ESG SmartData

Comparto aereo: dall’IT la spinta decisiva per ridurre energia e CO2

Il report “Air Transport IT Insights” di SITA fa il punto sul rapporto di aeroporti e compagnie aeree con le policy ESG, rivelando una crescente attenzione alle soluzioni tecnologiche per ottimizzare il consumo energetico e ridurre le emissioni. Ma la ricerca di una maggior sostenibilità riguarda anche altri ambiti, a partire dalle flotte per arrivare all’uso di carburante SAF. Strada ancora lunga invece sul fronte Governance

Pubblicato il 07 Feb 2024

Cresce l’investimento in tecnologie da parte di aeroporti e compagnie aeree, con previsioni che indicano un raggiungimento di 10,8 miliardi di dollari per gli scali e 34,5 miliardi per i vettori entro il 2023. Questo trend positivo è atteso continuare fino al 2024, secondo le stime di oltre due terzi dei CIO del settore.

Lo afferma il report 2023 Air Transport IT Insights di SITA, il quale evidenzia come gli aeroporti abbiano incrementato la spesa IT rispetto al fatturato nel biennio 2022-2023, sottolineando l’importanza crescente della tecnologia nell’esperienza di viaggio futura (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO).

Priorità all’It per l’energy management e la riduzione delle emissioni

Il report mette in luce come fra le priorità di investimento vi siano le soluzioni green per ottimizzare il consumo energetico e ridurre le emissioni, oltre a biometria e analisi dei dati. La sostenibilità è infatti una delle priorità in agenda per il comparto, con le tappe fondamentali per la riduzione delle emissioni di carbonio e le normative sulle emissioni in vista.

eguide
Garantisci la tua sicurezza nel metaverso: 3 passi chiave!
Cybersecurity
Machine Learning

In particolare, i CIO stanno puntando a soluzioni tecnologiche in grado di ridurre concretamente le emissioni: entro il 2026, oltre il 90% delle compagnie aeree prevede di dotarsi di tecnologie per aumentare l’efficienza delle operazioni di volo e il turnaround degli aeromobili. Più della metà ha implementato soluzioni IT per ottimizzare sia il rullaggio degli aerei sia le fasi di decollo/atterraggio e di crociera dei voli, e quasi tutti prevedono di implementarlo entro il 2026. Per quanto riguarda gli aeroporti, i sistemi di gestione degli edifici e dell’energia rappresentano una priorità chiave per offrire una visione unificata delle emissioni e delle relative opportunità per ridurle. Si prevede che gli investimenti nei sistemi di gestione dell’energia cresceranno più di qualsiasi altra iniziativa di sostenibilità aeroportuale, con oltre la metà degli aeroporti che lo pianificano entro il 2026.

Flotte rinnovate per alzare l’asticella sul fronte Sustainability

Va detto inoltre che la netta maggioranza delle compagnie aeree (77%) ha rinnovato la propria flotta con aeromobili di nuova generazione, il che rende questa iniziativa la principale iniziativa di sostenibilità ambientale del settore. Altre iniziative messe in atto dalla maggior parte delle compagnie aeree riguardano l’ottimizzazione delle prestazioni degli aeromobili, con il 61% che ha adottato l’ottimizzazione per la fase di rullaggio e il 57% per l’atterraggio e il decollo. Significativamente, più della metà delle compagnie aeree (54%) ha implementato una qualche forma di compensazione a carico dei passeggeri o un sistema di contribuzione SAF con un’ampia diffusione regionale – il 92% delle compagnie aeree europee lo ha fatto, guidando l’implementazione delle iniziative a livello regionale.

Inoltre, su scala globale, l’83% delle compagnie aeree ha avviato ricerche sull’impatto ambientale della formazione delle scie o intende farlo nei prossimi 3 anni. È interessante notare che nessuna compagnia aerea in Europa ha in programma di farlo prima del 2026. Oggi, solo il 27% delle compagnie aeree a livello globale ha implementato misure per valutare, attenuare o adattare gli impatti del cambiamento climatico; un altro 22% ha confermato di non avere piani prima del 2026. A livello regionale, le Americhe sono in testa, con tutte le compagnie aeree intervistate che hanno attuato o pianificato misure prima del 2026.

