PATHWAY TO COP28

L’AIE avverte: “Stop agli investimenti sui fossili: le compagnie Oil&Gas ora devono aiutare il mondo”

A pochi giorni da Cop28, l’Agenzia Internazionale dell’Energia pubblica “The oil and gas industry in Net Zero transitions”, indicando cosa possano fare le compagnie petrolifere e del gas per accelerare le transizioni verso lo zero netto. Il direttore Birol: “L’industria del comparto deve impegnarsi ad aiutare veramente il mondo a soddisfare i propri bisogni energetici e gli obiettivi climatici, il che significa abbandonare l’illusione che delle quantità inverosimili di cattura del carbonio siano la soluzione”

Pubblicato il 23 Nov 2023

Schermata 2023-11-23 alle 16.32.53

Il “momento della verità” si avvicina per l’industria del petrolio e del gas. I cambiamenti strutturali nel settore dell’energia stanno procedendo abbastanza rapidamente da raggiungere un picco nella domanda di petrolio e gas entro la fine di questo decennio, secondo le attuali politiche. Dopo il picco, la domanda attuale non diminuirà abbastanza rapidamente da allinearsi con l’Accordo di Parigi e l’obiettivo di 1,5 °C. Tuttavia, se i governi mantengono pienamente i loro impegni nazionali sull’energia e il clima, la domanda di petrolio e gas si ridurrà del 45% rispetto al livello attuale entro il 2050 e l’aumento della temperatura potrebbe essere limitato a 1,7 °C. Se i governi perseguono con successo un percorso di 1,5 °C e le emissioni del settore energetico globale raggiungono lo zero netto entro metà secolo, l’uso di petrolio e gas si ridurrà del 75% entro il 2050.

In questo scenario, a pochi giorni da Cop28, l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) pubblicaThe oil and gas industry in Net Zero transitions” (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO), report che esplora cosa possono fare le compagnie petrolifere e del gas per accelerare le transizioni verso lo zero netto e cosa ciò potrebbe significare per un’industria che attualmente fornisce più della metà dell’approvvigionamento energetico globale e impiega quasi 12 milioni di lavoratori in tutto il mondo.
Dall’indagine emerge – per dirla con le parole del direttore dell’AIE, Fatih Birol – che “l’industria del petrolio e del gas deve impegnarsi ad aiutare veramente il mondo a soddisfare i propri bisogni energetici e gli obiettivi climatici, il che significa abbandonare l’illusione che delle quantità inverosimili di cattura del carbonio siano la soluzione”.

“Continuare così non è socialmente e ambientalmente responsabile”

“Alla COP28 di Dubai  – chiarisce Birol – l’industria del petrolio e del gas affronterà il momento della verità. Con il mondo che soffre gli effetti di una crisi climatica in peggioramento, continuare con le normali attività non è né socialmente, né ambientalmente responsabile. I produttori di petrolio e gas di tutto il mondo devono prendere delle profonde decisioni sul loro ruolo futuro nel settore energetico globale. Questo rapporto speciale mostra una via da seguire equa e fattibile, in cui le compagnie petrolifere e del gas assumono un reale interesse nell’economia dell’energia pulita, aiutando al contempo il mondo ad evitare gli impatti più gravi del cambiamento climatico”.

Un comparto complesso e articolato

Dal 2018, i ricavi annuali generati dall’industria del petrolio e del gas hanno mediato circa 3,5 trilioni di dollari statunitensi. Circa la metà di questa cifra è andata ai governi, mentre il 40% è stato reinvestito e il 10% è stato restituito agli azionisti o utilizzato per ridurre il debito. Le implicazioni delle transizioni verso lo zero netto non sono uniformi: l’industria comprende una vasta gamma di attori, da piccoli operatori specializzati a grandi compagnie petrolifere nazionali (NOC). Sebbene l’attenzione spesso si concentri sul ruolo delle principali compagnie internazionali, che sono sette grandi attori internazionali, esse detengono meno del 13% della produzione e delle riserve mondiali di petrolio e gas. Le NOC rappresentano più della metà della produzione mondiale e circa il 60% delle riserve mondiali di petrolio e gas. 

Il comparto “osserva la transizione energetica da spettatore”

L’AIE rivela che “la maggior parte delle compagnie petrolifere e del gas osserva le transizioni energetiche da spettatore. Le compagnie petrolifere e del gas rappresentano solo l’1% degli investimenti totali in energia pulita a livello globale. Più del 60% di questi investimenti proviene solo da quattro compagnie, su migliaia di produttori di petrolio e gas nel mondo oggi. Al momento, l’industria del petrolio e del gas nel suo complesso rappresenta una forza marginale nel sistema di transizione verso un’energia pulita a livello mondiale”.

