PATHWAY TO COP28

Oltre 130 aziende mondiali chiedono alla COP28 una tempistica per abbandonare i combustibili fossili

Ci sono anche Ikea, Volvo Cars, eBay, Heineken, Vodafone e Nestlé fra le oltre 130 imprese (che rappresentano quasi 1 trilione di dollari di fatturato annuo globale) firmatarie della storica lettera che esorta i leader mondiali a concordare alla Conferenza di Dubai una roadmap per trasformare il sistema energetico globale

Pubblicato il 23 Ott 2023

Con il Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas naturale presentato dal Ministero della Transizione Ecologica la "manopola" dell'energia torna insistere sull'utilizzo dei combustibili fossili

Ci sono anche Ikea, Volvo Cars, eBay, Heineken e Godrej Industries fra le oltre 130 aziende che hanno esortato i leader mondiali a concordare una tempistica per abbandonare i combustibili fossili quando i paesi si incontreranno per il vertice delle Nazioni Unite sul clima a Dubai il mese prossimo.

Le aziende, che complessivamente rappresentano quasi 1 trilione di dollari di fatturato annuo globale, hanno levato l’appello in una lettera aperta diretta ai capi di stato e di governo che parteciperanno alla COP28 negli Emirati Arabi Uniti. Nella lettera, che segna la prima volta in cui un gruppo così ampio di aziende sollecita collettivamente i governi ad abbandonare i combustibili fossili, i firmatari avvertono che le loro aziende “stanno avvertendo gli effetti e i costi dell’aumento degli eventi meteorologici estremi derivanti dal cambiamento climatico”.

Tra i firmatari della lettera compaiono AstraZeneca, BT Group, Nestlé, Unilever, Bayer, Ørsted, Iberdrola e Vodafone.

Dimezzare le emissioni in questo decennio

“Chiediamo a tutte le parti partecipanti alla COP28 di cercare risultati che gettino le basi per trasformare il sistema energetico globale verso un’eliminazione completa dei combustibili fossili e dimezzare le emissioni in questo decennio”, si legge nella lettera, coordinata da We Mean Business Coalition, un’organizzazione no-profit che spinge per una maggiore azione sul clima a livello globale.

Jesper Brodin, amministratore delegato di Ingka, la società dietro Ikea, ha dichiarato che il mondo dovrà smaltire i combustibili fossili, ma le domande chiave ora sono come e quando. “Siamo un’enorme comunità di leader aziendali che chiedono ai nostri leader  di assumersi la responsabilità politica”, ha affermato Brodin. “Vorremmo vedere un accordo sull’eliminazione graduale dei combustibili fossili”.

Un punto critico alla Cop di Dubai

L’eliminazione graduale dei combustibili fossili è destinata a diventare un punto critico alla COP di quest’anno, con l’UE questa settimana che ha accettato di portare avanti la questione a Dubai. Al vertice dello scorso anno, più di 80 paesi hanno sostenuto una proposta per eliminare gradualmente l’uso di petrolio e gas, ma paesi come l’Arabia Saudita e la Russia si sono mobilitati contro la proposta.

Gli Emirati Arabi Uniti sono uno dei maggiori produttori di petrolio e gas al mondo. Il presidente designato della COP28 Sultan al-Jaber, che è anche a capo della compagnia petrolifera statale del paese, quest’anno ha affermato che i combustibili fossili dovranno essere gradualmente eliminati entro “la metà del secolo” se il mondo vuole limitare l’aumento della temperatura globale per soddisfare le esigenze obiettivi dell’accordo di Parigi del 2015. Con l’ accordo di Parigi , i paesi hanno concordato di limitare l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2°C – e idealmente a 1,5°C – rispetto ai livelli preindustriali. Un portavoce della COP28 ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti stanno spingendo per triplicare la capacità di energia rinnovabile. “L’eliminazione graduale dei combustibili fossili è inevitabile ed essenziale, ma deve anche essere giusta e ordinata, e la costruzione di un nuovo sistema energetico può avvenire rapidamente e su vasta scala solo con un’azione unitaria”.

Dall’accordo di Parigi, le imprese hanno fissato i cosiddetti obiettivi netti zero per ridurre le emissioni di gas serra entro il 2050, ma molte hanno espresso preoccupazione per la mancanza di politiche nazionali e internazionali coerenti per raggiungere gli obiettivi dell’accordo del 2015. Nella lettera, le aziende affermano che, in quanto grandi acquirenti e utilizzatori di energia, stanno “agendo e lavorando per eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili” e sostituirli con l’uso di energie rinnovabili. Ma hanno chiesto alle istituzioni finanziarie e ai politici di collaborare con le imprese per garantire che il capitale venga allocato per accelerare la transizione verso l’energia pulita.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5