Investimenti “greening-by” e carburante sostenibile

Gli investimenti tecnologici “greening-by” maggiormente implementati riguardano l’ottimizzazione delle operazioni di volo. Circa due terzi delle compagnie aeree stanno lavorando su: strumenti di collaborazione in tempo reale per migliorare l’efficienza operativa dei voli, software di analisi dei rischi meteorologici in tempo reale e di prevenzione per i team operativi di volo e software di ottimizzazione dei voli.

Il carburante per l’aviazione sostenibile (SAF) è un tema importante per le compagnie aeree, oggetto di investimenti significativi nei prossimi tre anni. Nonostante l’adozione relativamente bassa fino ad oggi, entro il 2026 la metà delle compagnie aeree prevede di rivolgersi a fornitori di SAF per località selezionate, il che indica una prospettiva positiva per l’uso del SAF (83% di adozione entro il 2026). Allo stesso modo, la metà delle compagnie aeree prevede di iniziare a utilizzare il sistema di prenotazione e reclamo SAF entro il 2026, portando l’adozione al 78%.

Piani ESG: ancora poca maturità sul fronte Governance

In questo scenario, non è ancora piena la maturità del comparto nella piena attuazione di piani ESG a 360 gradi. Il 41% e il 31% delle compagnie aeree hanno attualmente adottato iniziative “ambientali” e “sociali”, ma meno di un quarto lo ha fatto per la “governance” (21%). Anche in questo caso, come per gli aeroporti, la maggior parte delle compagnie aeree ha in programma l’adozione di programmi in tutte e tre le aree, con una previsione di oltre l’80% entro il 2026. A livello regionale, i dati mostrano che il 100% delle compagnie aeree europee ha implementato soluzioni IT per consentire programmi di sostenibilità ambientale e sociale, mentre nella regione MEA meno del 30% lo ha fatto.

Ricorso crescente alla biometria e alla business intelligence

Il report aggiunge che, nel corso del 2023, più della metà delle compagnie aeree e degli aeroporti ha implementato tecnologie volte a migliorare l’efficienza nei processi di check-in, etichettatura bagagli ed imbarco. La biometria sta diventando sempre più diffusa come strumento per ridurre la congestione: si prevede che entro il 2026 il 70% delle compagnie aeree avrà implementato una gestione biometrica dei documenti d’identità e il 90% degli aeroporti sta investendo in programmi significativi o in ricerca e sviluppo in questo ambito. I CIO stanno cercando di integrare soluzioni innovative dal punto di vista operativo ai progressi fatti nella gestione dei passeggeri.

Per aumentare l’efficienza, proteggere le operazioni dalle interruzioni, dai disagi e snellire le procedure sia per i passeggeri che per il personale, i CIO stanno adottando soluzioni IT per la business intelligence, l’intelligenza artificiale e la condivisione dei dati. In particolare, la business intelligence è la più grande area di investimento tecnologico per le compagnie aeree nei prossimi tre anni, con il 73% di vettori che investirà in importanti programmi. Quasi due terzi degli aeroporti e delle compagnie aeree raccolgono e integrano dati e, con l’avvento dell’intelligenza artificiale generativa (AI), ora si rivolgono all’intelligenza artificiale e al machine learning per sfruttare questi dati al fine di risoluzioni più rapide. Poiché la maggior parte delle persone cita “l’uso dei dati per migliorare l’efficienza operativa” come una sfida aziendale, è comprensibile che il 97% delle compagnie aeree e l’82% degli aeroporti investirà nell’intelligenza artificiale entro il 2026.

“Mentre ci avviciniamo a una piena ripresa della domanda per i viaggi aerei, con i voli domestici che superano addirittura i livelli pre-pandemia in alcune aree, le compagnie aeree e gli aeroporti hanno tratto una lezione dalla congestione e dai disservizi osservati negli ultimi due anni – commenta David Lavorel, CEO di SITA -. Gli strumenti avanzati di condivisione e analisi dei dati consentiranno di unire gli stakeholder e di identificare opportunità per essere più efficienti e snellire le operazioni. Soluzioni come il total airport management (TAM) e la business intelligence per la gestione dei passeggeri forniscono sia agli aeroporti che alle compagnie aeree una visione in tempo reale sulla gestione delle risorse e del flusso di passeggeri, consentendo risposte agili e collaborative a qualsiasi interruzione di servizio”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5