Il compito principale è ridurre le emissioni derivanti dalle operazioni aziendali. Sebbene non esista un unico piano di cambiamento, c’è un elemento che può e dovrebbe essere presente in tutte le strategie di transizione aziendale: la riduzione delle emissioni derivanti dalle operazioni dell’industria stessa. Al momento, meno della metà della produzione globale di petrolio e gas è prodotta da aziende che hanno obiettivi per ridurre tali emissioni. “È necessaria una coalizione molto più ampia – con obiettivi molto più ambiziosi – per ottenere riduzioni significative nell’intera industria del petrolio e del gas. La produzione, il trasporto e l’elaborazione di petrolio e gas generano poco meno del 15% delle emissioni globali di gas serra legate all’energia. Si tratta di una quantità enorme, equivalente a tutte le emissioni di gas serra legate all’energia degli Stati Uniti”, spiega l‘Agenzia.

Emissioni: necessaria una riduzione del 60% entro il 2030

Per allinearsi a uno scenario di 1,5 °C, queste emissioni devono essere ridotte di oltre il 60% entro il 2030 rispetto ai livelli attuali e l’intensità delle emissioni delle operazioni globali di petrolio e gas deve avvicinarsi allo zero entro i primi anni ’40. Questi sono parametri appropriati per un’azione a livello industriale sulle emissioni, indipendentemente dallo scenario futuro. L’intensità delle emissioni dei peggiori performer è attualmente cinque-dieci volte superiore a quella dei migliori. Il metano rappresenta la metà delle emissioni totali delle operazioni di petrolio e gas. Affrontare le fughe di metano è una priorità assoluta e può essere fatto in modo molto efficace dal punto di vista dei costi, ma non è l’unica priorità.

Le transizioni danneggeranno il risultato finale delle aziende focalizzate su petrolio e gas. La volatilità dei prezzi dei combustibili fossili significa che i ricavi potrebbero fluttuare di anno in anno, ma in definitiva il petrolio e il gas diventano un settore meno redditizio e più rischioso man mano che le transizioni verso lo zero netto si accelerano. I prezzi e la produzione sono generalmente più bassi e il rischio di asset inutilizzati è maggiore, soprattutto nel settore della logistica che include raffinerie e impianti per il gas naturale liquefatto. Se le aspettative sono che la domanda e i prezzi seguano uno scenario basato sulle politiche attuali, ciò valorizzerebbe le attuali compagnie private di petrolio e gas a circa 6 trilioni di dollari statunitensi. Se tutti gli obiettivi energetici e climatici nazionali vengono raggiunti, questo valore è inferiore del 25%, e del 60% se il mondo si impegna a limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C.

“Gli investimenti nel petrolio e nel gas sono oggi leggermente più redditizi, ma i rendimenti sono meno stabili – scrive l’AIE – . Stimiamo che il rendimento del capitale impiegato nell’industria del petrolio e del gas sia stato in media tra il 6% e il 9% tra il 2010 e il 2022, mentre era del 6% per i progetti di energia pulita. I rendimenti del petrolio e del gas sono variati notevolmente nel tempo rispetto a rendimenti più consistenti per i progetti di energia pulita.

Un mondo che “deve cambiare”

Gli investimenti nel petrolio e nel gas sono necessari in tutti gli scenari, ma la traiettoria della domanda in un mondo a 1,5 °C non lascia spazio per nuovi campi. È necessario un investimento continuo nell’approvvigionamento di petrolio e gas in tutti gli scenari, ma i 800 miliardi di dollari che vengono attualmente investiti ogni anno sono il doppio di quanto richiesto nel 2030 per far fronte alla domanda in calo in uno scenario a 1,5 °C. Gli investimenti in campi esistenti e alcuni nuovi campi sono necessari in un mondo che raggiunge gli impegni nazionali sull’energia e il clima, anche se non è necessaria un’ulteriore esplorazione complessiva. In uno scenario in cui le emissioni globali raggiungono lo zero netto entro il 2050, le diminuzioni della domanda sono sufficientemente rapide da non richiedere nuovi progetti di petrolio e gas convenzionali a lungo termine. Alcune produzioni esistenti dovrebbero addirittura essere interrotte. Nel 2040, oltre 7 milioni di barili al giorno di produzione di petrolio vengono fermati prima della fine del loro ciclo di vita tecnico in uno scenario a 1,5 °C. Nelle transizioni verso lo zero netto, lo sviluppo di nuovi progetti si trova di fronte a rischi commerciali significativi e potrebbe anche fissare emissioni che superano la soglia di 1,5 °C nel mondo. I produttori devono spiegare come lo sviluppo di nuove risorse sia fattibile all’interno di un percorso globale verso le emissioni zero nette entro il 2050 e devono essere trasparenti su come intendono evitare di rendere irraggiungibile questo obiettivo”.

