Road to Cop27

COP27, oltre 500 investitori globali scrivono ai Governi: “Rafforzate la politica climatica: noi ci siamo”

Il documento, che è aperto alle adesioni in vista dell’appuntamento di Sharm el Sheik, conta ben 532 i firmatari in rappresentanza di 39 trilioni di dollari di asset. Si tratta della dichiarazione più ambiziosa mai emessa fino ad oggi: la richiesta è quella di attuare rapidamente cinque azioni politiche prioritarie, che consentiranno ai sottoscrittori di investire i trilioni necessari per rispondere alla crisi climatica

24 Set 2022

Più di 500 investitori istituzionali da tutto il mondo uniscono le forze per esortare i governi a rafforzare l’ambizione della politica climatica. L’appello nei giorni scorsi ha preso la forma di una dichiarazione ufficiale (SCARICA QUI IL DOCUMENTO COMPLETO), firmata da 532 soggetti rappresentativi di 39 trilioni di dollari di asset in gestione, i quali hanno chiesto ai governi di attuare politiche ambiziose che sfrutterebbero il capitale privato necessario per affrontare efficacemente la crisi climatica.  

La Dichiarazione degli investitori globali ai governi sulla crisi climatica è la più ambiziosa mai emessa fino ad oggi, per merito delle raccomandazioni politiche in essa contenute che invitano i governi ad aumentare le loro ambizioni climatiche in linea con l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C. Le azioni più ambiziose richieste includono piani di transizione climatica obbligatori da parte degli investitori. Nel chiedere questa azione, gli investitori avanzano direttamente la richiesta di una maggiore regolamentazione della divulgazione sul clima nel settore finanziario, oltre a un’analoga regolamentazione in ambito aziendale.  

La dichiarazione copre anche nuove aree politiche non affrontate nelle dichiarazioni precedenti, tra cui un focus sulla lotta all’inquinamento da metano, sull’adattamento climatico e sulla resilienza e sull’aumento dei finanziamenti per il clima per i paesi in via di sviluppo.

Cinque azioni prioritarie per “sbloccare” gli investimenti

Gli investitori firmatari della dichiarazione esortano specificamente i governi ad attuare rapidamente cinque azioni politiche prioritarie, che consentiranno loro di investire i trilioni necessari per rispondere alla crisi climatica:

WHITEPAPER
Cognitive Experience Center: ecco l'AI che può davvero supportare i tuoi operatori!
Intelligenza Artificiale
Networking
  1. Garantire che gli obiettivi per il 2030 nei loro contributi determinati a livello nazionale siano in linea con l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 ° C;
  2. Attuare politiche interne nell’economia reale e agire tempestivamente per garantire che le loro emissioni di gas serra nel 2030 siano allineate con l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura globale a 1,5 ° C;
  3. Contribuire alla riduzione delle emissioni di gas serra diverse da anidride carbonica e sostenere l’effettiva attuazione del Global Methane Pledge per ridurre le emissioni di almeno il 30% rispetto ai livelli del 2020 entro il 2030.;
  4. Aumentare la fornitura di finanziamenti per il clima da parte del settore pubblico e privato per la mitigazione, l’adattamento e la resilienza, con particolare attenzione alle esigenze dei paesi in via di sviluppo; 
  5. Rafforzare le informazioni sul clima in tutto il sistema finanziario. 

Coordinato dai Founding Partners of the Investor Agenda –  Asia Investor Group on Climate Change,  CDP,  Ceres ,  Investor Group on Climate Change,  Institutional Investors Group on Climate Change,  Principles for Responsible Investment  e  UNEP Finance Initiative  – il comunicato rimane aperto alla firma fino alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP27) di novembre.  

Un grande impegno congiunto: le dichiarazioni di intenti

“Gli investitori stanno cercando urgentemente di gestire la loro esposizione ai rischi climatici e aumentare il contributo che i loro investimenti danno agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Gli investitori stanno agendo in quanto non solo è consentito dalla legge, ma in molti casi è necessario per garantire la loro capacità di generare rendimenti a lungo termine come un dovere fiduciario fondamentale e beneficiare delle opportunità associate al passaggio a emissioni nette zero economia. Incoraggiamo i governi a impegnarsi a stretto contatto con gli investitori per assicurarsi che questi rischi siano gestiti in modo efficace e che queste opportunità siano pienamente realizzate”, si legge nella dichiarazione degli investitori. 

