire in modo molto concreto alla decarbonizzazione di questa industria. Un bell’esempio di impegno e progettualità su questi temi arriva da Montecolino, azienda di riferimento in Europa nella produzione e distribuzione di pavimenti tessili con una collezione di oltre 300 articoli che comprendono moquette per abitazioni e hotel, moquette per fiere ed eventi, zerbini d’ingresso e tappeti d’arredamento, erbe sintetiche decorative e tessuti tecnici per il calzaturiero. L’azienda, guidata dal CEO Nico Fontana, ha presentato la sua strategia di riduzione dell’impatto ambientale e ha annunciato l’obiettivo di azzerare le proprie emissioni nette entro il 2050.

Un piano di lavoro, quello che è stato avviato, in linea con gli obiettivi dell’Unione Europea, ma con un target molto ambizioso che prevede una riduzione del -25% già nel 2025. Animata da questi obiettivi l’azienda ha scelto di aderire all’iniziativa globale “Net Zero Carbon Events” e ha messo in campo uno studio analitico delle proprie emissioni accanto a un piano d’azione con obiettivi quantificati.

La scelta di aderire a Net Zero Carbon Events

Montecolino è una realtà che nasce con l’ecologia nel cuore e nel proprio modello di business, in particolare con l’offerta montECOlino recycling carpet, il sistema di gestione della moquette per il settore fieristico che prevede la trasformazione della stessa in una nuova materia prima dopo il suo utilizzo, che mette concretamente in pratica i principi dell’Economia Circolare.

WHITEPAPER
Cosa si può chiedere a ChatGPT? Scarica la guida 2023: consigli per l’uso, esempi ed opinioni

In uno scenario che vede Unione Europea impegnata in interventi mirati alla riduzione e mitigazione delle emissioni di gas ad effetto serra (Green House Gas – GHG), per contenere l’aumento della temperatura media globale. Montecolino ha voluto avviare diverse iniziative per dare il proprio contributo. Nico Fontana, Amministratore Delegato di Montecolino tiene a sottolineare che questo “tema è fondamentale e proprio per questo abbiamo deciso di impegnarci in modo formale per questo obiettivo aderendo a Net Zero Carbon Events, l’iniziativa di riferimento per la riduzione dell’impatto ambientale nel settore fieristico”.

In particolare la Net Zero Carbon Events punta a riunire un’ampia gamma di stakeholder del settore per:

  • comunicare congiuntamente l’impegno del settore nell’affrontare il cambiamento climatico e nell’avvicinarsi a un livello di emissioni nette pari a zero entro il 2050;
  • sviluppare metodologie comuni per misurare le emissioni di gas serra dirette, indirette e della catena di fornitura del settore;
  • costruire una tabella di marcia a livello di settore verso l’azzeramento delle emissioni entro il 2050 e la riduzione delle emissioni entro il 2030, in linea con l’Accordo di Parigi, con supporto e guida su questioni chiave;
  • promuovere la collaborazione con fornitori e clienti per garantire l’allineamento e approcci comuni;
  • stabilire meccanismi comuni per la rendicontazione dei progressi e la condivisione delle migliori pratiche.

Net Zero Carbon: l’analisi delle emissioni interne e di filiera, Scope 1, 2 e 3

Nel 2023 Montecolino ha realizzato un’analisi di dettaglio delle proprie emissioni interne e di filiera (Scope 1, 2 e 3) grazie alla collaborazione con il Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia e con Partners4Innovation del gruppo Digital360. Questa attività ha permesso di misurare l’impatto ambientale attuale dell’azienda, con riferimento al 2022, che è stato definito come l’anno base rispetto al quale Montecolino ha poi sviluppato la propria strategia di riduzione delle emissioni.

La fotografia di riferimento, di seguito riportata, identifica l’impatto in termini di CO2 equivalente generato dalle diverse categorie definite dalla norma UNI EN ISO 14064-1.

Net Zero Carbon Events: il progetto Montecolino

Le categorie riferite allo scope 3 (emissioni generate all’esterno dell’azienda) hanno un impatto molto importante, ma sono quelle dove è più difficile intervenire in modo immediato.

Per questo Montecolino, analizzando nel dettaglio le sorgenti di impatto ambientale e le possibili azioni per ridurle, ha identificato un mix di leve di breve e lungo periodo che costituisce il piano d’azione (roadmap) verso il Net Zero. In particolare, l’azienda ha definito un percorso in tre fasi, per raggiungere obiettivi di breve e medio periodo, ed il Net Zero entro il 2050.