L’apporto delle nuove tecnologie

“L’industria del petrolio e del gas è ben posizionata per sviluppare alcune tecnologie cruciali per le transizioni verso lo zero netto – prosegue l’indagine -. Circa il 30% dell’energia consumata in un sistema energetico a zero netto nel 2050 proviene da carburanti e tecnologie a basse emissioni che potrebbero beneficiare delle competenze e delle risorse dell’industria del petrolio e del gas. Questi includono l’idrogeno e i carburanti a base di idrogeno; la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS); l’eolico offshore; i biocarburanti liquidi; il biometano; e l’energia geotermica. Le compagnie petrolifere e del gas sono già partner in una grande parte dei progetti di idrogeno pianificati che utilizzano CCUS ed elettrolisi. L’industria del petrolio e del gas è coinvolta nel 90% della capacità di CCUS in funzione in tutto il mondo. CCUS e la cattura diretta dell’aria sono tecnologie importanti per raggiungere le emissioni zero nette, specialmente per affrontare o compensare le emissioni nei settori difficili da decarbonizzare. Al momento, solo circa il 2% della capacità di energia eolica offshore in funzione è stata sviluppata da compagnie petrolifere e del gas. Tuttavia, i piani si stanno espandendo e il fronte tecnologico per l’eolico offshore, compresi i turbine galleggianti in acque più profonde, avvicina questo settore alle aree di forza delle compagnie petrolifere e del gas. Inoltre, le competenze e le infrastrutture dell’industria, comprese le reti di distribuzione esistenti e le raffinerie, danno all’industria vantaggi in settori come la ricarica dei veicoli elettrici e il riciclaggio della plastica.

Ma tutto ciò richiede un cambiamento radicale nell’allocazione degli investimenti dell’industria. Le aziende che hanno annunciato l’obiettivo di diversificare le proprie attività nell’energia pulita rappresentano poco meno di un quinto della produzione attuale di petrolio e gas. Nel 2022, l’industria del petrolio e del gas ha investito circa 20 miliardi di dollari in energia pulita, pari al 2,5% della sua spesa totale in investimenti”.  

50% delle spese di capitale a progetti di energia pulita 

Per i produttori che scelgono di diversificare e cercano di allinearsi agli obiettivi dell’Accordo di Parigi, l’analisi dettagliata dei flussi di cassa in uno scenario a 1,5 °C proposta dall’AIE suggerisce che “un’ambizione ragionevole sia destinare il 50% delle spese di capitale a progetti di energia pulita entro il 2030, oltre agli investimenti necessari per ridurre le emissioni di scope 1 e 2. Non tutte le compagnie petrolifere e del gas devono diversificarsi nell’energia pulita, ma l’alternativa è ridurre gradualmente le operazioni tradizionali nel tempo. Alcune aziende potrebbero ritenere che la loro specializzazione sia nel petrolio e nel gas naturale e quindi decidere che, anziché rischiare denaro in settori di attività sconosciuti, altri siano più in grado di allocare questo capitale. Ma allineare le loro strategie alle transizioni verso lo zero netto richiederebbe loro di ridurre le attività di petrolio e gas e contemporaneamente investire nella riduzione delle emissioni di scope 1 e 2″.

Le “trappole” da evitare

Due trappole per la discussione sul futuro del petrolio e del gas. Un dibattito produttivo sull’industria del petrolio e del gas nelle transizioni deve evitare due comuni fraintendimenti, raccomanda l’AIE.

Farsi guidare solo dalla domanda

Il primo è che le transizioni possono essere guidate solo dai cambiamenti nella domanda. “Quando il mondo dell’energia cambia, lo faremo anche noi” non è una risposta adeguata alle immense sfide che ci attendono. Un focus sbilanciato sulla riduzione dell’offerta è altrettanto improduttivo, in quanto comporta un rischio maggiore di picchi di prezzo e volatilità di mercato. Nella pratica, nessuno impegnato al cambiamento dovrebbe aspettare che qualcun altro si muova per primo. Le transizioni di successo e ordinate sono collaborazioni in cui i fornitori lavorano con consumatori e governi per espandere nuovi mercati per prodotti e servizi a basse emissioni.