Rebecca Mikula-Wright, CEO dell’Asia Investor Group on Climate Change (AIGCC) e Investor Group on Climate Change (IGCC) e membro del comitato direttivo dell’Agenda degli investitori, ha dichiarato:  “Questo è un potente invito degli investitori ai governi per rafforzare, ampliare e accelerare le loro politiche climatiche. Per mantenere 1,5°C a portata di mano, proteggendo i propri cittadini e le proprie economie, i governi devono adottare ora obiettivi credibili, iniziando fissando scadenze per l’eliminazione graduale dei combustibili fossili, sostenendo l’energia pulita e incentivando la decarbonizzazione in tutte le economie. Facciamo questo appello ora, sapendo che una transizione rapida, ordinata e giusta è essenziale per la prosperità e la stabilità economica che gli investitori, i cittadini e i governi vogliono vedere”. 

Aggiunge Pratima Divgi, Head of Capital Markets, North America e membro del Comitato direttivo Investor Agenda di CDP : “Il tempo stringe velocemente per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C e garantire un’economia a zero emissioni nette e positiva per la natura entro il 2050. La dichiarazione degli investitori globali del 2022 sottolinea l’importanza di solidi quadri di politica climatica nel creare condizioni di parità e consentire alle istituzioni finanziarie allocare capitale per la transizione verso un’economia sostenibile e resiliente. Siamo incoraggiati dalla forza di questa dichiarazione collettiva degli investitori e speriamo che i governi di tutto il mondo rispondano alla loro richiesta”.   

Mindy Lubber, CEO di Ceres e membro del President e Investor Agenda Steering Committee, spiega:  “Gli investitori hanno bisogno di politiche climatiche forti ed efficaci per dirigere con sicurezza i flussi di capitale dove sono necessari per la transizione verso un’economia giusta, a zero emissioni nette entro il 2050 o prima. Gli investitori di tutto il mondo chiedono ai governi di affrontare l’urgenza del momento e di mettere in atto le politiche di cui il mondo ha bisogno per scongiurare il peggio della crisi climatica e che gli investitori devono inaugurare una nuova era di prosperità economica costruita attorno a un giusto, economia energetica sostenibile e pulita. Ci auguriamo che i governi ascoltino e si uniscano agli investitori nella costruzione di questo futuro prospero, giusto e vivibile”. 

“Richiederà la collaborazione e l’impegno di molte parti interessate, ma i governi e i responsabili politici di tutto il mondo hanno il ruolo più importante da svolgere nella decarbonizzazione  dell’economia globale – dichiara invece Stephanie Pfeifer, CEO dell’Institutional Investors Group on Climate Change (IIGCC) e membro del comitato direttivo dell’Agenda degli investitori -. Fondamentalmente, stabilendo ambiziosi obiettivi di zero netto che sono supportati da politiche interne chiare e di supporto in tutta l’economia reale, i governi possono agire come un potente catalizzatore per facilitare gli investimenti e lo spostamento dell’allocazione di capitale necessari per trasformare lo zero netto in realtà. La dichiarazione globale degli investitori ai governi sulla crisi climatica è un importante e urgente invito all’azione da parte degli investitori ai governi che chiedono loro di farsi avanti”. 

“Ancora una volta, gli investitori lanciano un chiaro appello ai governi sull’urgente necessità che le politiche pubbliche riflettano e sostengano l’azione degli investitori – commenta il CEO di Principles for Responsible Investment (PRI), David Atkin -. Sappiamo che è necessaria un’azione più ambiziosa sul clima, un fatto aggravato dalla crescente tensione geopolitica e dalla devastazione causata dall’intensificarsi degli eventi meteorologici estremi . La necessità di una risposta politica audace, efficace e coordinata sul clima non è mai stata così urgente e invitiamo i governi, a nome degli investitori, a dare ascolto a questi appelli e ad agire».   

Conclude Eric Usher, capo  dell’Iniziativa finanziaria del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP FI) e membro del comitato direttivo dell’agenda degli investitori:   “Dal suo punto di vista di riunire i proprietari di asset, le banche e gli assicuratori del mondo per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050, UNEP FI sostiene con tutto il cuore la Dichiarazione degli investitori globali ai governi sulla crisi climatica, chiedendo politiche più solide che consentano la mobilitazione di capitali privati verso mitigazione climatica, adattamento e resilienza. La giusta transizione non può essere raggiunta senza la collaborazione di tutte le parti interessate; solo lavorando insieme governi, investitori, imprese e società possono rispondere efficacemente alla crisi climatica”. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5