  • Fase 1: Progetto 2525, riduzione del 25% delle emissioni entro il 2025
  • Fase 2: Dimezzare le emissioni entro il 2030
  • Fase 3: Obiettivo net Zero

Fase 1: Progetto 2525, ridurre del 25% le emissioni entro il 2025

Le azioni di breve periodo si pongono l’obiettivo molto ambizioso di ridurre del 25% le emissioni rispetto all’anno base 2022.

“Una delle aree d’azione più importanti, che permette di ottenere risultati sin dal breve periodo” commenta Nico Fontana, “riguarda la generazione ed il consumo di energia elettrica. Montecolino investirà per incrementare la quota di energia autoprodotta tramite impianto fotovoltaico, con l’installazione di un nuovo impianto da 716 Kwp. Inoltre per l’acquisto di energia elettrica prodotta esternamente, l’azienda si sposterà verso un mix di energia prodotta principalmente da fonti rinnovabili.”

“L’efficientamento dei consumi interni rappresenta poi la seconda azione chiave, che abbiamo coniugato con l’intenzione di migliorare l’efficacia e la qualità del processo produttivo sostenibile. A questo proposito si è deciso di investire su un nuovo forno di resinatura, in sostituzione dell’attuale, che ci consentirà un risparmio energetico atteso dell’ordine del 40% rispetto all’impianto attuale. L’investimento è già avviato ed il nuovo forno entrerà in opera nei primi mesi del 2024”

Net Zero Carbon Event: il piano in 3 fasi di Montecolino
Il piano in 3 fasi di Montecolino verso il “Net Zero”

A livello di prodotto e di business, Montecolino punterà ancor più fortemente sul suo modello di business “recycling carpet”. “Nel 2022 abbiamo avviato al riciclo oltre 1,5 milioni di m2 di moquette. Da qui al 2025 puntiamo al raddoppio di questo volume”.

Contemporaneamente, l’azienda porterà forte attenzione alla riduzione del peso del prodotto (minor peso al m2 di moquette significa minore impatto ambientale) nello sviluppo prodotto e con lo spostamento del mix di vendita a beneficio dei prodotti che hanno già queste caratteristiche.

Fase 2: dimezzare le emissioni entro il 2030

Il 2025 è dunque già un primo grande momento di passaggio con importanti aspettative. Ma per raggiungere l’obiettivo intermedio del -50% entro il 2030 (dimezzamento dell’impatto ambientale rispetto all’anno base del 2022, a pari perimetro), queste leve di prodotto e di business andranno ulteriormente potenziate, portando ad un ulteriore raddoppio del volume di moquette riciclata tra il 2025 ed il 2030. “Siamo fieri di aver lanciato questa pratica nel settore fieristico – commenta -, e che sempre più clienti (ed anche competitor) ci stiano seguendo su questa strada”.

Ma in prospettiva di dimezzamento dell’impatto ambientale l’azienda affronterà in modo importante le relazioni con la rete di fornitura e la scelta dai materiali. “Già oggi abbiamo avviato un’esplorazione del mercato e delle sperimentazioni verso la scelta di materiali meno impattanti dal punto di vista ambientale – osserva Fontana – (produzione, processo produttivo, fine vita). Oggi ancora poche innovazioni sui materiali sono sufficientemente mature, per cui ci aspettiamo che queste attività inizino a dare i primi frutti nel giro di qualche anno, comunque entro il 2030”.

Contestualmente, verrà avviato un percorso di sensibilizzazione e coinvolgimento dei fornitori nel percorso di Montecolino verso il “Net Zero”, promuovendo e premiando scelte e pratiche consapevoli e ambientalmente sostenibili da parte dei fornitori. “Sappiamo – prosegue Fontana – che la fornitura di materiali e la gestione dei fornitori sono aree ccomplesse e ci stiamo attrezzando per sviluppare un percorso credibile di miglioramento. Coinvolgeremo i nostri fornitori, a partire dalla mappatura del loro livello di sostenibilità ambientale”. Ove necessario (già prima del 2030) Montecolino opererà azioni di carbon offsetting, che verranno successivamente definite.

Fase 3: Obiettivo Net Zero

In conclusione Fontana sottolinea che “l’obiettivo di azzerare le emissioni nette al 2050 è senza dubbio molto sfidante. Prevediamo di passare al riciclo del 100% della moquette prodotta, e di lavorare sullo sviluppo prodotto per utilizzare materie prime più sostenibili e lavorare solo con fornitori allineati con le nostre politiche di sostenibilità (green procurement)”. Le emissioni residuali non abbattute saranno compensate con progetti di cattura e rimozione della CO2 per raggiungere il “Net Zero”.

LIVE STREAMING 20 marzo
Industry4.0 360SummIT: l'innovazione come leva contro l'incertezza. Ti aspettiamo online!
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5