Eccessiva dipendenza dalla CCUS

Il secondo è l’eccessiva aspettativa e la dipendenza dalla CCUS. La cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio sono tecnologie essenziali per raggiungere le emissioni zero nette in determinati settori e circostanze, ma non rappresentano un modo per mantenere lo status quo. Se il consumo di petrolio e gas naturale dovesse evolvere come previsto sulla base delle politiche attuali, ciò richiederebbe un impensabile 32 miliardi di tonnellate di carbonio catturato per utilizzo o stoccaggio entro il 2050, di cui 23 miliardi di tonnellate attraverso la cattura diretta dell’aria per limitare l’aumento di temperatura a 1,5 °C. Le necessarie tecnologie di cattura del carbonio richiederebbero 26.000 terawattora di generazione di elettricità per funzionare nel 2050, più della domanda globale di elettricità nel 2022. E richiederebbe oltre 3,5 trilioni di dollari di investimenti annuali fino alla metà del secolo, pari all’intero fatturato medio annuo del settore negli ultimi anni.

“Le economie basate principalmente sulle entrate da petrolio e gas devono affrontare grandi incertezze, ma i loro vantaggi energetici non vengono persi durante la transizione – chiarisce l’Agenzia -. Le economie che dipendono fortemente dalle entrate da petrolio e gas si trovano di fronte a scelte e pressioni significative durante le transizioni energetiche. Queste scelte non sono nuove, ma la prospettiva di una domanda di petrolio e gas in calo aggiunge una linea temporale e una scadenza al processo di diversificazione economica. Le transizioni creano incentivi potenti per accelerare il ritmo del cambiamento mentre si svuota una fonte di entrate che potrebbe finanziarlo. Rispetto alla media annuale tra il 2010 e il 2022, il reddito netto pro capite derivante da petrolio e gas tra le economie produttrici è inferiore del 60% nel 2030 in uno scenario a 1,5 °C. I nuovi produttori che entrano nel mercato affrontano sfide aggiuntive, poiché potrebbero sovrastimare le ricchezze che potrebbero ottenere e sottovalutare i pericoli”.

La possibile via da seguire

Molti produttori sono anche fortemente esposti ai rischi derivanti da un clima in cambiamento, che potrebbero ulteriormente compromettere la sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Le sfide sono formidabili, ma esistono strategie energetiche a zero netto praticabili per le economie dei produttori e le compagnie petrolifere nazionali. Le economie dei produttori di oggi mantengono vantaggi energetici anche mentre il mondo si allontana dai combustibili fossili. Nella maggior parte dei casi, i principali produttori di idrocarburi a basso costo dispongono anche di competenze e risorse rinnovabili abbondanti e sottoutilizzate che potrebbero ancorare posizioni nelle catene del valore dell’energia pulita e nelle industrie a basse emissioni. Ridurre le emissioni dalle forniture tradizionali, comprese le emissioni di utilizzo finale; mettere i sistemi energetici interni su una base più pulita attraverso la graduale eliminazione degli incentivi inefficienti e l’incremento dell’adozione di energie pulite; e sviluppare prodotti e servizi a basse emissioni offrono una via da seguire.

Sarà “un percorso volatile e accidentato”

L’industria del petrolio e del gas farà parte della soluzione? “I nostri scenari tracciano come potrebbe essere raggiunta la transizione, ma l’aspettativa di base dovrebbe essere quella di un percorso volatile e accidentato – conclude l’Agenzia -. È difficile pianificare per mercati in declino e il potenziale per interruzioni proviene anche da tensioni geopolitiche e da un aumento degli eventi climatici estremi. I governi devono essere vigili per i rischi di accessibilità ed affidabilità dell’approvvigionamento. Le implicazioni di qualsiasi interruzione fisica dell’approvvigionamento si fanno sentire maggiormente nelle economie emergenti e in via di sviluppo dell’Asia, la cui quota delle importazioni mondiali di petrolio greggio passa dall’attuale 40% al 60% nel 2050 in uno scenario che rispetta gli obiettivi energetici e climatici nazionali. Sul lato dell’offerta, nonostante la domanda complessiva diminuisca, il Medio Oriente svolge un ruolo sproporzionato nei mercati globali come produttore a basso costo di petrolio e gas. Il dialogo in tutte le parti delle catene del valore del petrolio e del gas è ancora essenziale per realizzare una transizione ordinata lontano dai combustibili fossili e per garantire che i produttori di oggi abbiano una partecipazione significativa nell’economia dell’energia pulita. L’industria deve cambiare, ma questo dialogo ha anche bisogno di segnali chiari dai consumatori sulla direzione e sulla velocità del cambiamento per guidare le decisioni di investimento, assegnare valore al petrolio e al gas con minori intensità di emissioni, sviluppare mercati per carburanti a basse emissioni e collaborare nell’innovazione tecnologica. Le transizioni energetiche possono avvenire senza il coinvolgimento dell’industria del petrolio e del gas, ma il percorso verso lo zero netto sarà più costoso e difficile da navigare se non partecipano”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5